NOTIZIE

2 Settembre 2022

Detrazioni IRPEF nel modello 730: perchè con un reddito basso non spettano?

Detrazioni IRPEF nel modello 730: perchè con un reddito basso non spettano?

2 September 2022

Quando non c’è capienza fiscale le detrazioni non spettano per questo semplice motivo.

I contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi possono fruire di un importante aiuto che abbassa sensibilmente l’IRPEF dovuta: si tratta delle detrazioni. Ma in alcuni casi le detrazioni non spettano, soprattutto quando il reddito è molto basso. Cerchiamo di capire il perchè rispondendo alla nostra lettrice che ci scrive:

Buongiorno,

sono a chiedere un consulto in merito alla dichiarazione dei redditi del 2022. Ho un contratto settimanale di 15 ore, annuale ordinarie lorde percepisco meno di 6000 Euro, lo scorso anno ho affrontato diverse spese mediche, dentista, ho rifatto il box….ma il CAF mi ha detto che non posso recuperare l’IRPEF con  il 730 perché il mio reddito non raggiunge la cifra.

Come posso sapere tutto ciò o presentare un modello magari UNICO?

Mi fate sapere?

Detrazioni non spettanti

Le spese che portiamo in detrazione ogni anno dalla dichiarazione dei redditi servono ad abbassare le tasse che si pagano. E qualora si siano pagate, con la busta paga, più tasse di quelle che in realtà andavano pagate applicando le detrazioni, ci si trova in una situazione di rimborso. Ovvero, l’Agenzia delle Entrate restituisce ai contribuenti l’IRPEF pagata durante l’anno e non dovuta.

Ma perchè le detrazioni non sono consentite a chi ha un reddito molto basso? In Italia l’IRPEF di paga solo per redditi superiori agli 8.000 euro circa. Questa è, appunto, la soglia della no tax area. Una area dove non è che la tassazione non è dovuta ma è annullata dalle detrazioni per lavoro dipendente o autonomo spettanti.

Di fatto, quindi, per chi non guadagna più di 8.000 euro le detrazioni non sono consentite: non ci sono tasse da abbassare visto che non vengono pagate, e non ci sono tasse da rimborsare visto che non sono state pagate con le buste paga durante l’anno. La motivazione, quindi, è di ordine pratico.

Quando chi ha redditi sotto gli 8.000 euro percepisce la busta paga, prende il proprio stipendio al netto, senza che da esso venga sottratta l’IRPEF. Chi ha redditi più alti, invece, vede il proprio stipendio decurtato dalla tassazione che mese dopo mese il sostituto di imposta applica.

Non c’è un modo, quindi, per lei di portare in detrazione le spese mediche, il dentista o la ristrutturazione del box perchè rientra nella fascia di popolazione incapiente: non ha capienza fiscale per poter godere delle detrazioni. E la stessa cosa accadrebbe anche se presentasse il modello Redditi PF (vecchio modello Unico).

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Giorgia Meloni vince le elezioni 2022, ma quali sono le proposte per la scuola di FdI? In queste settimane abbiamo sentito più volte quali sono le proposte… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno. A darne notizia… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Alunni stranieri: i dati riportati nel Focus “Principali dati della scuola – Avvio anno scolastico 2022-2023”, elaborati dall’Ufficio statistica del Ministero dell’Istruzione, consentono molte valutazioni sull’andamento… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola è sempre più digitale e il PNRR sarà un’opportunità unica per colmare il gap tecnologico con le scuole dei paesi più avanzati.I dispositivi moderni aiutano studenti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola   Il prossimo 29 settembre Tuttoscuola incontrerà le scuole dell’Abruzzo in un evento in presenza dedicato a “La scuola che sogniamo“. Non lo nascondiamo: siamo molto emozionati all’idea di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:57 Marco Barone Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente 28 September 2022 Se è vero che il datore di lavoro non può esercitare alcun potere autorizzatorio e discrezionale nella concessione dei permessi sindacali, è altrettanto vero che la giurisprudenza non vieta che il datore possa verificare la correttezza dell’utilizzo degli stessi, sono plurime le sentenze che si stanno affermando in materia  e che vedono diversi casi di […] Per visualizzare questo contenuto devi essere abbonato a La dirigenza scolastica: rivista operativa per Dirigenti Scolastici, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff or Abbonamento due riviste: Gestire il personale scolastico + La dirigenza scolastica, rivista operativa.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare 28 September 2022 A chi spetta la valutazione della gravità delle patologie del personale della scuola? In caso di assenze, i dipendenti sono esclusi dall’obbligo del rispetto delle c.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:41 Antonio Fundarò Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base 28 September 2022 Ad ordinanza ministeriale ancora non pubblicata, per questo anno scolastico, e sulla scorta della vigente normativa dall’ordinanza ministeriale n.

Tutto scuola 28 Settembre 2022

Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura 28 September 2022 Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno.

torna all'inizio del contenuto