Notizie e comunicati

5 Febbraio 2018

Elezioni politiche: Programmi elettorali per la scuola

Logo-tuttoscuola111

29 December 2019

Lontani dalla soluzione delle criticità e assenza del punto di svolta

È la prima volta che in occasione delle elezioni nazionali i programmi delle principali forze politiche sulla scuola (almeno i pochi finora disponibili) si possono contenere in una sola pagina. Le diverse proposte sono presentate per sommi capi con un linguaggio per addetti ai lavori che vuole rivolgersi quasi esclusivamente agli insegnanti ed alla loro condizione lavorativa.

Si sa il nostro Paese è popolato perlopiù di anziani che della scuola non ricordano quasi nulla, ai giovani è meglio non parlarne perché sono arrabbiati con una scuola che hanno frequentato malvolentieri o addirittura ne sono usciti anzitempo e molti di quelli che l’hanno completata sono amareggiati a causa della disoccupazione. Gli insegnanti sono delusi da una politica che non li valorizza e li trascina in un vortice burocratico-dirigista, anziché sostenerli nelle quotidiane emergenze educative.

Il convitato di pietra è la legge 107 che da una parte viene sostanzialmente difesa, almeno da parte di chi l’ha voluta, e dall’altra se ne chiede una sostanziale revisione.

Il bersaglio più evidente di questo contrasto è la “chiamata diretta”, dispositivo introdotto dalla buona scuola per facilitare l’integrazione di competenze in relazione alla diversificazione dell’offerta formativa, vista, viceversa, come strapotere dei dirigenti scolastici e un modo per minare la stabilità del posto di lavoro. Dispositivo peraltro di fatto non applicato ad oggi. Continuare nell’immissione in ruolo dei precari non sembra più in cima alle priorità, si parla di un piano pluriennale, forse perché le due evidenti storture, come lo “scorribandare” dei docenti lungo tutto il Paese a seguito dell’assegnazione delle sedi e la questione dei docenti non laureati della scuola dell’infanzia e primaria, hanno creato disorientamento nella categoria e nell’opinione pubblica e quindi si preferisce occuparsi della permanenza nella sede di titolarità o della creazione di concorsi e albi regionali, per evitare la transumanza, ma sotto ci potrebbe stare anche la ripresa di un vecchio refrain: dare la preferenza ai residenti.

Sul versante degli studenti tiene banco l’alternanza scuola-lavoro: c’è chi la vuole mantenere obbligatoria e chi renderla facoltativa o legata più strettamente all’indirizzo di studi. Più in generale si parla di una pratica di qualità senza declinarne i requisiti. In questo ambito spicca la richiesta da più parti del miglioramento dell’istruzione tecnica: sarebbe ora che si pensasse ad una revisione complessiva di tutto il comparto e non solo alla riforma degli istituti professionali, tenendo conto di quanto sta avvenendo sul versante ministero del lavoro per ciò che riguarda il doppio canale all’italiana.

A livello di sistema sembra un gioco il sì o il no dato alla scuola superiore di quattro anni, pensando che si tratti solo di licei e senza guardare ad un complesso di percorsi che chiamano in causa i sistemi regionali, il confronto europeo ed il raccordo con la variegata formazione terziaria. A pochi interessa la riconsiderazione generale dei cicli scolastici.

Scuola competitiva e scuola inclusiva si fronteggiano dunque alle prossime elezioni, portando con sé l’appellativo di serietà o di buonismo, molto più comprensibili dall’elettorato.

Dei grandi mali di cui ci incolpano le ricerche internazionali: maggiori investimenti, stipendi europei al personale, dispersione scolastica, basso livello di laureati, eccessivi carichi finanziari per le famiglie, incertezza nei sussidi per gli studenti, disuguaglianza sociale nelle opportunità, nuova governance per le scuole, chi se ne occuperà ?…  Alla prossima campagna elettorale.

Fonte dell’articolo: Tuttoscuola.com



Elezioni politiche: Programmi elettorali per la scuola

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da… [...]

Pubblicato da Anna Maria De Luca* Una “chiamata alle armi” per tutti coloro che lavorano, a qualsiasi titolo, nel mondo della scuola. È questo il senso delle poche righe che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Dal 13 al 22 aprile e dal 15 al 25 luglio del 2023. Sono le due sessioni in cui potranno essere effettuate le prove per il TOLC (acronimo… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sei un docente o un collaboratore scolastico? Sai che potresti avere una spada di Damocle sopra la testa?  Scopri perché, guarda il video La normativa vigente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Sul tema del dimensionamento scolastico vorrei precisare che le scelte del dicastero vanno nella doppia direzione di mitigare gli effetti delle normative precedenti e di osservare… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 2 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

La gestione amministrativa e contabile con riflessioni sull’attività negoziale per i PON

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Argomenti La Dirigenza scolastica This category can only be viewed by members.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

L’ossiuriasi, cos’è: un esempio di circolare con protocollo di intervento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 2 Dic 2022 – 06:21 Di Antonio Fundarò L’ossiuriasi, cos’è: un esempio di circolare con protocollo di intervento 2 December 2022 L’ossiuriasi è un’infezione abbastanza frequente e diffusa tra i bambini.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

Iscrizioni 2023/24 dal 9 al 30 gennaio: gli adempimenti delle scuole

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Argomenti Scadenze This category can only be viewed by members.

torna all'inizio del contenuto