NOTIZIE

7 Gennaio 2023

Autonomia differenziata, per Bonaccini (PD) la scuola non deve essere toccata: “Non dividere il Paese”

Autonomia differenziata, per Bonaccini (PD) la scuola non deve essere toccata: “Non dividere il Paese”

7 January 2023

“La proposta di autonomia differenziata, che anche il Pd a livello nazionale ha proposto, è una proposta che non dice no a prescindere, perché sarebbe un regalo alla destra e alla Lega, ma che pone delle condizioni ben precise: i Lep vanno definiti prima e non dopo”.

Così Stefano Bonaccini, candidato alla segreteria nazionale del Pd, oggi a Lecce.

Bisogna coinvolgere il Parlamento per una legge quadro parlamentare che sia uguale per tutti; bisogna togliere il tema dei residui fiscali che se affrontati significa parlare di secessione e non di autonomia; bisogna togliere materie divisive come scuola e sanità che devono rimanere centrali. Un’autonomia differenziata così, potrebbe diventare occasione avere meno burocrazia e più programmabilità delle risorse e degli investimenti. Se qualcuno ha in mente, come temo, di dividere il paese non se ne fa niente“, aggiunge il presidente della Regione Emilia Romagna.

La bozza Calderoli non va bene innanzi tutto perché non condivisa con la Conferenza delle Regioni” e “ho l’impressione che dalle parti di Fratelli d’Italia questa proposta non piaccia, viste le reazioni e anche dei loro governatori“, osserva Bonaccini.

Quella di Bonaccini non è certamente l’unica posizione diffidente nei confronti della regionalizzazione: Il dubbio sollevato da molti è che l’autonomia differenziata, specialmente su alcuni settori come l’istruzione e la sanità, possa far aumentare la forbice fra Nord e Sud del Paese.

A titolo di esempio, l’associazione Svimez riporta alcuni dati sulla scuola primaria, prendendo come riferimento l’ultimo rapporto del 2022, che vedeva il 50% dei bambini in Lombardia ed Emilia-Romagna frequentare classi a tempo pieno, in Piemonte il 51%. Numeri ben distanti da quelli di Sicilia (10%), Calabria (24%) e Campania (18%).

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto