NOTIZIE

14 Luglio 2022

Crisi di governo, per Draghi avventura ai titoli di coda: cosa accade adesso e le possibili ripercussioni sulla scuola

Crisi di governo, per Draghi avventura ai titoli di coda: cosa accade adesso e le possibili ripercussioni sulla scuola

14 July 2022

Il patatrac è vicino. La crisi di governo è ormai conclamata e dopo lo strappo del M5S che non voterà la fiducia al Senato sul Decreto Aiuti, sarà formalizzata nel pomeriggio quando il premier Mario Draghi salirà al Quirinale dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per rimettere il mandato.

Cosa succederà, dunque? Secondo più indiscrezioni il Capo dello Stato potrebbe rimandare in Parlamento il premier: potrebbe nascere un Draghi bis fino a maggio 2023. Secondo il presidente, infatti, il governo non è caduto con un voto d’aula e, anzi, il Senato oggi darà la fiducia senza però i voti del M5S. La maggioranza che sostiene il governo, però, non c’è più e il premier deve prenderne atto. Per Mattarella, però, potrebbe non essere necessario tornare alle urne: non è una crisi parlamentare, non mancano i numeri per governare (infatti oggi il governo otterrà comunque la via libera sul Decreto Aiuti anche senza il M5S). Il Capo dello Stato potrebbe rimandare alle Camere il premier, magari con un rimpasto di governo, (con la sostituzione dei ministri e dei sottosegretari pentastellati) per poi far continuare l’azione governativa fino alle elezioni a scadenza naturale.

Se il quadro, invece, dovesse precipitare, le elezioni si terrebbero in autunno tra settembre e ottobre con il governo impegnato, da una parte nell’esecuzione dei progetti del PNRR, dall’altra nella gestione della crisi economica e del varo della legge di Bilancio.

Partito Democratico e Lega spingono per il voto così come Fratelli d’Italia. Più possibilista Forza Italia con Berlusconi che ritiene probabile un nuovo esecutivo con Mario Draghi di nuovo premier.

Cosa può accadere per la scuola

Quali possono essere i risvolti per l’attualità scolastica? I sindacati sono sul piede di guerra dopo l’approvazione della contestata legge sul reclutamento degli insegnanti (anche in quel caso non è mancato il ricorso al voto di fiducia). In ballo c’è anche il rinnovo contrattuale con 50 euro di aumento che sono considerati insufficienti da più parti.

Con un governo in crisi o indebolito dalla bagarre pre-elettorale, non si mette bene per il mondo della scuola anche alla luce della Legge di Bilancio che potrebbe prevedere dei provvedimenti economici importanti in ambito scolastico (dalle assunzioni fino al rifinanziamento delle attuali misure previste). Sullo sfondo, poi, c’è la questione del ritorno in classe con il nuovo protocollo di sicurezza da approvare e le disposizioni collaterali in vista del nuovo anno scolastico (ad esempio le mascherine da utilizzare in classe).

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Distributori bevande e snack, concessione del servizio. Una scheda di sintesi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 19 Ago 2022 – 06:33 Luciano Grasso Distributori bevande e snack, concessione del servizio.

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie 19 August 2022 Come vengono trattati i dati ad uso esclusivo dell’Istituto scolastico? Sul sito è stata pubblicata l’informativa? Quali dati possono essere portati a conoscenza dei soggetti interni alla scuola (e a quali categorie) e quali potranno essere portati a conoscenza di soggetti esterni operanti in qualità di addetti alla gestione o manutenzione di strumenti elettronici, oppure di altri soggetti esterni laddove la comunicazione sia prevista da norma di legge o di regolamento, oppure sia necessaria per lo svolgimento di compiti e finalità istituzionali? L’intervento suggerisce alcuni accorgimenti ad avvio di anno scolastico.

Diventare docenti 19 Agosto 2022

Concorso straordinario bis: pubblicate nuove GRADUATORIE. Data per le nomine. In aggiornamento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso straordinario bis di cui al comma 9bis del DL 73/2021: 14.

Tutto scuola 19 Agosto 2022

Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola 19 August 2022 Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro.

torna all'inizio del contenuto