NOTIZIE

1 Settembre 2022

Dad contro il caro-energia? Il Governo dice no. Bianchi: “Orari non saranno soggetti ai prezzi del gas”

Dad contro il caro-energia? Il Governo dice no. Bianchi: “Orari non saranno soggetti ai prezzi del gas”

1 September 2022

La scuola deve essere l’ultima” ad essere interessata da eventuali provvedimenti sui “problemi connessi al costo dell’energia”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi a Radio Anch’io su Radio 1.

“La scuola ha bisogno di una presenza chiara ed esplicita e non soggetta agli andamenti del prezzo del gas”, ha sottolineato il ministro commentando ipotesi di chiusure al sabato (con dad) o accorpamenti di orari per consumare meno energia negli istituti scolastici.

“Stiamo investendo tempi prolungati, sui tempi pieni, stiamo dando risorse per le mense e per le palestre ma questo è un altro piano”, ha aggiunto il ministro.

Il governo aveva già detto no all’ipotesi

A rafforzare le parole del Ministro Bianchi è il no secco in Consiglio dei Ministri avvenuto nella giornata del 1° settembre. Infatti, nel Consiglio dei ministri terminato da pochi minuti a Palazzo Chigi, a quanto apprende l’Adnkronos si è parlato anche della scuola, riguardo alla possibilità, avanzata dai dirigenti scolastici, di chiudere il sabato (o fare ricorso alla dad) o accorpare orari per ridurre i consumi energetici. Fonti di governo raccontano che nel corso del Cdm è stata “bocciata totalmente” questa ipotesi, “respinta in tutto e per tutto” dal governo, alle prese con l’informativa del ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani sul piano di risparmio per il gas. “Le scuole non si toccano, questo è emerso con chiarezza“, spiega un ministro al termine del Cdm.

Le parole del ministro giungono dopo le indiscrezioni circolate in merito alla Dad contro il caro-energia. La riduzione degli orari delle scuole – con la possibilità della cosiddetta settimana corta – così come l’ipotesi di un ritorno in Dad per frenare l’emergenza energetica “non è mai stata sul tavolo, non si è mai discusso di scuola”.

“Al momento – aggiungono – il gas c’è, non sono previsti razionamenti o misure drastiche di altro tipo. Al limite, se la Russia dovesse chiudere i rubinetti, si dovrà ragionare su misure ‘draconiane’ da adottare, anche sul sistema pubblico. Ma non si è parlato di scuola. La nostra dipendenza da Mosca sul gas è per lo più scesa dal 40% al 18%, dunque anche nello scenario peggiore l’Italia si troverà in condizioni di poter fronteggiare l’emergenza”.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Favorire lo sviluppo di un ecosistema nazionale per la formazione delle nuove competenze digitali, supportare la valorizzazione delle migliori esperienze, anche in ambito Cloud Computing e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Da cardine del sistema educativo a categoria sottovalutata e costantemente sotto esame. Nel giro di qualche decennio lo status dei docenti italiani, specie di quelli della… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Scuola e PNRR. Il ministro dell’Istruzione uscente, Patrizio Bianchi, ha iniziato l’opera, ma sarà il prossimo inquilino di Viale Trastevere a doverla completare. Il PNRR destina… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola L’inglese è la lingua internazionale più diffusa al mondo, quella del web, dei social media (circa l’80% dei siti d’informazione online, magazine e personaggi online la utilizza)… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola E‘ “Energia e Clima” il tema del premio Celommi 2022 – 2023 aperto a tutte le scuole d’Italia che vorranno cimentarsi in molteplici linguaggi espressivi. Lanciato dall’IC Rita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 6 Ottobre 2022

PNRR e scuola: i nodi che passeranno in eredità al nuovo Ministro

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola e PNRR.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Sport alla primaria con Scuola Attiva Kids, le domande dei tutor entro l’11 ottobre. I requisiti

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Entro le ore 16 del’11 ottobre è possibile presentare domanda per partecipare alla procedura di selezione per Scuola Attiva Kids, il progetto rivolto a tutte le classi di scuola primaria delle istituzioni scolastiche statali e paritari.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Il debito del 730 non va obbligatoriamente sottratto dalla busta paga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il debito derivante dal modello 730 può anche non essere saldato con la busta paga ma pagando con modello F24.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti. Risposte dal Ministero nelle prossime settimane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti.

torna all'inizio del contenuto