NOTIZIE

5 Gennaio 2023

Dirigenti scolastici, la Corte dei Conti bacchetta: applicare l’obbligo di rotazione o non si registreranno i contratti. A settembre 1 preside su 6 potrebbe essere trasferito

Dirigenti scolastici, la Corte dei Conti bacchetta: applicare l’obbligo di rotazione o non si registreranno i contratti. A settembre 1 preside su 6 potrebbe essere trasferito

5 January 2023

“Dal prossimo anno i dirigenti scolastici che hanno già svolto due mandati nello stesso istituto (cioè sei anni, ndr), andranno trasferiti. Lo prevede una norma. E se non la applico, la Corte dei conti non registrerà più i vostri contratti”. Sono le parole di Rocco Pinneri, direttore dell’USR Lazio, che ha riferito ai dirigenti scolastici, richiamando dunque il codice anticorruzione e un ultimatum da parte della Corte dei Conti. 

Non si parla solo del Lazio ma degli oltre 7.500 presidi a livello nazionale, riporta Il Messaggero. E di loro almeno il 15 per cento, uno su sei a Roma come nel resto d’Italia, rischia di essere destinato a una nuova sede. 

Il quotidiano sottolinea che vari Uffici scolastici regionali si apprestano ad applicare un’indicazione del codice anticorruzione (approvata nel 2001, poi confermata nel 2012) che inserisce anche i dirigenti scolastici tra le categorie soggette a rotazione: proprio perché gestiscono appalti, affidamenti e acquisto di beni, potrebbero essere allettati da proposte indicenti. 

Saranno gli Uffici Scolastici Regionali a stabilire dopo dopo quanti mandati scatta l’incompatibilità. Tutto ciò nonostante un parere dell’Anac, l’autorità nazionale Anticorruzione, che ha indicato la scuola come “un settore a basso rischio corruttivo“. 

Tuttavia la Corte dei Conti non vuole seguire tale interpretazione ed ha comunicato ai direttori degli Usr di indicare sia i tempi del turn over sia di applicare le rotazioni. In caso contrario la Corte dei Conti non validerebbe, come prevede la legge, i singoli contratti dei presidi. 

Morale della favola: chi a settembre si troverà con il contratto triennale scaduto sarà trasferito. 

Commenta negativamente Antonello Giannelli, numero uno di ANP: “Il mondo della scuola è molto variegato, fa parte della pubblica amministrazione ma ha modalità completamente a sé. Non può essere accomunato alla PA in tutto e per tutto perché vive dinamiche molto diverse“, dice a Il Messaggero.

Nella scuola non ci sono molti soldi quindi parlare di rischio di corruzione all’interno degli istituti è abbastanza inappropriato, direi che intervenire in questo mo- do in nome dell’anti corruzione è inaccettabile e non condivisibile“, aggiunge. 

In un istituto la dipartita di un dirigente produce una inevitabile cesura sull’azione amministrativa. La continuità viene interrotta ed è inaccettabile che questo avvenga solo per un automatismo della norma. Un intervento “a prescindere” non va mai bene“, conclude Giannelli.

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto