Notizie e comunicati

25 Giugno 2018

Concorso DS: forse sanabili le cause del ritardo

Logo-tuttoscuola111

29 December 2019

Necessita modificare tempi e procedure del corso-concorso per il reclutamento di 2.424 dirigenti scolastici

Se non interverranno provvedimenti immediati per modificare tempi e procedure del corso-concorso per il reclutamento di 2.424 dirigenti scolastici, non potranno esservi, come sperato, assunzioni al 1° settembre 2019, con conseguente aumento di altre 400 reggenze (e altrettanti dirigenti scolastici a mezzo servizio tra reggenza e titolarità).

Quali sono state le cause per un iter concorsuale dai tempi infiniti, e quali possono essere le correzioni per porre rimedio ai passaggi critici che hanno causato tanto ritardo?

Secondo la legge 128/2013 che ha modificato la procedura del concorso a dirigente scolastico  prevedendo dopo le tradizionali prove anche un congruo periodo di formazione e tirocinio, i concorsi dovevano essere banditi con cadenza annuale. Ma, forse per la complessità organizzativa dell’innovazione, il regolamento per bandire il primo concorso, secondo le nuove regole, veniva avviato in ritardo, come rilevato criticamente dal CSPI (ritardo di due anni rispetto alla tabella di marcia indicata nell’art. 17, comma 2, del testo della legge n.128/2013).

Prima causa, dunque, l’eccessivo ritardo della predisposizione del regolamento, la cui bozza veniva presentata al CSPI per un parere nel giugno del 2016. Acquisiti i pareri del CSPI e del Consiglio di Stato, il regolamento ritornava ai blocchi di partenza, in quanto la Funzione Pubblica rilevava la mancata puntuale indizione delle modalità di svolgimento del periodo di formazione tirocinio.

Secondo causa, quindi, l’errore dell’Amministrazione per l’incompletezza del testo di Regolamento che, dopo la necessaria integrazione, veniva ripresentato per i pareri di rito, l’anno dopo, tra il maggio e il giugno 2017.

Nel nuovo testo veniva inserita, inaspettatamente, la previsione di una batteria di quesiti per la prova preselettiva da cui trarre i 100 utili per la prova, anziché predisporre direttamente i 100 quesiti finali.

Terza causa, dunque, la previsione della batteria dei quesiti con tempi aggiuntivi per la loro predisposizione, tanto che la data della prova, già prevista per il 29 maggio 2018, è stata prorogata al 23 luglio con un conseguente ritardo di quasi due mesi, inclusivo del tempo (quasi un mese) che intercorre tra la pubblicazione dei quesiti e l’effettuazione della prova.

Se si fosse passati direttamente ai 100 quesiti (scelti in modo qualificato e garantito) si sarebbero risparmiati non meno due o tre mesi.

Quarta causa i tempi eccessivi per lo svolgimento dei periodi di formazione (due mesi che il Miur inizialmente aveva previsto in quattro mesi) e del tirocinio (quattro mesi): una durata complessiva di mezzo anno per questa fase. I due periodi potevano essere accorpati.

Quinta causala prova scritta di accertamento delle competenze acquisite nella fase di formazione e tirocinio, ipotizzata dal Consiglio di Stato che il Miur, non obbligato a tenerne conto, ha fatto propria nel Regolamento definitivo, con un conseguente effetto di ulteriore ritardo.

Senza quelle cause già nel settembre scorso forse ci sarebbero state le nomine dei vincitori, guadagnando due anni di tempo, rispetto alla data dei 1° settembre 2019 (se non andrà oltre)

Le cinque cause del ritardo possono costituire altrettanti elementi correttivi per i prossimi bandi.

Conviene al ministro Bussetti tener conto di questo consuntivo del concorso DS in atto e agire di conseguenza per i prossimi.

Fonte dell’articolo: Tuttoscuola.com



Concorso DS: forse sanabili le cause del ritardo

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Soltanto la metà delle scuole di Ischia dichiara di avere redatto il DVR, il Documento di Valutazione dei Rischi. E’ quanto risulta da un’elaborazione dati di… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, mercoledì 30 novembre, presso l’Aula della Commissione Politiche dell’Unione europea, al terzo piano di Palazzo Carpegna del Senato, le Commissioni riunite Cultura di Senato e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Il problema del contenzioso relativo al concorso dei dirigenti scolastici merita un’attenta riflessione, sia per coloro che sono in attesa di conoscere le determinazioni giurisdizionali, sia… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ody! Non ti avevo detto di aspettarmi fuori? – Lui mostrò un braccialetto lampeggiante e disse: – C’è una richiesta d’aiuto immediata da una scuola…”. Barbara… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come era stato annunciato dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, lo scorso 29 novembre è stato firmato il decreto di riparto di 500 milioni… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 1 Dicembre 2022

Dimensionamento: le ‘mega’ scuole sono il modello giusto?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dimensionamento: le ‘mega’ scuole sono il modello giusto? 1 December 2022 Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da 4,6 a 4,9 in media).

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 Aumento stipendi Invalsi 2023 Neoassunti Supplenze GI 24CFU Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 “Con Intercultura anche un soggiorno di 4 settimane può diventare un’esperienza interculturale.

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Asili nido, in Sicilia 4 milioni per investimenti in strutture per la prima infanzia. L’avviso

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Asili nido, in Sicilia 4 milioni per investimenti in strutture per la prima infanzia.

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Permanenza in servizio fino a 71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Permanenza in servizio fino a 71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva 1 December 2022 Perchè per i contributivi puri ci sono più possibilità di ottenere il trattenimento in servizio e in quali casi? Il dipendente pubblico può essere collocato a riposo d’ufficio solo se, al compimento dei 67 anni ha raggiunto il diritto alla pensione.

torna all'inizio del contenuto