NOTIZIE

4 Gennaio 2023

Comitato organico aggiuntivo Ata e docenti: “Siamo stati presi in giro dalle forze politiche. Facciamo appello a tutti i precari della scuola per unirci e organizzare iniziative”

Comitato organico aggiuntivo Ata e docenti: “Siamo stati presi in giro dalle forze politiche. Facciamo appello a tutti i precari della scuola per unirci e organizzare iniziative”

4 January 2023

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a firma del Comitato Organico Aggiuntivo (ex-covid) del comparto scuola.

Siamo stati presi in giro da tutte le forza politiche che hanno giocato con il nostro lavoro e le nostre famiglie, facendo promesse che in realtà non sono state mantenute, tra cui uno stanziamento di un organico aggiuntivo che in realtà rappresenta il numero dei tagli fatti dai vari governi dal 2008 ad oggi.
E la risposta di questo governo qual’ è stata ? Ancora tagli ! Ma noi non ci stiamo.
Nelle scuole ci sono minori da sorvegliare, pratiche da sbrigare, e alunni da istruire prima di rendere le aule supertecnologiche, c’è bisogno del personale che renda possibile tutto ciò.
Al momento, sugli istituti scolastici ,rileviamo invece una forte carenza di personale che ha una ricaduta soprattutto sui soggetti più fragili( gli alunni disabili ).
Con il personale attualmente disponibile, diventa sempre più difficile poter gestire le necessità quotidiane di questi alunni … dall’igiene personale, all’assistenza per I carrozzati che necessitano di accompagnamento ,fino alla necessità di controllo maggiore e aiuto ai docenti di sostegno per quanto riguarda altre patologie;

Riteniamo pertanto che questo governo debba prevedere SUBITO organico aggiuntivo nelle scuole per garantire il diritto all’ istruzione sancito nella Carta dei diritti dei bambini, uno strumento per combattere povertà, emarginazione e sfruttamento.
Pertanto con la presente, i precari componenti del Comitato Organico Aggiuntivo – del comparto scuola, rivendicano quanto segue:

nuovo ORGANICO AGGIUNTIVO e loro inserimento in organico di diritto;
nomina immediata di supplenti temporanei per le assenze del personale titolare ed abbattimento del blocco degli attuali 30 giorni per gli Assistenti Amministrativi e Tecnici e dei 7 giorni per i Collaboratori Scolastici;
assunzione in ruolo dei precari Docenti e ATA che abbiano svolto 3 anni di supplenze nelle scuole, con concorso di titoli e servizi; stessi diritti contrattuali del personale in ruolo in materia di assenze (malattia, permessi retribuiti, ferie) e di retribuzione.
Per raggiungere questi obiettivi FACCIAMO APPELLO A TUTTI I PRECARI SCUOLA
Ci stiamo attivando a livello Regionale e Nazionale per cercare di raggiungere gli obiettivi sopra elencati.
Abbiamo intenzione di far depositare nel “mille proroghe” un emendamento a richiesta di 50.000 organici aggiuntivi nelle scuole.
Vogliamo organizzare poi ulteriori iniziative di lotta Regionali e Nazionali per cercare di responsabilizzare la politica e i sindacati riguardo a tutte le rivendicazioni sopra elencate.
VI CHIEDIAMO PERTANTO DI UNIRVI AL COMITATO E DI ATTIVARVI CON NOI IN INZIATIVE DI LOTTA

Se è vostra intenzione farlo potete iscrivervi ai seguenti gruppi WhatsApp Regionali : (Vi preghiamo di unirvi ai gruppi regionali in cui risiedete e in cui potete partecipare alle iniziative di lotta)

Gruppo Regionale Campania

Gruppo Regionale Lazio

Gruppo Regionale Toscana

Gruppo Regionale Abruzzo e Molise

Gruppo Regionale Calabria

Gruppo Regionale Puglia

Gruppo Regionale Basilicata

Gruppo Regionale Sardegna

Gruppo Regionale Veneto

Gruppo Regionale Sicilia

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto