Tutto scuola

5 Settembre 2022

Campagna elettorale/2. Su cosa sono tutti d’accordo? La libertà di scelta educativa

Campagna elettorale/2. Su cosa sono tutti d’accordo? La libertà di scelta educativa

5 September 2022

La politica attuale pecca di irrealtà (…), senza prospettare un futuro. Elenca promesse, ma non indica tempi e costi”, scrive Sabino Cassese sul Corriere della sera. Qualche ulteriore esempio tratto dal libro dei sogni sulla scuola? Il tempo pieno per tutti (costo 12 miliardi di euro), l’obbligo per la scuola dell’infanzia (costo 3,5 miliardi all’anno), e così via.

Un esordio di dibattito pubblico sulla riforma dell’istruzione secondaria si era profilato, per la verità, alla fine dello scorso mese di luglio, quando Matteo Salvini aveva pesantemente criticato l’idea (non una vera proposta) formulata da Carlo Calenda in un’intervista di due mesi prima di estendere la “forma liceo” a tutti gli studenti fino a 18 anni. Idea alla quale Salvini contrapponeva, al contrario, il rafforzamento dell’istruzione tecnica e professionale. Dibattito che poi non si è sviluppato, e di cui resta una pallida eco nella proposta del Terzo Polo di rafforzare la formazione generale trasversale nel biennio iniziale delle scuole secondarie superiori facendole terminare a 18 anni.

L’unico tema di riforma sul quale si profila una convergenza trasversale è, a sorpresa, quello della libertà di scelta educativa, che in linea di principio registra l’accordo tra il Centro-destra, il cui programma prevede il “buono scuola” per le famiglie, il PD, che parla di “costo standard di sostenibilità anche per promuovere il pluralismo educativo” e il Terzo Polo Calenda-Renzi che punta sulla “compiuta attuazione della parità scolastica migliorando gli strumenti a disposizione e studiandone altri (buono scuola, rimborsi fiscali, costo standard ecc.)”.

Di vere riforme insomma si parla poco, e del tutto trascurato appare il tema chiave, anche nel dibattito internazionale, della personalizzazione degli itinerari formativi nella prospettiva della compiuta digitalizzazione dei tempi, dei modi e degli strumenti a sostegno dell’apprendimento e dell’insegnamento. Né si parla di una governance meno burocratica e più basata su responsabilità e valutazione dei risultati, o di possibilità da parte delle scuole di scegliere il personale per rispondere agli obiettivi ad esse assegnati, o di come riconfigurare il sistema alla luce del forte calo degli studenti.

Se ne parlerà, forse, dopo le elezioni. Chissà.

Per approfondimenti:

Programmi elettorali sulla scuola a confronto. INFOGRAFICA

Programmi elettorali sulla scuola: un libro dei sogni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Giorgia Meloni vince le elezioni 2022, ma quali sono le proposte per la scuola di FdI? In queste settimane abbiamo sentito più volte quali sono le proposte… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno. A darne notizia… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Alunni stranieri: i dati riportati nel Focus “Principali dati della scuola – Avvio anno scolastico 2022-2023”, elaborati dall’Ufficio statistica del Ministero dell’Istruzione, consentono molte valutazioni sull’andamento… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola è sempre più digitale e il PNRR sarà un’opportunità unica per colmare il gap tecnologico con le scuole dei paesi più avanzati.I dispositivi moderni aiutano studenti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola   Il prossimo 29 settembre Tuttoscuola incontrerà le scuole dell’Abruzzo in un evento in presenza dedicato a “La scuola che sogniamo“. Non lo nascondiamo: siamo molto emozionati all’idea di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:57 Marco Barone Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente 28 September 2022 Se è vero che il datore di lavoro non può esercitare alcun potere autorizzatorio e discrezionale nella concessione dei permessi sindacali, è altrettanto vero che la giurisprudenza non vieta che il datore possa verificare la correttezza dell’utilizzo degli stessi, sono plurime le sentenze che si stanno affermando in materia  e che vedono diversi casi di […] Per visualizzare questo contenuto devi essere abbonato a La dirigenza scolastica: rivista operativa per Dirigenti Scolastici, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff or Abbonamento due riviste: Gestire il personale scolastico + La dirigenza scolastica, rivista operativa.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare 28 September 2022 A chi spetta la valutazione della gravità delle patologie del personale della scuola? In caso di assenze, i dipendenti sono esclusi dall’obbligo del rispetto delle c.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:41 Antonio Fundarò Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base 28 September 2022 Ad ordinanza ministeriale ancora non pubblicata, per questo anno scolastico, e sulla scorta della vigente normativa dall’ordinanza ministeriale n.

Tutto scuola 28 Settembre 2022

Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura 28 September 2022 Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno.

torna all'inizio del contenuto