Tutto scuola

11 Luglio 2022

Concorsi infanzia e primaria: 8 posti di sostegno vacanti su 10. È possibile recuperare?

Concorsi infanzia e primaria: 8 posti di sostegno vacanti su 10. È possibile recuperare?

11 July 2022

I risultati pressoché finali del concorso ordinario di scuola primaria e dell’infanzia consentono un primo bilancio riferito, in particolare, ai posti di sostegno.

La prima costatazione – in parte forse scontata – è relativa ai posti di sostegno rimasti vacanti, a causa del fatto che già in partenza in diverse regioni e soprattutto nel concorso di primaria il numero dei candidati risultava inferiore al numero dei posti.

Dei 6.882 posti di sostegno previsti per infanzia e primaria ne rimarranno vacanti certamente 5.389, pari al 78,3%, quasi otto su dieci. Un vuoto che allontana la stabilizzazione in un settore nevralgico.

La seconda costatazione – anche questa scontata – riguarda le regioni nelle quali si è verificata quella mancanza di vincitori; ancora una volta sono le regioni settentrionali (tutte), a cui se ne sono aggiunte due dell’area centrale (Toscana e Umbria).

La terza constatazione riguarda quasi tutte le restanti regioni dove, a fronte di un numero ridotto di posti, si è presentata una elevata quantità di candidati molti dei quali non hanno potuto inserirsi tra i vincitori, accontentandosi di entrare in graduatoria di merito (GM) come idonei.   

Partendo da queste tre constatazioni, risulta di tutta evidenza lo squilibrio notevole tra domanda e offerta emerso con valori nettamente diversi nei territori regionali. Semplificando, si può affermare che dove ci sono molti posti mancano i candidati e dove ci sono molti candidati mancano i posti.

Non si possono certamente incolpare i candidati per avere scelto di concorrere a casa loro; piuttosto, trattandosi di sostegno, emerge, ancora una volta, la conseguenza del disinteresse di molte università settentrionali a proporsi nella organizzazione dei corsi TFA, riducendo, conseguentemente, il numero di possibili specializzati locali, mentre al Centro-sud gli atenei formano docenti in quantità forse eccessiva. Il ministero dell’Università e Ricerca, d’intesa con quello dell’Istruzione, dovrebbe farsi carico del problema e cercare soluzioni riequilibratrici adeguate.

Si dirà: coloro che sono risultati idonei ma non vincitori in una Regione (per esempio del Sud), potranno andare – volendo – ad occupare un posto vacante in altra Regione (per esempio del Nord). E invece no. Il bando non lo ha previsto, e pazienza se il candidato disponibile a spostarsi resta privo del lavoro e se lo Stato ci rimette due volte (si ritrova il posto vacante, dove dovrà nominare un supplente, magari senza alcuna preparazione, e inoltre ha sostenuto inutilmente il costo di un concorso per quel posto).

Sarebbe (stato) più opportuno – come Tuttoscuola ha proposto più volte – prevedere una graduatoria nazionale degli idonei (a iscrizione volontaria e con il punteggio personale conseguito), per la copertura dei posti rimasti vacanti. Oltre a coprire tanti posti vacanti, sarebbe (stato) un modo per mettere a frutto i costi del concorso, che invece si conclude con quasi l’80% di posti vacanti. Paga Pantalone.

Si sarebbe potuto rimediare con un emendamento parlamentare, anch’esso invocato da Tuttoscuola. Invece – ironia della sorte – ne è passato un altro che ha proposto (e ottenuto) di estendere la graduatoria di merito a tutti gli idonei, illudendo migliaia di candidati speranzosi di un posto che non potranno avere, se non per un’eventuale rinuncia di qualche vincitore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sta diventando una piacevole consuetudine scambiarsi gli auguri non soltanto nelle tradizionali ricorrenze natalizie e pasquali, ma anche a Ferragosto. E Tuttoscuola volentieri non si sottrae… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Le proposte per la scuola della Lega: continua così il nostro viaggio verso le elezioni analizzando le proposte per la scuola dei principali partiti politici. La… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo “Stiamo definendo gli ultimi dettagli del nostro programma per le elezioni del 25 settembre. Per noi davanti a tutto, trasversalmente, ci sarà la scuola, con il piano ‘Conoscere… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo I tre partiti ­– Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia – che, insieme ad altre formazioni minori, formano la coalizione di Centro-Destra, che si presenterà unitariamente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Pubblicate le “Indicazioni strategiche ad interim per preparedness e readiness ai fini di mitigazione delle infezioni da SARS-CoV-2 nell’ambito dei servizi educativi per l’infanzia gestiti dagli… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 15 Agosto 2022

Domanda supplenze 2022/23: isole di Pantelleria e Favignana. Come sceglierle o non sceglierle

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Domanda supplenze 2022/23: isole di Pantelleria e Favignana.

Tutto scuola 15 Agosto 2022

Buon Ferragosto ai lettori

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Buon Ferragosto ai lettori 15 August 2022 Sta diventando una piacevole consuetudine scambiarsi gli auguri non soltanto nelle tradizionali ricorrenze natalizie e pasquali, ma anche a Ferragosto.

Tutto scuola 15 Agosto 2022

Verso le elezioni: le proposte per la scuola della Lega

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Verso le elezioni: le proposte per la scuola della Lega 15 August 2022 Le proposte per la scuola della Lega: continua così il nostro viaggio verso le elezioni analizzando le proposte per la scuola dei principali partiti politici.

NOTIZIE 15 Agosto 2022

Elezioni politiche 2022, programmi scuola dimenticano personale ATA. Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Elezioni politiche 2022, programmi scuola dimenticano personale ATA.

torna all'inizio del contenuto