NOTIZIE

26 Agosto 2022

Deduzione riscatto Laurea, cosa accade se si cambia settore di lavoro?

Deduzione riscatto Laurea, cosa accade se si cambia settore di lavoro?

26 August 2022

Deduzione riscatto laurea: non esiste una cifra limite da porte portare in deduzione ma sono necessari dei chiarimenti sulla capienza fiscale.

Per chi riscatta la propria Laurea sono previste delle agevolazioni fiscali. Trattandosi di contributi riscattati, infatti, è possibile portare in deduzione, seguendo il principio di cassa, dal proprio reddito l’onere sostenuto. Rispondiamo a qualche dubbio di un nostro lettore che ci scrive:

Buongiorno,

ho letto il vostro articolo https://www.orizzontescuola.it/deduzione-riscatto-laurea-cosa-cambia-se-si-paga-ratealmente-o-in-unica-soluzione/ ma ho ancora dei dubbi:

– potranno cambiare le regole e non poter più dedurre in futuro?

– dovessi cambiare gestione (da dip privato a dip pubblico) perdo la deducibilità?

– fiscalmente con un reddito di 100000 lordo quanto conviene dedurre al massimo all’anno?

grazie per il vostro aiuto

Deduzione riscatto Laurea e chiarimenti

Appare assai improbabile che cambino le regole della deduzione/detrazione per i contributi da riscatto. Si tratta di una normativa che regola, infatti, il pagamento dei contributi e che è in vigore, ormai, da diverso tempo.

Per rispondere alla sua seconda domanda la deduzione fiscale è riferita alle tasse che si pagano su reddito e, quindi, poco importa la gestione di appartenenze. Ad essere deducibile è l’onere sostenuto, a prescindere dalla cassa previdenziale di appartenenze. Se anche, quindi, dovesse passare dalla gestione dei lavoratori dipendenti del settore privato a quella per i dipendenti pubblici non perderebbe il diritto alla deduzione spettante.

Per quanto riguarda la sua ultima domanda non esiste una cifra limite di convenienza. Nel senso che la deduzione va ad incidere direttamente sul reddito complessivo su cui calcolare le tasse e, quindi, abbassa la base imponibile su cui calcolare l’IRPEF dovuta. Importante, in questo caso è la capienza fiscale. Se, ad esempio, si sostiene un onere di 30.000 euro e si ha un reddito imponibile di 20.000 euro si potranno portare in deduzione solo 20.000 perdendo la possibilità di dedurre i restanti 10.000 dell’onere sostenuto.

Le consiglio, in ogni caso, di rivolgersi ad un CAF per farsi consigliare in tal senso e non perdere parte della deduzione spettante, nel caso decidesse di sostenere un onere che supera il suo reddito imponibile.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Riparte da Gragnano (Napoli), la più importante campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, nell’ambito del progetto Generazioni Connesse di sensibilizzazione e prevenzione dei… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, 5 ottobre 2022, è la Giornata degli insegnanti, in cui si commemora la sottoscrizione delle Raccomandazioni dell’UNESCO sullo status di insegnante, la principale struttura di riferimento per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Contratto scuola: “E’ già successo: quasi 2 miliardi di euro destinati alla scuola scostati dai fondi del PNRR. E si prosegue: 300 milioni del budget a… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, serie generale, del 3 ottobre 2022, il decreto del 28 giugno 2022 contenente il regolamento del Concorso DSGA 2022, che detta le disposizioni concernenti le… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola di Elena Cappai “Riscopriamo il senso della scuola per contribuire alla rinascita del Paese”. E’ il titolo della XXII Conferenza della scuola in Piemonte, che si è… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 5 Ottobre 2022

Supplenze docenti 2022, le NOMINE: ancora nuovi turni, l’algoritmo continua. Bollettini provinciali

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Mobility manager: gratis e senza esonero all’insegnamento per il docente interessato. Ministero presenta nuovo testo

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Mobility manager: gratis e senza esonero all’insegnamento per il docente interessato.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Rinnovo contratto scuola, Aran “gela” i sindacati: la trattativa è ancora lunga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Rinnovo contratto scuola, Aran “gela” i sindacati: la trattativa è ancora lunga 5 October 2022 Se da una parte i sindacati della scuola “esultano” per i fondi stanziati per il salario accessorio (pari a 300 milioni di euro, l’Aran, invece, “frena”.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Covid, in caso di nuova ondata tornano le mascherine e lo smart-working. BOZZA Circolare Ministero

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Covid, in caso di nuova ondata tornano le mascherine e lo smart-working.

torna all'inizio del contenuto