Notizie e comunicati

17 Aprile 2018

Dibattito sull’educazione: Si salverà il canone educativo occidentale?

Logo-tuttoscuola111

29 December 2019

Una didattica centrata sull’acquisizione di specifiche competenze spendibili nel mercato del lavoro a breve termine

In un articolo pubblicato nel numero di gennaio 2018 della rivista mensile Tuttoscuola, rilanciato da tuttoscuola.com (“La professione degli insegnanti: l’unità e il cattivo infinito”), Benedetto Vertecchi, autorevole pedagogista, critica duramente il cedimento su saperi complessi e “di lunga durata”, che accompagnino gli individui nel corso della vita, sostenendo che “una simile pedagogia degli affari non ha nulla a che fare col canone dell’educazione occidentale”, che è fondato sui classici della cultura pedagogica, da Erasmo a Comenio, Rousseau, Locke e ai tanti altri che tra Ottocento e Novecento “hanno conferito sistematicità ai diversi aspetti dell’educazione ponendo le basi per una comprensione sempre più approfondita delle esigenze degli allievi con riferimento al mutare delle condizioni di vita”.

Nel mirino del pedagogista stanno soprattutto i tanti “corsi e corsetti in grado di rilasciare certificazioni che possano essere utilizzate per rendere più agevole l’accesso alla professione”, proposti agli aspiranti insegnanti da organizzazioni produttive “riconosciute idonee, non si capisce su quali basi, a intervenire in un settore così critico com’è quello dell’educazione”.

Queste attività formative complementari vengono presentate come idonee a fornire ai docenti ulteriori ‘competenze’, soprattutto in campo tecnologico, e/o a metterli in condizione di sviluppare specifiche competenze tra i loro alunni. In questo modo però “l’educazione è sospinta al conseguimento di traguardi a breve termine, dai quali esperti sprovveduti ritengono possano derivare benefici per il sistema produttivo”. Così non sarà, avverte Vertecchi, perché, come insegna l’esperienza, “Assistiamo alla rapida ascesa e all’ancora più rapida dismissione di proposte per l’apprendimento degli allievi che non riusciranno mai a dimostrare quell’utilità invocata e affermata come certa quando si è trattato di imporle alle scuole”.

L’insegnante competente, insomma, non è quello che possiede (e insegna) molte, frammentate competenze, ma quello che è in grado di governarle nel loro insieme, di ricondurle a una ratio unitaria, sulla scorta di quella cultura storico-critica e riflessiva che può essere costruita solo attingendo al patrimonio del canone educativo occidentale, centrato sull’unicità e sulla libertà del soggetto che apprende. Solo così l’insegnante del nostro tempo potrà evitare di restare schiacciato “sotto il maglio della globalizzazione”.

Fonte dell’articolo: Tuttoscuola.com



Dibattito sull’educazione: Si salverà il canone educativo occidentale?

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola di Maurizio Maglioni* Il modello  trasmissivo – ripetitivo si dimostra ogni giorno sempre più inadeguato alla formazione umana delle giovani generazioni del XXI secolo. La scuola… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Un concorso per gli studenti che amano la poesia: è stato lanciato dall’associazione Archicultura e si rivolge in ai giovani autori di età corrispondete alla frequenza… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Educazione e cura della prima infanzia e accesso a un’assistenza a lungo termine di alta qualità e a prezzi accessibili. Su questi due temi il Consiglio… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Alla Riunione Ministeriale del Comitato per le Politiche dell’Istruzione (EDPC) dell’OCSE a Parigi, il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha posto ufficialmente tre temi:… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Contesto: Classi terze della scuola dell’infanzia dell’IC IV di Lodi. Math in Progress 2015-2016 Docente: Maria Teresa Malvicini “Sulla linea dei numeri” è il titolo del… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 9 Dicembre 2022

Me.Mo. Merito e Mobilità Sociale, proroga domande progetto al 18 dicembre

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Me.

NOTIZIE 9 Dicembre 2022

Stop al bonus cultura 18 App, la maggioranza spinge. Protesta l’opposizione. EMENDAMENTO LEGGE DI BILANCIO

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Stop al bonus cultura 18 App, la maggioranza spinge.

NOTIZIE 9 Dicembre 2022

Supplenze ATA 2022: in totale sono più di 50 mila, di cui 36.171 al 30 giugno. Ecco i dati di tutte le regioni

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze ATA 2022: in totale sono più di 50 mila, di cui 36.

NOTIZIE 9 Dicembre 2022

Supplenze, docente disoccupata a causa dell’algoritmo che l’ha esclusa dai turni successivi. Giudice le dà ragione e ordina all’Ufficio Scolastico di attribuirle incarico

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze, docente disoccupata a causa dell’algoritmo che l’ha esclusa dai turni successivi.

torna all'inizio del contenuto