NOTIZIE

22 Agosto 2022

Docenti e secondo lavoro, dirigente scolastico deve autorizzare l’ulteriore attività. Procedimento

Docenti e secondo lavoro, dirigente scolastico deve autorizzare l’ulteriore attività. Procedimento

22 August 2022

Il docente che intende svolgere un’ulteriore attività, oltre all’insegnamento, deve essere autorizzato dal dirigente scolastico. Il procedimento autorizzatorio.

Incompatibilità

Il personale docente (come tutti i pubblici dipendenti) ha il dovere di esclusività di svolgimento della prestazione lavorativa nei confronti della pubblica amministrazione.

Vi sono, tuttavia, delle attività che (dopo l’assunzione) possono essere esercitate, previa autorizzazione del dirigente scolastico (escluse alcune attività, che possono essere svolte anche senza autorizzazione).

In linea generale, come leggiamo anche nella nota dell’USR Sicilia del 31/08/2020, la normativa relativa alle incompatibilità distingue tra:

  1. incompatibilità assolute (per cui l’ulteriore attività lavorativa non può in nessun modo essere svolta)
  2. incompatibilità relative o condizionate alla preventiva autorizzazione del dirigente scolastico
  3. attività che possono essere svolte senza autorizzazione del DS

Approfondisci

Focalizziamo la nostra attenzione sulle attività di cui al punto 2 e al relativo procedimento autorizzatorio, nonché sui docenti con prestazione lavorativa non superiore al 50%, che sono esclusi dal regime delle incompatibilità, ma che devono comunque comunicare al dirigente scolastico l’ulteriore attività svolta, ai fini delle previste verifiche [evidenziamo che quanto detto riguarda il caso di un’ulteriore attività intrapresa dal docente già assunto e non chi svolge già un’attività e deve stipulare il contratto a tempo indeterminato (o determinato), cosa che non può succedere, come spiegato in questo articolo].

Attività non soggette a incompatibilità

Non sono soggette ad incompatibilità:

  • le libere professioni (così come lo svolgimento dell’attività forense, a determinate condizioni), purché non siano di pregiudizio alla funzione docente, siano pienamente compatibili con l’orario di insegnamento e di servizio e siano svolte previa autorizzazione del dirigente scolastico;
  • per i soli docenti, le lezioni private svolte nei confronti di alunni appartenenti a istituti diversi da quello di servizio (sempre previa autorizzazione del DS).

Procedimento autorizzatorio

Il docente, che intraprende un’ulteriore attività, deve comunicarlo o meglio chiedere l’autorizzazione al dirigente scolastico, il quale controlla innanzitutto se l’incarico in questione:

  • non rientri in nessuna delle previste incompatibilità assolute (qualora vi rientrasse, il procedimento autorizzatorio verrebbe interrotto sul nascere, in quanto il dirigente non potrebbe in nessun modo fornire la relativa autorizzazione); oppure
  • rientri tra le attività liberalizzate, per cui non è necessaria l’autorizzazione.

Verificato quanto detto, ossia se l’attività da intraprendere non costituisca un’incompatibilità assoluta ovvero non necessiti di autorizzazione, il dirigente avvia una vera e propria istruttoria, al fine di verificare in concreto la compatibilità dell’attività ulteriore con la funzione svolta nel comparto scuola nonché l’insussistenza del conflitto di interessi. 

Nello specifico, il dirigente scolastico deve vagliare se l’attività extra lavorativa svolta sia compatibile con il corretto e puntuale adempimento della prestazione contrattualmente dovuta, in modo da evitare che il cumulo di incarichi provochi un pregiudizio al buon andamento dell’amministrazione. A tal fine, si deve verificare:

  • se l’espletamento dell’incarico possa, anche in via solo ipotetica o potenziale, confliggere con gli interessi dell’amministrazione e, quindi, con le funzioni assegnate sia al singolo dipendente che alla struttura di appartenenza;
  • la compatibilità del nuovo impegno con i carichi di lavoro del dipendente e della struttura di appartenenza (l’incarico dovrà comunque non solo essere svolto fuori dall’orario di lavoro, ma pure compatibilmente con le esigenze di servizio), nonché con le mansioni e posizioni di responsabilità attribuite al dipendente medesimo, interpellando eventualmente a tal fine il responsabile dell’ufficio di appartenenza il quale dovrà esprimere il proprio parere o assenso circa la concessione dell’autorizzazione richiesta;
  • l’occasionalità o saltuarietà ovvero non prevalenza della prestazione sull’impegno derivante dall’orario di lavoro;
  • la materiale compatibilità dello specifico incarico con il rapporto di impiego, tenuto conto del fatto che taluni incarichi retribuiti sono caratterizzati da una particolare intensità di impegno;
  • specificità attinenti alla posizione del dipendente richiedente l’autorizzazione medesima (incarichi già autorizzati in precedenza, assenza di procedimenti disciplinari a suo carico o note di demerito in relazione all’insufficiente livello di rendimento);
  • corrispondenza fra il livello di professionalità posseduto dal dipendente e la natura dell’incarico esterno a lui affidato.

Il procedimento autorizzatorio, che si fonda sulla verifica degli aspetti sopra elencati, deve concludersi, entro 30 giorni dalla comunicazione del dipendente interessato, con l’adozione di un provvedimento motivato di autorizzazione ovvero di diniego. Trascorsi i predetti 30 giorni, senza che il dirigente scolastico emetta alcun provvedimento, l’autorizzazione si intende concessa, secondo quanto previsto dall’art. 53, comma 10, del d.lgs. 165/2001.

Nella nota dell’USR Sicilia summenzionata, infine, si evidenzia quanto segue:

L’esercizio di attività ulteriori, seppur compatibili, in difetto della prescritta autorizzazione integra violazione di legge con conseguente decadenza all’impego e risoluzione del contratto di lavoro.

Comunicazione docenti part-time

I docenti in regime di part-time, con prestazione lavorativa non superiore al 50%, sono esclusi dal regime delle incompatibilità (come sopra accennato), tuttavia sono tenuti a comunicare al dirigente scolastico (come da CCNL 2016/18) l’attività intrapresa.

Una volta ricevuta la comunicazione, il dirigente (come prevede anche la legge 662/1996):

  • verifica che l’attività intrapresa non comporti un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio del dipendente, pregiudicando l’esercizio imparziale delle funzioni attribuite allo stesso;
  • verifica che l’interessato abbia tempestivamente comunicato all’Amministrazione di appartenenza il tipo di attività privata che intende svolgere (il che agevola il controllo in merito al conflitto di interessi).
  • (anche in caso di inottemperanza alle suddette prescrizioni), qualora ravvisi la sussistenza di un conflitto di interessi tra l’attività svolta dal dipendente (anche se in part time) e le funzioni istituzionali dello stesso, diffida il lavoratore dal cessare, entro 15 giorni, l’attività ulteriore a pena di decadenza dall’impiego pubblico.

Analogamente a quanto detto sopra, qualora la comunicazione del lavoratore abbia ad oggetto la richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a parziale (al fine di svolgere un’ulteriore attività), la stessa (richiesta) può essere accolta solo se dalla verifica del dirigente scolastica risulti che l’attività in esame sia  compatibile con quella istituzionale.

Pubblicato da Orazio Niceforo L’edizione 2022 di Education at a Glance, il rapporto annuale dell’OCSE che raccoglie e mette a confronto le statistiche nazionali sui sistemi educativi dei 38 Paesi… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo All’estero l’academy connota la provenienza dal mondo aziendale, che crea percorsi formativi con particolari abilità e professioni per qualificare i propri fornitori, partner e clienti finali,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Il merito al centro del sistema scolastico. È quanto ha proposto Fratelli d’Italia in campagna elettorale, un obiettivo che la coalizione ha integrato, nella prospettiva della… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Come già abbiamo osservato nella presentazione dei diversi programmi, quello del Centrodestra, intitolato “Per l’Italia. Accordo quadro di programma per un governo di centrodestra”, è particolarmente stringato,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Gli analisti politici si sono impegnati, nel corso della settimana, nella interpretazione del voto del 25 settembre, che ha visto il rilevante successo di Fratelli d’Italia… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:46 Marco Barone Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante 3 October 2022 Nel provvedimento in commento del Garante per la Privacy, [doc.

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti. Facciamo il punto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:41 Antonio Fundarò Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti.

Diventare docenti 3 Ottobre 2022

Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente 3 October 2022 I partecipanti alla procedura riservata di assunzione su posto di sostegno ottengono dapprima una supplenza annuale e poi l’a.

Tutto scuola 3 Ottobre 2022

Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola 3 October 2022 Sono due le cose che garantiscono l’immediata attenzione delle famiglie: ciò che mette a rischio il benessere dei loro figli e ciò che può incidere sulla precarietà del bilancio familiare.

torna all'inizio del contenuto