NOTIZIE

12 Novembre 2022

ANCoDiS: sottoscritto l’accordo economico, adesso attendiamo il CCNL

ANCoDiS: sottoscritto l’accordo economico, adesso attendiamo il CCNL

12 November 2022

Si è raggiunto – a dir vero inaspettatamente – l’accordo economico del contratto della scuola con l’utilizzo delle risorse messe a disposizione dal precedente governo Draghi e che – forse avevamo compreso erroneamente nei mesi scorsi! – erano ritenute insufficienti dai sindacati di categoria.

Improvvisamente dopo mesi di trattative con il Ministro Bianchi e con l’Aran, le risorse economiche sono risultate congrue previo un impegno formale del Ministro Valditara di trovare nuove risorse nella prossima legge di bilancio per lasciare “liberi” i 340 milioni di euro destinati alla valorizzazione professionale dei docenti dalla precedente legge di bilancio.

Tutti cantano vittoria; tutti o quasi parlano di “giornata storica”!

A dicembre vedremo un “ricco” cedolino che in realtà poteva esserlo già nei precedenti mesi considerato che di fatto le risorse disponibili sono aumentate soltanto di 100 milioni di euro una tantum.

E’ “tantum”? E’ poco? Lo faremo valutare ai lavoratori della scuola che ancora una volta vedranno un incremento stipendiale modesto poiché, se guardiamo ai 15 anni trascorsi, hanno visto crescere lo stipendio di qualche decina di euro all’anno.

Ottimo incremento stipendiale coerente con quanto accade nel resto dell’Europa! Allora che dire? Accontentiamoci del poco che è meglio del niente ma, per cortesia, non si parli di sottoscrizione storica per un accordo a dir poco “SCONTATO”!

Adesso ci attende il CCNL nella sua parte normativa. E qui vedremo quale visione segnerà i protagonisti che siederanno al tavolo.

Prevarrà ancora la visione conservatrice dei precedenti CCNL?

“Auspichiamo, dichiara il Presidente di Ancodis Rosolino Cicero, un contratto innovativo che guardi oltre che ai diritti e ai doveri dei lavoratori anche al LAVORO prevedendo una nuova articolazione della funzione docente”.

Ancodis chiede un contratto che ponga attenzione alla QUANTITA’ e alla QUALITA’ del lavoro espletato sia nell’azione didattica che in quella altrettanto importante dedicata al funzionamento organizzativo e didattico di una scuola, che non lasci ai margini le figure di sistema che da anni si sono formate con professionalità, con energie e risorse economiche anche proprie: i Collaboratori del DS, i Responsabili di plesso distaccato, gli Animatori digitali, le FF.SS., i Referenti per l’Inclusione, i Coordinatori didattici, i Coordinatori di dipartimenti, i referenti di sistema (PON, ERASMUS, PCTO, Privacy, Intercultura, Bullismo e cyberbullismo, INVALSI, ecc.).

“Senza questi docenti di fatto “esperti” e senza queste forme di lavoro anche complementari una scuola non potrebbe funzionare né portare avanti il suo progetto educativo. Considerata la complessità della scuola moderna – conclude Cicero – occorre aprire la strada ad un moderno contratto nel quale il personale docente deve poter contare su un’opportunità di carriera strutturata su tre IMPEGNI professionali: impegno nella didattica, impegno nel funzionamento organizzativo e didattico, impegno nella formazione. In caso contrario, resteremo colpevolmente fermi al 900 con buona pace di quanti hanno creduto e continuano a credere che un cambiamento contrattuale è più che mai necessario”.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da… [...]

Pubblicato da Anna Maria De Luca* Una “chiamata alle armi” per tutti coloro che lavorano, a qualsiasi titolo, nel mondo della scuola. È questo il senso delle poche righe che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Dal 13 al 22 aprile e dal 15 al 25 luglio del 2023. Sono le due sessioni in cui potranno essere effettuate le prove per il TOLC (acronimo… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sei un docente o un collaboratore scolastico? Sai che potresti avere una spada di Damocle sopra la testa?  Scopri perché, guarda il video La normativa vigente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Sul tema del dimensionamento scolastico vorrei precisare che le scelte del dicastero vanno nella doppia direzione di mitigare gli effetti delle normative precedenti e di osservare… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 2 Dicembre 2022

Iscrizioni 2023/24: domande dal 9 gennaio, registrazione dal 19 dicembre. Inviata la circolare alle scuole

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Iscrizioni 2023/24: domande dal 9 gennaio, registrazione dal 19 dicembre.

Tutto scuola 2 Dicembre 2022

Cosa fare se tuo figlio è un bullo? Piccolo vademecum per genitori

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Cosa fare se tuo figlio è un bullo? Piccolo vademecum per genitori 2 December 2022 Il libro è uscito a gennaio 2018  ma è quanto mai d’attualità, viste le notizie degli ultimi tempi.

Tutto scuola 2 Dicembre 2022

Iscrizioni scuola dell’Infanzia, domande ancora con modulo cartaceo: cosa fare e quando

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Iscrizioni scuola dell’Infanzia, domande ancora con modulo cartaceo: cosa fare e quando 2 December 2022 Vengono fornite di seguito notizie essenziali per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia statale.

NOTIZIE 2 Dicembre 2022

Obbligo vaccino docenti e Ata: per la Corte Costituzionale è legittimo. Anief: la battaglia continua. La parola passa alla CGUE

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Obbligo vaccino docenti e Ata: per la Corte Costituzionale è legittimo.

torna all'inizio del contenuto