NOTIZIE

21 Settembre 2022

Assegno ordinario di invalidità, quando impedisce il pensionamento anticipato?

Assegno ordinario di invalidità, quando impedisce il pensionamento anticipato?

21 September 2022

L’assegno ordinario di invalidità impedisce di accedere alla pensione anticipata solo fintanto che si percepisce.

I titolari di assegno ordinario di invalidità non possono accedere alla pensione anticipata e devono attendere il raggiungimento dei 67 anni per poter accedere a quella di vecchiaia. Questa affermazione ha allarmato un nostro lettore che, per chiedere spiegazioni, ci scrive:

Buongiorno Dott.ssa Del Pidio.

Sono un Vs. Assiduo lettore e già in passato ho approfittato della Sua competenza e gentilezza e anche per questo Le chiedo scusa. Leggendo un Suo articolo del 29/8 scorso di cui al link di seguito precisato https://www.orizzontescuola.it/riforma-pensioni-esiste-qualche-nuova-possibilita-di-uscita/

rispondendo a un altro lettore, ha consigliato allo stesso di chiedere l’AOI facendogli presente che questa prestazione pensionistica, rinnovabile, lo avrebbe potuto accompagnare fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia, ma avvertendolo che gli avrebbe inibito l’accesso alla pensione anticipata. Questa ultima cosa mi ha alquanto allarmato. Raggiungerò i 42 anni e 10 mesi necessari al raggiungimento dei requisiti pensionistici previsti dalla Legge Fornero il prossimo mese di giugno. Negli anni 1998-1999-2000, in concomitanza di una grave malattia ho fruito dell’assegno di invalidità temporanea cat. IO  (non quello di inabilità!) che era rinnovabile di tre anni in tre anni.

Alla scadenza del primo triennio feci richiesta di rinnovo che però non fu approvata dall’INPS che quindi cessò l’erogazione della prestazione. La domanda che Le pongo è se potrò andare in pensione anticipata a giugno prossimo come previsto fino ad oggi con i 42 anni e 10 mesi di contributi, oppure se ciò mi potrebbe essere precluso dall’aver percepito l’assegno di invalidità suddetto.

In un altro sito ho letto che chi percepisce l’assegno di invalidità non può accedere alla pensione anticipata e che l’unica possibilità di pensionamento sarebbe quella di vecchiaia a 67 anni. Possono accedere alla pensione anticipata soltanto se non rinnovano l’assegno ordinario di invalidità alla scadenza dei 3 anni (che sarebbe la mia casistica!). Mi potrebbe per cortesia fornire qualche chiarimento in più sull’argomento?

La ringrazio per la Sua cortesia e per la Sua pazienza, e sperando in un Suo riscontro, porgo i più cordiali saluti.

Assegno ordinario di invalidità e pensione anticipata

Mi dispiace averla allarmata con quello che ho scritto, ma forse sono stata fraintesa. Il titolare di assegno ordinario di invalidità deve attendere i 67 anni. Ma solo fintanto che è titolare, ovvero che lo percepisce. Se un lavoratore raggiunge i 42 anni e 10 mesi di contributi ma percepisce un AOI, non potrà accedere all’anticipo. Questo è un limite che va a pesare soprattutto per chi, dopo il terzo rinnovo, si vede titolare di un AOI permanente, ovvero non più soggetto a scadenza triennale.

Chi, invece, alla scadenza non lo rinnova può presentare domanda di pensione anticipata. Per avere diritto all’anticipo, quindi, non si deve percepire l’assegno ordinario. Ma se si attende la scadenza senza rinnovarlo non sussiste alcun problema. Il fatto che bisogna sottolineare è che una volta richiesto, fino alla scadenza per quello con validità triennale e fino al compimento dei 67 anni quello permanente, l’AOI non può essere in alcun modo “rifiutato” o interrotto. Ed in alcuni casi questo può essere una preclusione al diritto di anticipo. Perchè, essendo

Nel suo caso, avendo percepito l’AOI oltre 20 anni fa, non sussiste alcun problema nell’andare in pensione con 42 anni e 10 mesi di contributi con la pensione anticipata. Ad oggi, infatti, lei non è titolare di assegno ordinario. Stia pure tranquillo, il prossimo giugno, dopo aver atteso i 3 mesi di finestra dal raggiungimento dei requisiti, potrà godersi la sua meritata pensione.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Giorgia Meloni vince le elezioni 2022, ma quali sono le proposte per la scuola di FdI? In queste settimane abbiamo sentito più volte quali sono le proposte… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno. A darne notizia… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Alunni stranieri: i dati riportati nel Focus “Principali dati della scuola – Avvio anno scolastico 2022-2023”, elaborati dall’Ufficio statistica del Ministero dell’Istruzione, consentono molte valutazioni sull’andamento… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola è sempre più digitale e il PNRR sarà un’opportunità unica per colmare il gap tecnologico con le scuole dei paesi più avanzati.I dispositivi moderni aiutano studenti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola   Il prossimo 29 settembre Tuttoscuola incontrerà le scuole dell’Abruzzo in un evento in presenza dedicato a “La scuola che sogniamo“. Non lo nascondiamo: siamo molto emozionati all’idea di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:57 Marco Barone Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente 28 September 2022 Se è vero che il datore di lavoro non può esercitare alcun potere autorizzatorio e discrezionale nella concessione dei permessi sindacali, è altrettanto vero che la giurisprudenza non vieta che il datore possa verificare la correttezza dell’utilizzo degli stessi, sono plurime le sentenze che si stanno affermando in materia  e che vedono diversi casi di […] Per visualizzare questo contenuto devi essere abbonato a La dirigenza scolastica: rivista operativa per Dirigenti Scolastici, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff or Abbonamento due riviste: Gestire il personale scolastico + La dirigenza scolastica, rivista operativa.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare 28 September 2022 A chi spetta la valutazione della gravità delle patologie del personale della scuola? In caso di assenze, i dipendenti sono esclusi dall’obbligo del rispetto delle c.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:41 Antonio Fundarò Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base 28 September 2022 Ad ordinanza ministeriale ancora non pubblicata, per questo anno scolastico, e sulla scorta della vigente normativa dall’ordinanza ministeriale n.

Tutto scuola 28 Settembre 2022

Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura 28 September 2022 Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno.

torna all'inizio del contenuto