Notizie e comunicati

21 Maggio 2018

Contratto di governo e scuola: il coraggio di non scegliere

Logo-tuttoscuola111

29 December 2019

Il capitolo scuola del documento sottoscritto dal M5S e dalla Lega è generico e astratto

Sarà stato forse per guadagnare tempo, o per la necessità di approfondire le tematiche, oppure per evitare di complicare la stesura del ‘contratto’ aprendo un confronto su temi sui quali le rispettive proposte programmatiche apparivano in contrasto, ma sta di fatto che il capitolo scuola del documento sottoscritto dal M5S e dalla Lega (consultabile, scomposto in paragrafi tematici, a questo link:

https://www.professionedocente.com/la-buona-scuola-di-m5s-e-lega-le-proposte-su-cui-riflettere/)

è talmente generico e astratto da giustificare il sospetto che da entrambe le parti si sia preferito prendere tempo, decidendo di non decidere.

Così le uniche indicazioni operative che compaiono nel documento sono il ‘superamento’ (non si dice soppressione) della ‘chiamata diretta’ dei docenti da parte dei presidi e una critica all’alternanza scuola-lavoro, “che avrebbe dovuto rappresentare un efficace strumento di formazione dello studente (e) si è presto trasformato in un sistema inefficace, con studenti impegnati in attività che nulla hanno a che fare con l’apprendimento”. Per gli alunni con disabilità compare l’impegno ad assicurare “lo stesso insegnante per l’intero ciclo”. Sarà rivisto (non si dice come) il sistema di reclutamento dei docenti “anche attraverso una fase transitoria” e “nuovi strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio” (eco un po’ spenta della storica richiesta leghista di arginare l’afflusso al Nord di docenti provenienti dal Sud). Al “problema delle maestre diplomate” dovrà essere posta “particolare attenzione”. Da notare (e da capire) il fatto che non si parla mai dei sindacati.

Per il resto espressioni generiche e manifestazioni di buona volontà. Niente che assomigli a un disegno strategico. Eppure nei programmi scolastici del M5S e della Lega comparivano proposte che avevano questo respiro, ma che andavano però in direzione opposta. Per esempio, tra le proposte della Lega compariva l’adozione del ‘costo standard’ come criterio di finanziamento unico per tutte le scuole, statali e paritarie, mentre nel programma dei 5 Stelle, la revisione della legge 62/2000 sulla parità con l’azzeramento dei finanziamenti alle scuole paritarie (escluse quelle dell’infanzia) e la riduzione del numero di alunni per classe a 22 (20 in presenza di un disabile).

Due strategie contrapposte, una di matrice liberale-mercatista, l’altra di segno statalista, di fatto incompatibili. Così, per evitare complicazioni, si è scelto di non scegliere e in pratica di lasciare le cose come stanno.

Fonte dell’articoo: Tuttoscuola.com



Contratto di governo e scuola: il coraggio di non scegliere

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola di Maurizio Maglioni* Il modello  trasmissivo – ripetitivo si dimostra ogni giorno sempre più inadeguato alla formazione umana delle giovani generazioni del XXI secolo. La scuola… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Un concorso per gli studenti che amano la poesia: è stato lanciato dall’associazione Archicultura e si rivolge in ai giovani autori di età corrispondete alla frequenza… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Educazione e cura della prima infanzia e accesso a un’assistenza a lungo termine di alta qualità e a prezzi accessibili. Su questi due temi il Consiglio… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Alla Riunione Ministeriale del Comitato per le Politiche dell’Istruzione (EDPC) dell’OCSE a Parigi, il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha posto ufficialmente tre temi:… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Contesto: Classi terze della scuola dell’infanzia dell’IC IV di Lodi. Math in Progress 2015-2016 Docente: Maria Teresa Malvicini “Sulla linea dei numeri” è il titolo del… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 10 Dicembre 2022

DIRETTA | Stipendio dicembre, tredicesima e arretrati: tutte le risposte alle vostre domande. Question Time con Cavallini (Anief)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla tredicesima agli arretrati, il cedolino di dicembre è particolarmente atteso per il personale scolastico.

NOTIZIE 9 Dicembre 2022

Telecamere in classe e intercettazioni, l’esperto Lodolo D’Oria: “Occorre piuttosto prevenire e curare il disagio mentale dei docenti”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Telecamere in classe e intercettazioni, l’esperto Lodolo D’Oria: “Occorre piuttosto prevenire e curare il disagio mentale dei docenti” 9 December 2022 Il tema delle intercettazioni, come “strumento micidiale di delegittimazione personale” tanto che “la loro diffusione selezionata e pilotata rappresenta anche un pericolo per la riservatezza e l’onore delle persone”.

NOTIZIE 9 Dicembre 2022

Manovra 2023, Bernini annuncia: “Aumenteranno le borse di studio universitarie e gli studenti beneficiari”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Manovra 2023, Bernini annuncia: “Aumenteranno le borse di studio universitarie e gli studenti beneficiari” 9 December 2022 Borse di studio più remunerative, una platea più larga di studenti beneficiari.

Diventare docenti 9 Dicembre 2022

Concorso straordinario bis: le GRADUATORIE. Aggiornato con Sicilia

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso straordinario bis di cui al comma 9bis del DL 73/2021: 14.

torna all'inizio del contenuto