NOTIZIE

16 Novembre 2019

Bando PRIN 2017, in corso le procedure per il finanziamento dei progetti vincitori

Il bando, emanato con D.D. 3728 del 27 dicembre 2017, ha visto la partecipazione di 4.551 progetti, 975 dei quali finanziati, per un ammontare complessivo di circa 386 milioni di euro

Il bando PRIN 2017 (emanato con D.D. 3728 del 27 dicembre 2017) ha visto la partecipazione di 4.551 progetti, 975 dei quali finanziati, per un ammontare complessivo di circa 386 milioni di euro.

Al termine delle valutazioni, sono pervenuti al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca 18 ricorsi (meno dello 0,4% dei partecipanti), molti dei quali già oggetto di ordinanza TAR con la quale è stata semplicemente disposta l’integrazione della motivazione di esclusione dal finanziamento.

Ovviamente, per consentire tale adempimento, il TAR ha ritenuto di accogliere la sospensiva cautelare richiesta dai ricorrenti; per tale motivo, per alcuni dei settori scientifici interessati dal bando (si tratta in tutto dei 25 settori individuati dall’European Research Council) si sono verificati momentanei ritardi nell’erogazione dei finanziamenti.

La situazione attuale può essere sinteticamente così riassunta:

–        i progetti relativi a 15 settori scientifici (5 settori relativi alle Scienze della vita – LS1, LS2, LS6, LS7, LS9 – 9 settori relativi alle Scienze fisiche, chimiche e ingegneristiche – da PE1 a PE10, escluso il PE7 – e 1 settore relativo alle Scienze umanistiche – SH3) sono già in corso e hanno già ricevuto la prima tranche di finanziamenti;

–        i progetti relativi a 4 settori (2 settori relativi alle Scienze della vita – LS3, LS4 – 1 settore relativo alle Scienze fisiche, chimiche e ingegneristiche – PE7 – e 1 settore relativo alle Scienze umanistiche – SH4) stanno ricevendo in questi giorni la prima tranche di finanziamento;

–        per altri 2 settori (entrambi relativi alle Scienze umanistiche – SH1, SH5), il MIUR, avendo ricevuto dai competenti Comitati di Valutazione le integrazioni alle motivazioni richieste dal TAR, non appena saranno stati registrati dagli organi di controllo i decreti di ammissione a finanziamento, provvederà tempestivamente all’erogazione della prima tranche di finanziamento;

–        per i restanti 4 settori (2 relativi alle Scienze della vita – LS5, LS8 – e 2 relativi alle Scienze umanistiche- SH2, SH6) la situazione appare invece più complessa, sia a causa dell’esistenza di più ricorsi, sia a causa del non ancora intervenuto pronunciamento da parte del TAR; su questi settori il MIUR ha, comunque, provveduto a redigere i decreti di ammissione a finanziamento per le linee di intervento interne ai settori scientifici, che non sono risultate oggetto di ricorso, così come sta operando per percorrere celermente tutte le soluzioni gestionali atte a consentire ai progetti inclusi nelle graduatorie incise dai ricorsi di poter iniziare le attività di ricerca, pur sempre nella piena salvaguardia delle posizioni giudizialmente definite.

A breve, tutti i ricercatori interessati potranno prendere visione dell’avanzamento delle procedure, per ogni singolo settore scientifico e per ogni singola linea d’intervento, sul sito dedicato al bando PRIN.

Fonte dell’articolo: MIUR

Bando PRIN 2017, in corso le procedure per il finanziamento dei progetti vincitori

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Soltanto la metà delle scuole di Ischia dichiara di avere redatto il DVR, il Documento di Valutazione dei Rischi. E’ quanto risulta da un’elaborazione dati di… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, mercoledì 30 novembre, presso l’Aula della Commissione Politiche dell’Unione europea, al terzo piano di Palazzo Carpegna del Senato, le Commissioni riunite Cultura di Senato e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Il problema del contenzioso relativo al concorso dei dirigenti scolastici merita un’attenta riflessione, sia per coloro che sono in attesa di conoscere le determinazioni giurisdizionali, sia… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ody! Non ti avevo detto di aspettarmi fuori? – Lui mostrò un braccialetto lampeggiante e disse: – C’è una richiesta d’aiuto immediata da una scuola…”. Barbara… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come era stato annunciato dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, lo scorso 29 novembre è stato firmato il decreto di riparto di 500 milioni… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 1 Dicembre 2022

Dimensionamento: le ‘mega’ scuole sono il modello giusto?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dimensionamento: le ‘mega’ scuole sono il modello giusto? 1 December 2022 Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da 4,6 a 4,9 in media).

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 Aumento stipendi Invalsi 2023 Neoassunti Supplenze GI 24CFU Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 “Con Intercultura anche un soggiorno di 4 settimane può diventare un’esperienza interculturale.

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Asili nido, in Sicilia 4 milioni per investimenti in strutture per la prima infanzia. L’avviso

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Asili nido, in Sicilia 4 milioni per investimenti in strutture per la prima infanzia.

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Permanenza in servizio fino a 71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Permanenza in servizio fino a 71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva 1 December 2022 Perchè per i contributivi puri ci sono più possibilità di ottenere il trattenimento in servizio e in quali casi? Il dipendente pubblico può essere collocato a riposo d’ufficio solo se, al compimento dei 67 anni ha raggiunto il diritto alla pensione.

torna all'inizio del contenuto