NOTIZIE

17 Settembre 2022

Detrazioni spese di istruzione: per la scuola privata quanto si detrae?

Detrazioni spese di istruzione: per la scuola privata quanto si detrae?

17 September 2022

Anche la scuola privata è detraibile al 19%, ma solo fino ad un determinato tetto di spesa che è uguale per tutti gli studenti.

Per i genitori che sostengono le spese scolastiche dei figli è prevista una detrazione  del 19% ma entro un tetto limite stabilito per ogni studente. Vediamo come bisogna comportarsi in caso di frequentazione di scuola privata e come procedere alla detrazione rispondendo alla domanda di una nostra lettrice che ci scrive:

Buongiorno sono N. cittadina italiana, mamma di una ragazza che frequenta una scuola privata delle superiori, chiedo informazioni per quanto riguarda le spese da sostenere durante il suo percorso scolastico che girano sui 4000e pagabili in 9 mesi di studio. Sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi? Ad esempio io ho pagato subito con bonifico 800 euro che riguarda l’assicurazione è prima rata di scuola. Grazie per la cortese attenzione.

Detrazioni spese scuola privata

Attualmente i genitori possono portare in detrazione, per ciascun figlio, le spese relative all’istruzione ma nel limite annuo di 800 euro. Su tale somma, quindi, spetta una detrazione pari a 152 euro per ogni studente. Sulla spesa che eccede gli 800 euro, poi, non spetta alcuna detrazione.

Il beneficio spetta sia che i figli frequentino la scuola pubblica che quella privata. Anche se fino a qualche anno fa la detrazione era ammessa solo per le scuole pubbliche, la “Buona Scuola” ha allargata il diritto alla detrazione anche per i figli che frequentano istituti privati. Ma resta fermo il tetto di 800 euro per figlio. E anche se la spesa affrontata è nettamente più alta (come nel suo caso in cui la scuola privata costa 4.000 euro l’anno) la detrazione, per tutti, spetta solo per quel limite di spesa.

Le ricordo, infine, che per le detrazioni vale il principio di cassa: se nel 2022 paga solo 800 euro per l’iscrizione, nel 2023 potrà portare in detrazione questi 800 euro. Se poi, la seconda ed eventuali altre rate sono pagate nel 2023, potrà portare in detrazione sempre un tetto di 800 euro di spesa nella dichiarazione dei redditi del 2024.

Di fatto, quindi, conservi le ricevute dei bonifici con cui paga la scuola di suo figlio e li alleghi alle spese per le quali ha diritto alla detrazione al 19%, poi in sede di dichiarazione dei redditi ci penserà il CAF ad indicare il giusto importo per cui le spetta la detrazione.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Orazio Niceforo L’edizione 2022 di Education at a Glance, il rapporto annuale dell’OCSE che raccoglie e mette a confronto le statistiche nazionali sui sistemi educativi dei 38 Paesi… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo All’estero l’academy connota la provenienza dal mondo aziendale, che crea percorsi formativi con particolari abilità e professioni per qualificare i propri fornitori, partner e clienti finali,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Il merito al centro del sistema scolastico. È quanto ha proposto Fratelli d’Italia in campagna elettorale, un obiettivo che la coalizione ha integrato, nella prospettiva della… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Come già abbiamo osservato nella presentazione dei diversi programmi, quello del Centrodestra, intitolato “Per l’Italia. Accordo quadro di programma per un governo di centrodestra”, è particolarmente stringato,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Gli analisti politici si sono impegnati, nel corso della settimana, nella interpretazione del voto del 25 settembre, che ha visto il rilevante successo di Fratelli d’Italia… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:46 Marco Barone Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante 3 October 2022 Nel provvedimento in commento del Garante per la Privacy, [doc.

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti. Facciamo il punto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:41 Antonio Fundarò Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti.

Diventare docenti 3 Ottobre 2022

Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente 3 October 2022 I partecipanti alla procedura riservata di assunzione su posto di sostegno ottengono dapprima una supplenza annuale e poi l’a.

Tutto scuola 3 Ottobre 2022

Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola 3 October 2022 Sono due le cose che garantiscono l’immediata attenzione delle famiglie: ciò che mette a rischio il benessere dei loro figli e ciò che può incidere sulla precarietà del bilancio familiare.

torna all'inizio del contenuto