NOTIZIE

5 Luglio 2022

Classi pollaio, in alcune regioni è emergenza: fino a un docente ogni 11,99 alunni e aule con 30 studenti

Classi pollaio, in alcune regioni è emergenza: fino a un docente ogni 11,99 alunni e aule con 30 studenti

5 July 2022

Le classi pollaio? Per il ministro Bianchi non sono il vero problema. E in effetti in alcune regioni non ci sono numeri preoccupanti. Ma in altre invece, il fenomeno sovraffollamento delle aule è proprio un’emergenza.

Emilia Romagna, ma anche Sicilia, Campania e Puglia, sono le Regioni che stanno segnalando al Ministro le proprie preoccupazioni.

Nella Regione amministrata da Stefano Bonaccini, c’è un docente ogni 11,6 studenti contro una media nazionale di 10,8., riporta Il Fatto Quotidiano. Ciò significa avere 25-30 studenti per classe.

Se da un alto questi numeri non sarebbero veramente fuori norma, dall’altro si scontrano con gli spazi delle aule, che dunque trasformano una classe a norma in una sovraffollata.

In Sicilia, la media è di un docente ogni 11,99 alunni: in questi anni il tasso è stato ridotto ma la strada per arrivare all’obiettivo nazionale è ancora lunga.

Anche in Puglia situazione non facile. Lo conferma l’assessore all’Istruzione, Sebastiano Leo che a IlFatto Quotidiano.it spiega: “I nostri numeri (10,8-11 studenti per docente) per quanto leggermente inferiori rispetto ad altre regioni, sono preoccupanti se considerati in relazione al tasso di dispersione scolastica che in Puglia è ben più alto rispetto all’Emilia Romagna. Abbiamo messo in campo, in quest’ottica, un progetto straordinario di quaranta milioni di euro che dall’anno prossimo cercherà di contrastare il fenomeno dell’abbandono scolastico e della dispersione”.

Anche in Campania preoccupa il fenomeno classi sovraffollate, con l’assessore all’Istruzione regionale che spiega:Alle secondarie di secondo grado ne abbiamo tante ma il problema è che se dai una classe a un Comune montano con dodici alunni poi te ne ritrovi una a Napoli con trenta”.

Nonostante il Lazio sia fra le regioni con numeri contenuti di alunni per classe, l’assessore Claudio Di Bernardino ammette: “Sicuramente nell’ambito delle riforme del Pnrr occorrerà rivedere anche le norme che regolano il numero degli alunni per classe. E’ vero che il buon insegnamento passa dalla competenza dei docenti ma è chiaro che anche le strutture e gli spazi devono essere adeguati per migliorare la qualità dell’istruzione dei nostri studenti”.

Il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, nei giorni scorsi ha ribadito il suo punto di vista: “Abbiamo sicuramente un problema di aule sovraffollate, ma abbiamo anche classi in cui c’è difficoltà ad attivare le prime. Su questi è necessario lavorare con una visione più ampia e lunga”.

In precedenza, Bianchi aveva infatti detto: “Lo sopuò sembrare un paradosso, ma il problema non è la classe numerosa a Bologna, ma dove ci sono pochi alunni. Se ho una classe con 3 bimbi questo può diventare un problema”.

Lo stesso numero uno di viale Trastevere a fine 2021 aveva parlato di un fenomeno del 2,9%, ma la Flc Cgil, sulla base dei numeri ministeriali, ha calcolato che gli studenti che studiano in aule troppo affollate sarebbero 254 mila.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Visitare monumenti, con bambini al seguito, in questa estate caldissima? Per aiutare le famiglie è stato inaugurato il 27 luglio, nel  Parco archeologico del Colosseo, un Baby… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso DS: aperte le funzioni POLIS per la scelta della regione di assunzione da parte dei candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito del concorso nazionale… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo L’ANCODIS (Associazione Nazionale Collaboratori Dirigenti Scolastici) in una nota dichiara che “pur condividendo le criticità relative alle modalità di individuazione del cosiddetto docente esperto (termine che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come è noto il termine bullismo deriva dall’inglese “bullying” e viene usato nella letteratura internazionale per connotare il fenomeno delle prepotenze tra pari in un contesto… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola #IOnonESISTO è un progetto di fotografia, esperienza sanitaria, clinica, racconti di vite e di persone che ha ha lo scopo di far conoscere i Disturbi Alimentari, che interessano… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 12 Agosto 2022

Supplenze da GPS e GaE, spezzoni, preferenze e non solo: tutte le risposte alle vostre domande. I nostri QUESTION TIME [AGGIORNATO]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Fino al 16 agosto ore 14 gli aspiranti inseriti in GaE e GPPS possono presentare la domanda per richiedere l’attribuzione di supplenze al 31 agosto o 30 giugno 2023.

Diventare docenti 12 Agosto 2022

Supplenze 2022/23: chi non sceglie le max 150 preferenze potrà ricevere nomine dalle 20 scuole delle graduatorie di istituto?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze 2022/23: chi non sceglie le max 150 preferenze potrà ricevere nomine dalle 20 scuole delle graduatorie di istituto? 12 August 2022 Le domande per l’attribuzione delle supplenze al 30/06 e al 31/08 da GaE e GPS si possono presentare sino al 16 agosto p.

NOTIZIE 11 Agosto 2022

Detrazioni spese mediche nel modello 730, perchè non mi spettano?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Detrazioni spese mediche nel modello 730, perchè non mi spettano? 11 August 2022 Ecco quale potrebbe essere il motivo per cui non spettano le detrazioni delle spese mediche dal 730.

NOTIZIE 11 Agosto 2022

Dieci miliardi in 5 anni per la scuola: ecco il programma del PD per l’istruzione [scarica INFOGRAFICHE]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dieci miliardi in 5 anni per la scuola: ecco il programma del PD per l’istruzione [scarica INFOGRAFICHE] 11 August 2022 Il segretario del Partito democratico Enrico Letta ha esposto i punti del programma elettorale del suo partito.

torna all'inizio del contenuto