NOTIZIE

18 Settembre 2022

Cari ragazzi, amate la scuola perché ci salverà. Lettera

Cari ragazzi, amate la scuola perché ci salverà. Lettera

18 September 2022

Inviata da Mario Bocola – Prendo spunto dal libro di Dacia Maraini “La scuola ci salverà” (Milano, Solferino, 2021) per esprimere alcune riflessioni sulla scuola, sulla sua condizione attuale, sui rapporti tra i professori e gli alunni, sul rispetto delle regole all’interno della comunità scolastica.

Cari ragazzi, ve lo dico schiettamente: amate la scuola perché solo la scuola ci salverà. Andarci significa fare avventure, scoperte con entusiasmo che caratterizza la vostra adolescenza. La scuola vi fa assaporare e fortificare la vostra voglia di sapere, di conoscere, di scoprire cose nuove e affascinanti.

E questa voglia di conoscenza, di condivisione, di esperienze nuove ed edificanti ve la può offrire solo una istituzione: è lei la scuola. Vi chiedo di amarla, di venerarla, di sostenerla, di edificarla a tempio della cultura, della conoscenza, della condivisione, dell’integrazione, del rispetto delle regole, perché un domani sarete voi i protagonisti del futuro, sarete voi la futura classe dirigente di questa Italia, nazione bella, affascinante, meravigliosa ricca di storia, di arte, di tradizioni.

Difendete la vostra Italia e per farlo avete bisogno di un solo strumento: lo studio. So che lo studio richiede impegno, sacrificio, dedizione, ma solo attraverso la passione per la scuola voi potete sconfiggere l’ignoranza, la superficialità, l’alterigia, il pressappochismo e soprattutto i tanti mali che

affliggono la nostra società. Tutto dipende da voi, ragazzi, per questo lasciatevi affascinare dalle esperienze belle e significative che solo la scuola vi può dare. Non vedetela come un luogo dove trascorrere una parte della vostra giornata, ma come un’istituzione che vi garantisce il futuro. E il futuro si costruisce solo studiando, apprendendo cose nuove, facendo esperienze di comunione e di integrazione con gli altri. Ad aiutarvi in questo percorso di

crescita e di maturazione, accanto ai genitori, ci sono gli insegnanti, persone qualificate professionalmente che hanno scelto di svolgere questo lavoro per stare con voi, per aiutarvi a crescere e per far sì che la vostra testa non rimanga una “zucca vuota” ma si riempia di conoscenza, di sapere, di saggezza perché voi siete “fiaccole da accendere”.

Sono gli insegnanti i vostri “angeli custodi”, coloro i quali vi accompagneranno per un tratto della vostra vita e per questo non considerateli dei giudici severi sul punto di punirvi, ma come dei facilitatori, dei compagni di viaggio che hanno il difficile e delicato compito di prepararvi alla vita, di fare in modo che diventiate i futuri protagonisti del domani.

Si, il futuro è nelle vostre mani e la scuola è chiamata a svolgere questo importante compito. Se gli insegnanti vi rimproverano, vi mettono un brutto voto non vuol dire che ce l’hanno con voi, che vi vogliono punire. No, non è questo il loro fine, ma quello di farvi diventare protagonisti del domani e accompagnarvi sul difficile sentiero della vita.

E i vostri genitori, cari ragazzi, non vedano gli insegnanti come punitori o meglio come capri espiatori delle vostre manchevolezze e delle vostre marachelle. Gli insegnanti comprendono bene che l’età dell’adolescenza è un percorso della vita particolare perché si mette in atto una tempesta

esplosiva caratteristica proprio dell’adolescenza, ma non tollerano i comportamenti di maleducazione e di mancanza di rispetto verso gli altri, se soprattutto adulti. E a diventare adulti è sempre la scuola che vi aiuta, vi sostiene, vi viene incontro in quanto luogo di incontro, di condivisione, di integrazione. Sapete, cari ragazzi, che viviamo nell’era della multiculturalità, per cui abbiate rispetto per tutti i vostri coetanei anche se sono di lingua, razza e religione diversa dalla vostra.

È nella scuola che si impara a rispettare l’altro, il diverso che deve sentirsi accettato e non escluso. Amate, quindi, la scuola, amate i vostri insegnanti, amate i vostri compagni, perché solo la scuola vi fa uscire dalle tenebre dell’ignoranza per farvi abbeverare alla fonte del sapere, della conoscenza e della cultura. E sappiate sempre, cari ragazzi, che non si studia perché dovete fare bella figura con l’insegnante che poi vi premierà con il bel voto, ma per la vita, in quanto è la vita che vi innalzerà o vi condannerà.

Pubblicato da Orazio Niceforo Il secondo congresso nazionale della Federazione Uil scuola RUA, svoltosi a Roma nei giorni 21-23 settembre, si è concluso con l’approvazione della linea politica illustrata in… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Il recente nubifragio che ha colpito le provincie di Ancona e Pesaro non ha provocato soltanto danni materiali, ma ha profondamente segnato le comunità locali. Si… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono 3.198 gli Istituti scolastici beneficiari della prima tranche di risorse (500 milioni, importo medio per scuola 156 mila euro) del Piano contro la dispersione scolastica… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo 26 settembre 2022. Si apre una nuova pagina, è vittoria storica per Giorgia Meloni. Ma indipendentemente da vincitori e perdenti, se si coglierà il nesso fondamentale… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Proprio in questo momento, in cui le istituzioni scolastiche stanno uscendo dall’emergenza pandemica (si spera) e stanno entrando nella proliferazione dei progetti e dei finanziamenti del… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 26 Settembre 2022

Primo Soccorso ai sensi del D.M. 388/2003 e la cassetta di pronto soccorso: con un esempio di circolare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 26 Set 2022 – 06:31 Antonio Fundarò Primo Soccorso ai sensi del D.

Guide e Vademecum 26 Settembre 2022

Somministrazione dei farmaci salvavita e di farmaci indispensabili. Breve guida

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 26 Set 2022 – 06:24 Antonio Fundarò Somministrazione dei farmaci salvavita e di farmaci indispensabili.

Tutto scuola 26 Settembre 2022

Congresso Uil Scuola: ‘Siamo la voce libera della scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Congresso Uil Scuola: ‘Siamo la voce libera della scuola 26 September 2022 Il secondo congresso nazionale della Federazione Uil scuola RUA, svoltosi a Roma nei giorni 21-23 settembre, si è concluso con l’approvazione della linea politica illustrata in apertura dei lavori da Giuseppe D’Aprile, segretario generale del sindacato dallo scorso mese di agosto 2022, eletto a questo incarico dal Consiglio Nazionale.

Tutto scuola 26 Settembre 2022

La Scuola delle Marche tra emergenza e solidarietà

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Scuola delle Marche tra emergenza e solidarietà 26 September 2022 Il recente nubifragio che ha colpito le provincie di Ancona e Pesaro non ha provocato soltanto danni materiali, ma ha profondamente segnato le comunità locali.

torna all'inizio del contenuto