NOTIZIE

19 Aprile 2023

Gratteri: gli studenti sono più figli di internet che dei loro genitori, alle scuole servono docenti pure di pomeriggio e non i faccendieri

Gratteri: gli studenti sono più figli di internet che dei loro genitori, alle scuole servono docenti pure di pomeriggio e non i faccendieri

19 April 2023

Il procuratore Nicola Gratteri

“Abbiamo bisogno di una scuola migliore, di insegnanti che nel pomeriggio tengano impegnati i ragazzi che, laddove non respirano cultura mafiosa, sono figli di internet più che dei loro genitori”: sono parole forti quelle pronunciate dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri intervenendo martedì 18 aprile, al Teatro Politeama di Catanzaro.

“Bisogna prestare attenzione a chi fare entrare nelle scuole, ho visto persino dei faccendieri parlare di lotta alla mafia”, ha detto il magistrato dopo la messa in scena di “Se dicessimo la verità-Ultimo capitolo“, lo spettacolo di Emanuela Giordano e Giulia Minoli.

I ragazzi studino: tutti possono diventare delle eccellenze

In platea, centinaia di studenti di diversi istituti superiori del territorio, coinvolti dall’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria.

Sul palco hanno preso vita le storie dei figli delle vittime di mafia, del giornalismo impegnato, di imprenditori testimoni di giustizia, per un’opera-dibattito sulla legalità che “è, al tempo stesso, una provocazione per farci riflettere, capire e reagire”.

“Per abbattere le mafie – ha spiegato il procuratore Gratteri – occorrono politici e legislatori con coraggio, libertà, forza e competenza. Ma quello che i ragazzi devono fare è studiare di più, e da subito, perché anche i figli di nessuno possono diventare delle eccellenze”.

Nel 2021 disse: si guarda al cafone, no al prof sfigato

La scuola è tra i temi preferiti dal magistrato. Due anni fa, durante ad un evento a Vibo Valentia, Gratteri dichiarò: “negli ultimi 40 anni i governi non hanno voluto investire nel campo dell’istruzione perché un popolo ignorante, che ride di fronte alle barzellette, è più malleabile rispetto ad uno istruito”.

Nel frattempo, ha continuato il procuratore, “gli insegnanti sono divenuti sempre più poveri e il fattore economico è importante in una società consumistica e a volte un ragazzo è portato a guardare più al cafone con i soldi che all’insegnante sfigato”.

, L’articolo originale è stato pubblicato da, https://www.tecnicadellascuola.it/gratteri-gli-studenti-sono-piu-figli-di-internet-che-dei-loro-genitori-alle-scuole-servono-docenti-pure-di-pomeriggio-e-non-i-faccendieri, Attualità,Catanzaro,Evidenza,Mafia,Problemi e disagio giovanile,Scuole aperte, https://www.tecnicadellascuola.it/feed, Alessandro Giuliani,

Gratteri: gli studenti sono più figli di internet che dei loro genitori, alle scuole servono docenti pure di pomeriggio e non i faccendieri

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Anche per l’anno scolastico in corso, il Ministero dell’istruzione e del merito ha rinnovato l’offerta formativa didattica gratuita, ricca di possibilità di formazione sulla piattaforma per [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Un evento promosso dalla Regione Marche per riflettere con le scuole del territorio sull’offerta, sui modelli e sugli strumenti di orientamento a disposizione degli studenti, condividere [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Girano da tempo sui social descrizioni di quanto avviene nei cosiddetti diplomifici, in particolare notizie sgradevoli sulle condizioni lavorative di docenti che lavorano presso alcuni istituti [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo La dodicesima edizione di Expotraining, affermatasi nel tempo come la più importante fiera nazionale della formazione professionale, si svolgerà come sempre a Milano nel complesso di [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Di Claudio Girelli Un anno scolastico che inizia è segnato da gesti e volti. Le riunioni collegiali, la programmazione, la preparazione di materiali, la scuola che [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 30 Settembre 2023

Abilitazione docenti, cosa deve fare chi ha i 24 Cfu? La risposta degli esperti

Share on Social Media x facebook pinterest email Abilitazione docenti, cosa deve fare chi ha i 24 Cfu? La risposta degli esperti 30 September 2023 È stato pubblicato nella G.

NOTIZIE 30 Settembre 2023

Pistola ad aria compressa contro prof, il docente: “Non denuncio, ma voglio l’espulsione”. Frassinetti: “va ripristinata autorevolezza”

Share on Social Media x facebook pinterest email Pistola ad aria compressa contro prof, il docente: “Non denuncio, ma voglio l’espulsione”.

NOTIZIE 30 Settembre 2023

L’affondo di Rosy Bindi: “Va rivalutata la funzione sociale degli insegnanti, sono stati erroneamente svalutati”

Share on Social Media x facebook pinterest email “La dispersione scolastica è classista: a scuola non vanno i figli di poveri, degli immigrati, quei ragazzi che hanno meno cultura in famiglia, che non respirano quel clima, ed è più alta negli istituti professionali, rispetto ai licei: l’Italia non può non porsi questo tema”.

NOTIZIE 30 Settembre 2023

Supplenze brevi e saltuarie, finanziati 55,6 milioni di euro. Dl Proroga Termini in Gazzetta Ufficiale

Share on Social Media x facebook pinterest email Supplenze brevi e saltuarie, finanziati 55,6 milioni di euro.

torna all'inizio del contenuto