Notizie e comunicati

3 Dicembre 2018

Effetti delle sentenze per i docenti diplomati e inserimento nelle GAE

Cisl scuola

3 December 2018

Soluzioni articolate previste dal decreto “dignità”

Il decreto “dignità”, convertito, con modificazioni, nella legge 11 agosto 2018, n. 96, ha previsto una soluzione articolata per la nota questione del contenzioso attivato dai docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002, per l’inserimento nelle GAE.
Alla nostra redazione sono pervenuti in questi giorni alcuni quesiti circa le modalità applicative delle disposizioni contenute nel decreto dignità e pertanto ripercorriamo insieme le fasi operative necessarie per dare esecuzione alle sentenze definitive favorevoli all’Amministrazione.
Le predette decisioni sono eseguite entro centoventi giorni decorrenti dalla data di comunicazione del provvedimento giurisdizionale al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, secondo modalità precisate nella legge.
In particolare il riferimento è all’articolo 4 comma 1 bis ma anche alle successive note ministeriali che hanno offerto indicazioni sull’applicazione di quanto previsto dalla norma (note MIUR prot. 45988 del 17/10/2018 e prot. 47743 del 29/10/2018).
Ogni adempimento esecutivo affidato ai dirigenti scolastici e relativo al contratto di lavoro, deve essere preceduto dal provvedimento di depennamento dalle relative graduatorie di esaurimento, azione che deve essere compiuta dall’Ambito territoriale. L’Atp, con provvedimento del dirigente, dispone in esecuzione della sentenza, il depennamento.
Se il docente non era inserito in II fascia, l’Ambito territoriale indicherà i termini entro cui l’insegnante potrà presentare domanda alla scuola capofila che sarà scelta dal richiedente, potendo optare liberamente per la provincia desiderata. La valutazione del punteggio sarà relativa ai titoli posseduti alla data prevista dal D.M. n. 374 del 1/6/17.
I dirigenti scolastici pertanto, a seguito del provvedimento che è pubblicato sul sito dell’Atp:

  • provvedono alla cancellazione della posizione in prima fascia delle graduatorie di istituto, (mantenendo l’inserimento in seconda fascia se l’insegnante era già incluso)
  • provvedono eventualmente alla valutazione della domanda presentata per l’inserimento in seconda fascia e ai relativi adempimenti.

I dirigenti inoltre devono, con apposito decreto motivato,

  • nel caso di contratto a tempo indeterminato, risolvere il contratto di lavoro dell’insegnante destinatario del provvedimento dell’Atp e procedere contestualmente alla stipula di un contratto di supplenza sino al 30 giugno 2019
  • nel caso di contratto di supplenza annuale (fino al 31 agosto 2019), procedere alla conversione in contratto a tempo determinato sino al 30 giugno.

In entrambi i casi non si deve scorrere la graduatoria giacché il docente è destinatario del contratto per disposizione di legge. Pertanto, aggiornando il Sidi, non deve essere inserita la graduatoria né la posizione di individuazione, così come si fa per le nomine da MAD.
Ai sensi dell’articolo 2126 C.C., primo comma, restano salvi i diritti patrimoniali acquisiti dal docente in seguito alla conclusione del contratto.
Agli insegnanti in attesa di sentenza definitiva ed ancora iscritti nelle graduatorie ad esaurimento con riserva, qualora in base allo scorrimento delle graduatorie risultino destinatari di un contratto di supplenza annuale, verrà conferita la supplenza con apposizione di clausola risolutiva nel contratto. Anche per tali insegnanti, una volta pervenuta la sentenza definitiva, si procederà come prima illustrato.

 

Il decreto “dignità”, convertito, con modificazioni, nella legge 11 agosto 2018, n. 96, ha previsto una soluzione articolata per la nota questione del contenzioso attivato dai docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002, per l’inserimento nelle GAE.
Alla nostra redazione sono pervenuti in questi giorni alcuni quesiti circa le modalità applicative delle disposizioni contenute nel decreto dignità e pertanto ripercorriamo insieme le fasi operative necessarie per dare esecuzione alle sentenze definitive favorevoli all’Amministrazione.
Le predette decisioni sono eseguite entro centoventi giorni decorrenti dalla data di comunicazione del provvedimento giurisdizionale al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, secondo modalità precisate nella legge.
In particolare il riferimento è all’articolo 4 comma 1 bis ma anche alle successive note ministeriali che hanno offerto indicazioni sull’applicazione di quanto previsto dalla norma (note MIUR prot. 45988 del 17/10/2018 e prot. 47743 del 29/10/2018).
Ogni adempimento esecutivo affidato ai dirigenti scolastici e relativo al contratto di lavoro, deve essere preceduto dal provvedimento di depennamento dalle relative graduatorie di esaurimento, azione che deve essere compiuta dall’Ambito territoriale. L’Atp, con provvedimento del dirigente, dispone in esecuzione della sentenza, il depennamento.
Se il docente non era inserito in II fascia, l’Ambito territoriale indicherà i termini entro cui l’insegnante potrà presentare domanda alla scuola capofila che sarà scelta dal richiedente, potendo optare liberamente per la provincia desiderata. La valutazione del punteggio sarà relativa ai titoli posseduti alla data prevista dal D.M. n. 374 del 1/6/17.
I dirigenti scolastici pertanto, a seguito del provvedimento che è pubblicato sul sito dell’Atp:

  • provvedono alla cancellazione della posizione in prima fascia delle graduatorie di istituto, (mantenendo l’inserimento in seconda fascia se l’insegnante era già incluso)
  • provvedono eventualmente alla valutazione della domanda presentata per l’inserimento in seconda fascia e ai relativi adempimenti.

I dirigenti inoltre devono, con apposito decreto motivato,

  • nel caso di contratto a tempo indeterminato, risolvere il contratto di lavoro dell’insegnante destinatario del provvedimento dell’Atp e procedere contestualmente alla stipula di un contratto di supplenza sino al 30 giugno 2019
  • nel caso di contratto di supplenza annuale (fino al 31 agosto 2019), procedere alla conversione in contratto a tempo determinato sino al 30 giugno.

In entrambi i casi non si deve scorrere la graduatoria giacché il docente è destinatario del contratto per disposizione di legge. Pertanto, aggiornando il Sidi, non deve essere inserita la graduatoria né la posizione di individuazione, così come si fa per le nomine da MAD.
Ai sensi dell’articolo 2126 C.C., primo comma, restano salvi i diritti patrimoniali acquisiti dal docente in seguito alla conclusione del contratto.
Agli insegnanti in attesa di sentenza definitiva ed ancora iscritti nelle graduatorie ad esaurimento con riserva, qualora in base allo scorrimento delle graduatorie risultino destinatari di un contratto di supplenza annuale, verrà conferita la supplenza con apposizione di clausola risolutiva nel contratto. Anche per tali insegnanti, una volta pervenuta la sentenza definitiva, si procederà come prima illustrato.

Fonte dell’articolo: Cisl Scuola



Effetti delle sentenze per i docenti diplomati e inserimento nelle GAE

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ho in mente una grande alleanza per la scuola. Ci sono tre sostantivi che ritengo importanti, tre valori: sicurezza, dignità, serenità. Oggi lanciamo una autentica rivoluzione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Calendario scolastico 2023: manca sempre meno alla prossima pausa dalla didattica. A parte le festività nazionali, uguali per tutti, infatti, le Regioni con proprie delibere decidono… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Una delle ragioni dell’insabbiamento del disegno di legge Zan, nella scorsa legislatura, fu la controversa questione dell’identità di genere, definita nell’art. 1 come “l’i­dentificazione percepita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Tagli al fondo per la valorizzazione e il miglioramento dell’istruzione per aumentare lo staff di Valditara, il Pd: “Reintegrare subito il fondo. Si parta dai fatti e non dalle parole”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email “Chiediamo al governo di reintegrare il fondo per la valorizzazione e il miglioramento dell’istruzione scolastica da cui la maggioranza ha attinto per aumentare gli staff di diretta collaborazione del Ministro Valditara”.

Tutto scuola 6 Dicembre 2022

Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Fondo per il sistema 0-6 anni: un emendamento alla Camera ferma il taglio 6 December 2022 La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata criticamente da Tuttoscuola, è stata oggetto di emendamento sostitutivo presentato dalle deputate Elena Boschi e Valentina Grippo in Commissione Cultura della Camera.

Tutto scuola 6 Dicembre 2022

Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran. In arrivo aumenti e arretrati

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Contratto scuola sottoscritto da sindacati e Aran.

Tutto scuola 6 Dicembre 2022

Edilizia Scolastica, presentato il Piano. Valditara: ‘Scuola non può diventare luogo di tragedie. Oltre 2 miliardi di euro per la messa in sicurezza’

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Edilizia Scolastica, presentato il Piano.

torna all'inizio del contenuto