Diventare docenti

14 Luglio 2022

Diventare insegnanti nuova riforma, percorso universitario abilitante da 60 CFU: ci sarà il test di ingresso selettivo?

Diventare insegnanti nuova riforma, percorso universitario abilitante da 60 CFU: ci sarà il test di ingresso selettivo?

14 July 2022

Il sistema di formazione iniziale e accesso al ruolo nella scuola secondaria di primo e secondo grado, delineato dal D.lgs. 59/2017, è stato modificato dal DL n. 36/2022, convertito in legge n. 79/2022. Percorso universitario e accademico di formazione iniziale e abilitazione.

Riforma reclutamento docenti, è legge: testo [SCARICA PDF] pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Tutte le novità [VIDEO]

Sistema di formazione e accesso al ruolo

Il nuovo sistema di formazione iniziale e accesso in ruolo per i docenti della scuola secondaria si articola in:

  • un percorso universitario e accademico abilitante di formazione iniziale corrispondente a non meno di 60 CFU/CFA
  • un concorso pubblico nazionale, indetto su base regionale o interregionale
  • un periodo di prova in servizio di durata annuale con test finale e valutazione conclusiva

Percorso universitario abilitante

Il primo step per diventare docenti nella scuola secondaria di primo e secondo grado, dunque, è il percorso universitario e accademico di formazione iniziale e abilitazione, destinato agli aspiranti docenti di posto comune, compresi gli ITP.

Chi e quando vi può accedere 

Ai percorsi di formazione iniziale e abilitazione possono accedere gli aspiranti:

  • (per i posti comuni) in possesso di laurea magistrale o a ciclo unico oppure di diploma AFAM di II livello oppure di titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso; 
  • (per gli ITP) in possesso di laurea oppure di diploma AFAM di I livello oppure di titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso (sino all’a.s. 2024/25, per gli ITP è previsto quanto disposto dall’art. 22/2 del D.lgs. 59/17).

L’accesso ai percorsi è consentito non solo a chi ha già conseguito i suddetti titoli di studio, ma anche a coloro i quali non ne sono ancora in possesso ma sono regolarmente iscritti ai relativi corsi.

Per coloro che sono iscritti ai corsi di studio per il conseguimento della laurea magistrale a ciclo unico, si precisa che l’accesso è subordinato all’acquisizione di 180 CFU. I CFU relativi al percorso di formazione e abilitazione, leggiamo nel DL, sono conseguiti in modalità aggiuntiva (rispetto a quelli necessari per il conseguimento della laurea).

Organizzazione

Il percorso è organizzato e impartito, per le relative classi di concorso, dalle università e dalle istituzioni AFAM, attraverso centri individuati dalle istituzioni della formazione superiore, anche in forma aggregata.

I percorsi sono svolti  interamente in presenza oppure con modalità telematiche in misura non superiore al 20% del totale. Sono escluse dallo svolgimento nella predetta modalità (telematica) le attività di tirocinio e di laboratorio.

Strutturazione

L’offerta formativa dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale e abilitazione corrisponde a 60 CFU/CFA, di cui almeno 10 di area pedagogica e almeno 20 di attività di tirocinio diretto e indiretto (i tirocini non sono retribuiti). Per ogni CFU/CFA di tirocinio l’impegno in presenza nelle classi non può essere inferiore a 12 ore.

I 24 CFU, conseguiti per l’accesso al concorso secondo quanto previsto nel D.lgs. 59/2017, sono riconosciuti, fermo restando il conseguimento di almeno 10 CFU/CFA di tirocinio diretto.

Un DPCM (vedi di seguito), da emanare entro il 31 luglio 2022, definirà l’intera strutturazione e i contenuti dei percorsi in esame.

Come si concludono – Abilitazione

I percorsi di formazione iniziale e abilitazione si concludono con una prova finale, che si articola in:

  • una prova scritta (consistente in un’analisi critica relativa al tirocinio scolastico effettuato durante il percorso);
  • una lezione simulata.

Superato il percorso e la prova finale, gli interessati conseguono l’abilitazione (costituente uno dei requisiti di partecipazione al concorso per l’accesso al ruolo).

Prova finale

Considerato che il percorso di formazione iniziale e abilitazione può essere intrapreso non solo da chi ha già conseguito il titolo di studio ma anche da chi è iscritto ai corsi per il conseguimento del medesimo, nel DL è specificato che accedono alla prova finale del percorso gli aspiranti cha hanno conseguito la laurea magistrale o magistrale a ciclo unico oppure il diploma AFAM di II livello, oppure di titolo equipollente o equiparato.

Per accedere alla prova finale, inoltre, è necessaria una percentuale di frequenza che sarà definita da apposito DPCM (vedi di seguito).

Come vi si accede 

Nel decreto non è specificato se l’accesso ai percorsi  è selettivo (ossia a numero chiuso) o meno, sebbene lo si possa dedurre implicitamente.

Test di ingresso per accedere al percorso abilitante da 60 CFU?

Il numero di aspiranti da abilitare, leggiamo nel DL, deve essere sufficiente a garantire la selettività delle procedure concorsuali e allo stesso tempo non deve essere superiore al fabbisogno ossia tale che il sistema di istruzione non possa assorbirli. Conseguentemente, il MI stima e comunica al MUR il fabbisogno di docenti per il sistema nazionale di istruzione (compresi le scuole paritarie e i percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni nonché le scuole italiane all’estero), nel triennio successivo, per tipologia di posto e classe di concorso.

Il numero di aspiranti da abilitare, dunque, è legato al fabbisogno, per cui dovrebbe esserci un limite e, conseguentemente, una selezione per l’accesso. Sarà il DPCM sopra citato a fornire indicazioni in merito?

Ne abbiamo parlato nei Question time dedicati all’analisi dei provvedimenti della nuova riforma sul reclutamento con i sindacalisti

Paolo Pizzo UIL Scuola Rivedi il VIDEO

Attilio Varengo CISl Scuola Rivedi il VIDEO 

Ne parla il Sen. Pittoni (Lega) Riforma reclutamento, Pittoni: “No al numero chiuso per abilitazione e specializzazione degli insegnanti”

In audizione recentemente il ministro dell’Università Cristina Messa, rispondendo a una mia precisa domanda, si è impegnata a non irrigidire l’accesso ai percorsi formativi abilitanti all’insegnamento col numero chiuso. Ma è forte la pressione dei tecno-burocrati, che lo presentano quasi come passaggio obbligato dimenticando che è praticamente impossibile individuare numeri affidabili (a conferma dell’urgenza di tornare a un governo politico).” 

Dunque un discorso ancora aperto.

Riserva posti

Il decreto 36/22 dispone che, per i primi tre cicli dei percorsi in esame, i titolari di contratti di docenza presso una scuola statale o paritaria o nell’ambito di percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni possono accedere agli stessi (percorsi), relativi alla classe di concorso di interesse, nei limiti della riserva di posti indicati dal DPCM sopra citato.

Non è specificata la tipologia di contratto (al 30/06? al 31/08?).

Tutor

I partecipanti al percorso suddetto saranno affiancati da tutor appartenenti al ruolo della scuola secondaria di primo e secondo grado. Un apposito decreto del Ministro dell’Istruzione, di concerto con i Ministri dell’Università e della Ricerca e dell’Economia e delle Finanze, stabilirà:

  • il contingente di tutor e la sua ripartizione tra Università e Istituzioni AFAM;
  • i criteri di selezione dei tutor.

Costi

Il DPCM sopra citato (vedi anche di seguito) definirà i costi massimi di iscrizione ai percorsi, nonché di svolgimento delle prove finali che portano al conseguimento dell’abilitazione. I costi sono a carico dei partecipanti.

Decreto

Entro il 31 luglio 2022, come detto sopra, deve essere emanato un DPCM, di concerto con Ministri dell’istruzione e dell’università e della ricerca, che dovrà:

  • individuare i requisiti di accreditamento dei percorsi di  formazione iniziale, in modo da garantirne l’elevata qualità e la solidità, e definire i criteri e le modalità di coordinamento e di eventuale loro aggregazione;
  • definire le modalità con cui i percorsi di formazione iniziale sono organizzati per realizzare una collaborazione strutturata e paritetica fra sistema scolastico, università e istituzioni AFAM;
  • definire i contenuti e la strutturazione dell’offerta formativa dei percorsi, corrispondente a 60 CFU/CFA, di cui almeno 10 di area pedagogica, comprendente attività di tirocinio diretto e indiretto non inferiore a 20 CFU/CFA, in modo che vi sia proporzionalità tra le diverse componenti della predetta offerta formativa e tenendo in considerazione gli aspetti legati all’inclusione scolastica nonché le specificità delle materie scientifiche, tecnologiche e matematiche;
  • determinare il numero di CFU/CFA riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità;
  • definire la percentuale di presenza alle attività formative necessarie per l’accesso alla prova finale dei percorsi;
  • definire le linee guida per il riconoscimento di eventuali altri crediti maturati nel corso degli studi universitari o accademici, purché strettamente coerenti con gli obiettivi formativi (sono riconosciuti anche i 24 CFU, come detto sopra);
  • stabilire gli standard professionali minimi riferiti alle competenze del docente abilitato;
  • individuare il Profilo conclusivo delle competenze professionali del docente abilitato, nel rispetto degli standard professionali minimi suddetti, e definire le modalità della loro verifica, al fine di favorire la coerenza dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale con le professionalità richieste al docente e la trasformazione digitale dell’organizzazione scolastica e dei processi di apprendimento e insegnamento;
  • stabilire le modalità di svolgimento della  prova finale del percorso universitario e accademico, nonché gli standard necessari ad assicurare una valutazione omogenea dei partecipanti e la composizione della relativa commissione giudicatrice, nella quale sono comunque presenti un membro designato dall’Ufficio scolastico regionale di riferimento e un membro esterno esperto di formazione nelle materie inerenti al percorso abilitante, anche individuabile tra i tutor di cui sopra.

TESTO

NOTA RAGIONERIA

DOSSIER

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Pubblicato da Simone Consegnati La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni,… [...]

Pubblicato da Marco Braghero Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe… [...]

Pubblicato da Nicoletta Appignani Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi 12 August 2022 Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi) 12 August 2022 La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni, e i privati, che spesso sono congregazione religiose.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare 12 August 2022 Viaggio nella scuola finlandese.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Come scegliere e organizzare una gita scolastica

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Come scegliere e organizzare una gita scolastica 12 August 2022 Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di vita differenti, di visitare musei, città lontane, addirittura paesi stranieri? Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone, scriveva Steinbeck.

torna all'inizio del contenuto