Notizie e comunicati

7 Maggio 2018

I presidi incaricati hanno consentito per decenni di colmare i vuoti nelle scuole

Perché non ripristinare l’incarico di presidenza?

L’incarico di presidenza, un istituto normativo che consentiva di affidare l’istituzione scolastica, priva del capo d’istituto, ad un docente con particolari requisiti professionali ed esperienze di servizio.

Un incarico utile per il sistema, ma che aveva il rovescio della medaglia conseguente al fatto che la schiera dei presidi incaricati finiva spesso per rivendicare uno specifico riconoscimento, al punto da richiedere e ottenere, come avvenuto negli anni ’70 ed oltre, concorsi riservati per accedere direttamente al ruolo di presidi.

Nei primi anni 2000, con l’arrivo dell’autonomia scolastica e il riconoscimento della dirigenza ai capi d’istituto, non solo era impensabile una rivendicazione di stabilizzazione tout court, ma sembrava contraddittorio l’affidamento di tutte le funzioni dirigenziali a chi dirigente non era.

Conseguentemente tredici anni fa, con il decreto legge 7/2005, convertito dalla legge 43/2005, l’istituto dell’incarico di presidenza è stato mandato in archivio.
Tuttavia, considerato che nella scuola vi erano in quel momento molti presidi incaricati, la legge dispose il loro mantenimento, escludendo nuovi incarichi (chi è fuori è fuori, chi è dentro è dentro).

Il comma 1-sexies così recitava: “a decorrere dall’anno scolastico 2006/2007 non sono più conferiti nuovi incarichi di presidenza, fatta salva la conferma degli incarichi già conferiti”.

Annualmente una apposita direttiva ministeriale apre i termini per le domande di conferimento degli incarichi di presidenza, riservati ai pochi superstiti.

Ora però la scuola è in emergenza. Secondo Valentina Aprea, tornata sui banche della Camera dopo l’esperienza come assessore all’istruzione, formazione e lavoro della Regione Lombardia, “Solo per fare un esempio, in Lombardia saranno (il prossimo anno) più di trecento gli istituti privi della guida pedagogica e amministrativa”.

E aggiunge: “Il MIUR, insomma, delegittima una volta di più il ruolo dei dirigenti” (Visto che i tempi di svolgimento del corso-concorso per DS vanno per le lunghe, al punto da temere realisticamente che, oltre al prossimo anno scolastico 2018-19, vada a rischio di massicce reggenze anche (e di più) il 2019-20, perché non ripristinare con precisa limitazione in vita, il vecchio istituto dell’incarico di presidenza?

Potrebbe essere (volendo) uno dei primi provvedimenti del nuovo Parlamento.

Fonte dell’dell’articolo: Tuttoscuola

I presidi incaricati hanno consentito per decenni di colmare i vuoti nelle scuole

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ho in mente una grande alleanza per la scuola. Ci sono tre sostantivi che ritengo importanti, tre valori: sicurezza, dignità, serenità. Oggi lanciamo una autentica rivoluzione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Calendario scolastico 2023: manca sempre meno alla prossima pausa dalla didattica. A parte le festività nazionali, uguali per tutti, infatti, le Regioni con proprie delibere decidono… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Una delle ragioni dell’insabbiamento del disegno di legge Zan, nella scorsa legislatura, fu la controversa questione dell’identità di genere, definita nell’art. 1 come “l’i­dentificazione percepita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 6 Dicembre 2022

Supplenze: il concorso straordinario bis non si conclude, il docente con contratto “fino all’avente diritto” perde il posto e il collega con pochi punti da GPS nominato al suo posto. Qual è il senso?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze: il concorso straordinario bis non si conclude, il docente con contratto “fino all’avente diritto” perde il posto e il collega con pochi punti da GPS nominato al suo posto.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Valditara: “Accorperemo 500 scuole, docenti non perderanno lavoro. Rimangono 40mila plessi scolastici”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Valditara: “Accorperemo 500 scuole, docenti non perderanno lavoro.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Valditara: “Borse di studio per gli studenti, presto lancerò proposta. Il merito è la valorizzazione dei talenti”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Valditara: “Borse di studio per gli studenti, presto lancerò proposta.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Educazione alimentare e al vino nelle scuole, il Governo studia un piano

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Educazione alimentare e al vino nelle scuole, il Governo studia un piano 6 December 2022 A quanto pare il Governo sembra intenzionato a puntare sull’educazione alimentare e dei prodotti come il vino a scuola.

torna all'inizio del contenuto