Tutto scuola

25 Luglio 2022

Collaboratori dei DS e figure di sistema: conoscono bene la propria realtà scolastica e sono disponibili ad essere valutati. Il questionario Ancodis

Collaboratori dei DS e figure di sistema: conoscono bene la propria realtà scolastica e sono disponibili ad essere valutati. Il questionario Ancodis

25 July 2022

Per la maggior parte dei casi sono disponibili ad essere valutati insieme al loro DS, lavorano per avere l’opportunità di migliorare le proprie competenze organizzative e di leadership, ma ritengono che i loro compensi sono siano congrui alla mole di lavoro e alle responsabilità che ne conseguono. E’ questo lo spaccato raccontato da Ancodis che ha riproposto il questionario per un bilancio sul lavoro svolto dalle figure di sistema della scuola e dai collaboratori del dirigente scolastico individuati ai sensi del comma 5 dell’art. 25 del D. Lgs 165/2001 e del comma 83 dell’art. 1 della Legge 107/2015.

Il questionario è strutturato in 6 sezioni specifiche.

Nella prima si dà l’identità: il 77% dei rispondenti è donna con sostanziale equa distribuzione nella scuola primaria, SSI e del secondo ciclo; soltanto il 2% lavora nella scuola dell’infanzia. In merito all’anzianità di servizio per il 90% è superiore ai 10 anni. Alla domanda “da quanti anni lavori nell’attuale scuola”, il 10% dichiara meno di 5 anni, circa il 12% tra i 5 e gli 8 anni, poco più del 14% tra i 9 e i 12 anni e, infine, il 64% oltre i 12 anni: abbiamo, dunque, docenti che ben conoscono la loro realtà scolastica e spesso ne sono anche la memoria storica. Per quanto riguarda la complessità della scuola, si rilevano i seguenti dati: l’11% lavora in una scuola con un solo plesso, il 63% lavora in una scuola con un numero di plessi compreso tra 2 e 5, il 18% con un numero di plessi compreso tra 6 e 8 e, infine, l’8% con un numero di plessi superiore a 9. Rispetto alla popolazione scolastica, il 19% dichiara una popolazione compresa tra i 500 e i 700, circa il 29% tra i 700 e i 900, il 22.3 % tra i 900 e i 1200 alunni, il 18.5% tra i 1200 e i 1500 e, infine, il 7.2% oltre i 1500. Soltanto il 4% dichiara una popolazione di meno di 500 alunni.

La seconda sezione è relativa “all’incarico di collaborazione ed area di interesse”.

Alla domanda “da quanti anni sei impegnato nell’attività di collaborazione”, 36% risponde da meno di 5 anni, il 27.6% da meno di 9 anni, il 22% tra gli 10 e i 15 anni e, infine, il 14.4% da oltre 15 anni: si può facilmente comprendere che parliamo di risorse professionali che hanno acquisito negli anni quella necessaria esperienza nel collaborare e coadiuvare il Ds e il Dsga nella quotidiana azione organizzativo-didattico-amministrativa. Circa l’81% presta la collaborazione al Ds titolare, l’8.7% al Ds titolare ma reggente in altra istituzione scolastica e, infine, il 10.3% a un Ds reggente; quest’ultimo per il 49.1% dei collaboratori è presente a scuola tra i 2 e i 3 giorni per settimana mentre meno di due giorni per il 50.9%. Rispetto alle condizioni di lavoro, il 21% ha lavorato con l’esonero totale dall’insegnamento, 39.2% con esonero parziale e il 39.8% ha lavorato svolgendo l’attività didattica in classe unitamente quella di collaborazione.

Nella terza sezione “Servizio reso nell’attività di collaborazione (come da nomina del DS e Contrattazione di istituto) alla domanda “Di norma, per lo svolgimento del tuo incarico, in quali aspetti hai avuto delega del Ds”, ai primi posti vediamo l’organizzazione del servizio, la gestione dei rapporti tra le componenti scolastiche, la collaborazione nelle gestione delle criticità rilevate nella propria scuola (DDI compresa) e la gestione dell’emergenza da Covid 19.

Ancodis ha quindi chiesto se si ritiene che il compenso assegnato sia rispetto ai carichi di lavoro e alle deleghe/responsabilità collegate all’incarico”, domanda a cui l’87.1% ha risposto negativamente.

Nella quarta sezione relativa alle “motivazioni professionali”, è stata posta attenzione alla ragione professionale e allo scopo che hanno indotto ad accettare l’incarico. In merito alle ragioni, la percentuale più alta (il 64%) è collocata nell’opzione ” Per l’opportunità di migliorare le mie competenze organizzative e di leadership”, seguita da  “Per l’interesse verso l’ambito legato a questo incarico”  (61.9%).

Nella quinta sezione “Valorizzazione e valutazione professionale, il 49.7% dichiara di essere favorevole ad essere valutato insieme al proprio Ds, il 36.3% in modo autonomo e soltanto il 14% dichiara la sua contrarietà.

Per quanto riguarda il “riconoscimento del servizio di collaborazione” vengono avanzate le seguenti proposte:

– Prospettive di carriera diversificata (84.6%)_

– Prerequisito di accesso al concorso per DS (62.2%)

– Avere riconosciuto il servizio nella graduatoria interna di istituto (27.3%)

– Avere riconosciuto il servizio nella mobilità (21.3%)

“Quanto rilevato dal questionario testimonia l’imponente lavoro organizzativo e progettuale che non sarebbe possibile senza la passione di migliaia di donne e uomini, senza la loro disponibilità a servire la comunità scolastica assumendo onerosi incarichi aggiuntivi“, dichiara Ancodis. “Sono dati che potrà confermare chi conosce e vive la scuola in ogni angolo dell’Italia e che sembrano non essere conosciuti da chi è preposto a sedere al tavolo del contratto. A tal fine, Ancodis continua a chiedere con forza e determinazione di dare meritata attenzione a queste figure di sistema che oggi più che mai sono strategiche per il funzionamento organizzativo e didattico di una scuola. Si tratta di risorse professionali – che dedicano tempo, energie e risorse alla formazione – di cui un’organizzazione complessa, dinamica e autonoma come la scuola non può farne a meno che meritano di entrare a pieno titolo nell’alveo del nuovo contratto. Diamo loro una definita, chiara e formale identità. Il permanere della condizione di indifferenza contrattuale determina di fatto una discriminazione nel lavoro e, dunque, un elemento di grave criticità nel sistema scolastico italiano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Distributori bevande e snack, concessione del servizio. Una scheda di sintesi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 19 Ago 2022 – 06:33 Luciano Grasso Distributori bevande e snack, concessione del servizio.

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie 19 August 2022 Come vengono trattati i dati ad uso esclusivo dell’Istituto scolastico? Sul sito è stata pubblicata l’informativa? Quali dati possono essere portati a conoscenza dei soggetti interni alla scuola (e a quali categorie) e quali potranno essere portati a conoscenza di soggetti esterni operanti in qualità di addetti alla gestione o manutenzione di strumenti elettronici, oppure di altri soggetti esterni laddove la comunicazione sia prevista da norma di legge o di regolamento, oppure sia necessaria per lo svolgimento di compiti e finalità istituzionali? L’intervento suggerisce alcuni accorgimenti ad avvio di anno scolastico.

Diventare docenti 19 Agosto 2022

Concorso straordinario bis: pubblicate nuove GRADUATORIE. Data per le nomine. In aggiornamento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso straordinario bis di cui al comma 9bis del DL 73/2021: 14.

Tutto scuola 19 Agosto 2022

Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola 19 August 2022 Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro.

torna all'inizio del contenuto