Tutto scuola

1 Agosto 2022

Don Milani: a oltre 50 anni dalla morte il suo messaggio è ancora attuale, ecco perché

Don Milani: a oltre 50 anni dalla morte il suo messaggio è ancora attuale, ecco perché

1 August 2022

Era il 26 giugno 1967 quando Don Lorenzo Milani moriva, a Firenze, a casa della mamma, circondato solo dall’affetto dei suoi studenti, che come dirà lui stesso nel suo testamento ha amato più di Dio, “ma ho speranza che lui non stia attento a queste sottigliezze”.  

Poco prima di morire, ma quando era già molto malato, vide la pubblicazione del lavoro realizzato insieme a tutti gli alunni della scuola di Barbiana, il famoso testo dal titolo “Lettera a una professoressa”. 

Un testo che ha reso la figura di Don Milani degna di attenzione nel tempo, tant’è che a cinquant’anni dalla sua morte sia il MI, che Papa Francesco hanno deciso di rendere omaggio ad un maestro e sacerdote, che ha amato la scuola fino all’ultimo e che ha provato a migliorare con l’esempio di una scuola forse irripetibile, ma che accoglieva tutti e non lasciava indietro nessuno.

Con un gruppo di cinquanta studenti ed insieme al Prof Italo Fiorin, direttore della scuola di Alta Formazione “Educare all’Incontro e alla Solidarietà (EIS)” della Lumsa di Roma, ci siamo recati a Barbiana, per incontrare il messaggio, ancora rivoluzionario e provocatorio, del sacerdote Fiorentino.

Obiettivo della nostra faticosa salita a Barbiana era capire l’attualità di un messaggio scomodo, incapace di scendere a compromessi, ma proprio per questo ancora attuale e incredibilmente urgente. Il messaggio dell’attenzione agli ultimi, ai più poveri, a chi la scuola esclude, come un “ospedale che cura i sani e respinge i malati”. 

C’è qualcosa che spinge maestre e maestri di tutta Italia a salire per la strada polverosa di Barbiana, nonostante i molti anni passati. Probabilmente è la ricerca di un messaggio coerente e affascinante, quello di una didattica che parte dalla realtà, dall’incontro con i problemi veri e sentiti degli alunni. È la voglia di approfondire un messaggio che parla di inclusione, di competenze, di didattica non frontale, di superamento del concetto di libro di testa.

Un messaggio attuale, come detto, semplice e lineare, perché nella scuola di Barbiana ogni parola veniva scelta con cura, perché è proprio il numero di parole che fa la differenza tra il figlio del montanaro e quello del dottore. E se l’obiettivo è non lasciare indietro nessuno ecco che le parole devono essere chiare, semplici, dirette.

Gli studenti della Lumsa saliti a Barbiana si sono confrontati con la forza del messaggio di quelle quattro mura dimenticate su una collina del Mugello, hanno riflettuto su che tipo di scuola  vogliono creare, sulle loro aspettative di educatori, sul bisogno di non essere conformi ad una modalità, spesso ripetitiva, di fare scuola.

I Care” è il messaggio che campeggia su una parete della povera scuola di Barbiana. Come dice lo stesso Don Milani, è il motto della migliore gioventù americana, significa “Mi sta a cuore” ed è l’esatto contrario del motto fascista “Me ne frego”.

Ecco, è forse questo il bisogno più grande. Il bisogno di costruire una scuola in grado di “avere a cuore” tutti gli alunni, a prescindere dalle loro capacità, e di portarli tutti, nessuno escluso, verso il successo formativo. 

I Care.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 20 Agosto 2022

Finestre aperte contro il Covid, valutare possibili controindicazioni nell’uso degli aeratori. NOTA Ministero [PDF]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il Ministero dell’Istruzione, nella nota emanata nella giornata di venerdì, a firma del capo dipartimento Stefano Versari, ribadisce quanto già definito dalle linee guida per l’aerazione e la qualità dell’aria nelle scuole.

Diventare docenti 20 Agosto 2022

Supplenze 2022, ecco quali tipologie di aspettativa e congedo è possibile chiedere alla firma del contratto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze 2022, ecco quali tipologie di aspettativa e congedo è possibile chiedere alla firma del contratto 20 August 2022 Una volta ottenuta la supplenza, all’esito della presentazione della domanda (termine ultimo 16 agosto), l’interessato può fruire degli istituti di aspettativa e congedo previsti dalla normativa vigente.

NOTIZIE 19 Agosto 2022

Rinnovo contratto enti locali, Ancodis: “E se prendessimo spunto per il rinnovo del CCNL scuola?  

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Rinnovo contratto enti locali, Ancodis: “E se prendessimo spunto per il rinnovo del CCNL scuola?   19 August 2022 È stata sottoscritta l’ipotesi di contratto collettivo nazionale per le funzioni locali.

torna all'inizio del contenuto