NOTIZIE

3 Dicembre 2022

Docente trasferita per incompatibilità ambientale, i genitori fanno ricorso. Il Tar li boccia: è un vantaggio per la docente

Docente trasferita per incompatibilità ambientale, i genitori fanno ricorso. Il Tar li boccia: è un vantaggio per la docente

3 December 2022

La sentenza in commento riguarda un contenzioso intrapreso da alcuni genitori contro il provvedimento di assegnazione dei docenti alle classi ed ai plessi funzionali alla realizzazione del PTOF, nella parte in cui una specifica docente veniva assegnata in una data scuola e altresì si contestava l’atto con il quale venivano assegnate materie diverse rispetto a quelle di cui già erano titolari alcune docenti. Si pronuncia il TAR della Calabria con sentenza 28/10/22 n° 704/22.

La questione

Con ricorso con domanda cautelare i ricorrenti, nelle rispettive qualità di genitori di minori frequentanti una scuola primaria, hanno impugnato il decreto avente ad oggetto l’assegnazione dei docenti alle classi nella parte in cui veniva disposta l’assegnazione della docente titolare per i due anni scolastici precedenti delle materie Italiano, Storia, Geografia, Arte e Motoria nella classe di un plesso frequentata dai minori. Il decreto è stato, altresì, impugnato nella parte in cui ai docenti già assegnati al plesso e confermati per l’anno scolastico di riferimento venivano assegnate materie diverse rispetto a quelle di cui erano titolari in precedenza. A fondamento dell’impugnativa, hanno evidenziato di avere avuto conoscenza del disposto avvicendamento delle due docenti e dell’ulteriore stravolgimento dell’organizzazione degli insegnamenti soltanto all’avvio dell’anno scolastico.

Il trasferimento da una scuola conflittuale è un vantaggio per la docente e il trasferimento è legittimo

Pur affrontandosi la questione dal punto di vista tecnico, i giudici sottolineano che in relazione alla posizione della docente dal momento che l’iniziativa, censurata dai ricorrenti, del relativo spostamento presso il plesso risulta aver trovato origine proprio nei “disagi” dalla stessa manifestati “nell’interazione e nella gestione delle classi assegnatele”, dovendo per ciò solo ritenersi ‒ indipendentemente dal fatto se vi sia stata o meno da parte sua una sollecitazione in tal senso nei confronti della dirigente scolastica ‒ che la nuova assegnazione si sia risolta per la stessa in un vantaggio, valendo a sottrarla al clima di accentuata insofferenza emerso nei suoi confronti nella scuola di precedente assegnazione per effetto degli attriti insorti con gli alunni e con i loro genitori (di cui vi è precisa descrizione nella memoria di parte resistente). Pertanto, rileva il TAR di Reggio Calabria, che, quanto meno sul piano astratto, un’analoga situazione figura sussistente anche nei confronti della docente dandosi atto nei decreti posti a fondamento del provvedimento impugnato della relativa residenza nel territorio della scuola di assegnazione, risolvendosi, dunque, tale circostanza in un beneficio che, come tale, la docente potrebbe avere interesse a mantenere. Rilevandosi pertanto- che, in linea generale, il soggetto nominato ad un pubblico ufficio o assegnato ad un determinato posto di lavoro o ad una certa sede di servizio è controinteressato nel ricorso proposto da terzi avverso l’atto di nomina o di assegnazione.
Concludendo che per tali motivi, che il ricorso avrebbe dovuto essere notificato ad entrambe le docenti dovendo esse qualificarsi ‘controinteressati’, conseguendone, perciò, la relativa inammissibilità.

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto