NOTIZIE

24 Agosto 2022

Il bullismo e il cyberbullismo e la responsabilità delle varie figure scolastiche: un esempio di circolare di sensibilizzazione per un inizio di anno scolastico efficiente

Il bullismo e il cyberbullismo e la responsabilità delle varie figure scolastiche: un esempio di circolare di sensibilizzazione per un inizio di anno scolastico efficiente

24 August 2022

La scuola, in collaborazione prioritariamente con la famiglia e contemporaneamente con tutte le agenzie educative presenti sul territorio, ha il compito di educare e di vigilare con particolare attenzione e con accurata responsabilità (non solo penale, naturalmente, ma anche formativa ed educativa) affinché tutti gli alunni possano vivere serenamente il loro processo di crescita e di apprendimento. Per tale motivo essa pone in atto misure sia educative e formative che specifiche norme di comportamento e sanzioni conseguenti, per arginare ed eliminare ciò che mina il benessere dei singoli alunni. Nel caso di fenomeni di bullismo e di cyberbullismo, assai (forse troppo) diffusi nelle nostre scuole, quali figure hanno responsabilità specifiche e cosa devono fare, nello specifico, per garantire, innanzitutto, la prevenzione e il verificarsi delle azioni, e comunque, se si verificassero, per assicurare un intervento forte e deciso e, principalmente, immediato.

Il dirigente scolastico: le funzioni delegate dalla legge, le competenze e le azioni

La figura al vertice di questa piramide c’è il dirigente scolastico. Quali funzioni delega la legge e quali responsabilità ha? Il Ds, si legge nella brillante circolare dell’istituto Comprensivo Statale Bellizzi (Sa) diretto dal dirigente scolastico Prof.ssa Rosaria Papalino, un eccellente manager con spiccate competenze gestionali, nello specifico:

  • individua attraverso il Collegio dei Docenti un referente del bullismo e cyberbullismo;
  • coinvolge, nella prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo, tutte le componenti della comunità scolastica, particolarmente quelle che operano nell’area dell’informatica, partendo dall’utilizzo sicuro di Internet a scuola;
  • prevede all’interno del PTOF corsi di aggiornamento e formazione in materia di prevenzione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo, rivolti al personale docente ed Ata;
  • promuove sistematicamente azioni di sensibilizzazione dei fenomeni del bullismo e cyberbullismo nel territorio in rete con enti, associazioni, istituzioni locali ed altre scuole, coinvolgendo alunni, docenti, genitori ed esperti;
  • favorisce la discussione all’interno della scuola, attraverso i vari organi collegiali, creando i presupposti di regole condivise di comportamento per il contrasto e la prevenzione dei fenomeni del bullismo e cyberbullismo;
  • prevede azioni culturali ed educative rivolte agli studenti, per acquisire le competenze necessarie all’esercizio di una cittadinanza digitale consapevole.

Il referente del “ bullismo e cyberbullismo ”

Il referente del “bullismo e cyberbullismo”:

  • promuove la conoscenza e la consapevolezza del bullismo e del cyber-bullismo attraverso progetti d’istituto che coinvolgano genitori, studenti e tutto il personale;
  • coordina le attività di prevenzione ed informazione sulle sanzioni previste e sulle responsabilità di natura civile e penale, anche con eventuale affiancamento di genitori e studenti;
  • si rivolge a partner esterni alla scuola, quali servizi sociali e sanitari, aziende del privato sociale, forze di polizia per realizzare un progetto di prevenzione;
  • cura rapporti di rete fra scuole per eventuali convegni/seminari/corsi e per la giornata mondiale sulla Sicurezza in Internet la “Safer Internet Day”.

Il collegio docenti

Il Collegio dei docenti, si legge nella brillante circolare del competente DS dell’istituto Comprensivo Statale Bellizzi (Sa), invece:

  • promuove scelte didattiche ed educative, anche in collaborazione con altre scuole in rete, per la prevenzione del fenomeno.

Il consiglio di classe

Il consiglio di classe:

  • pianifica attività didattiche e/o integrative finalizzate al coinvolgimento attivo e collaborativo degli studenti e all’approfondimento di tematiche che favoriscano la riflessione e la presa di coscienza della necessità dei valori di convivenza civile;
  • favorisce un clima collaborativo all’interno della classe e nelle relazioni con le famiglie propone progetti di educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva.

Il docente e suoi importanti interventi ai fini formativi, preventivi, interpretativi e di valorizzazione

Ciascuno dei docenti della scuola:

  • Predispone una omogeneità degli interventi educativi e nelle risposte al bullismo;
  • Promuove uno spirito di solidarietà verso la vittima;
  • Condanna atteggiamenti omertosi;
  • Promuove una cultura dei valori della cittadinanza;
  • Intraprende azioni congruenti con l’utenza del proprio ordine di scuola, tenuto conto che l’istruzione ha un ruolo fondamentale sia nell’acquisizione e rispetto delle norme relative alla convivenza civile, sia nella trasmissione dei valori legati ad un uso responsabile di internet;
  • Valorizza nell’attività didattica modalità di lavoro di tipo cooperativo e spazi di riflessioni adeguati al livello di età degli alunni.

Il ruolo significativo dei genitori

Il ruolo dei genitori non è solo significativo ma indispensabili. In questo percorso è fondamentale che siano sempre e solamente al fianco della scuola, in ogni caso e comunque. I genitori, si legge anche nel brillante regolamento dell’istituto Comprensivo Statale Bellizzi (Sa), nello specifico:

  • partecipano attivamente alle azioni di formazione/informazione, istituite dalle scuole, sui comportamenti sintomatici del bullismo e del cyberbullismo;
  • sono attenti ai comportamenti dei propri figli; x vigilano sull’uso delle tecnologie da parte dei ragazzi, con particolare attenzione ai tempi, alle modalità, agli atteggiamenti conseguenti (i genitori dovrebbero allertarsi se uno studente, dopo l’uso di internet o del proprio telefonino, mostra stati depressivi, ansiosi o paura);
  • conoscono le azioni introdotte dalla scuola e collaborano secondo le modalità previste dal
  • Patto di corresponsabilità; x conoscono il codice di comportamento dello studente; x conoscono le sanzioni previste da regolamento d’istituto nei casi di bullismo, cyberbullismo e navigazione on-line a rischio.

Gli alunni e i loro diversi tipi di coinvolgimento

Gli alunni sono i veri protagonisti di un percorso di prevenzione e intervento. Essi, infatti:

  • sono coinvolti nella progettazione e nella realizzazione delle iniziative scolastiche, al fine di favorire un miglioramento del clima relazionale, in particolare, dopo opportuna formazione, possono operare come tutor per altri studenti;
  • imparano le regole basilari per rispettare gli altri, quando sono connessi alla rete, facendo attenzione alle comunicazioni (email, sms, mms) che inviano;
  • non è loro consentito, durante le attività didattiche o comunque all’interno della scuola, acquisire – mediante telefonini cellulari o altri dispositivi elettronici – immagini, filmati o registrazioni vocali, se non per finalità didattiche, previo consenso del docente. La divulgazione del materiale acquisito all’interno dell’istituto è utilizzabile solo per fini esclusivamente personali di studio o documentazione, e comunque nel rispetto del diritto alla riservatezza di tutti;
  • durante le lezioni o le attività didattiche in genere non possono usare cellulari, giochi elettronici e riproduttori di musica, se non per finalità didattiche, previo consenso del docente.

Circolare-di-sensibilizzazione contro-il-bullismo-e-il-cyberbullismo

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Promuovere la cultura della prevenzione e della sicurezza, a partire dalla scuola. È questo l’obiettivo di “MI stai a cuore”, la campagna di informazione e sensibilizzazione del Ministero dell’Istruzione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Ivana Barbacci, Segretaria generale della CISL/Scuola, persona visionaria e capace di generare motivazione e senso di partecipazione, racconta a Tuttoscuola l’orizzonte degli interventi che possono contribuire… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Un gruppo di studenti del Collegium Aloisianum di Linz (Austria) farà visita nei prossimi giorni al Liceo Classico del Convitto Nazionale Paolo Diacono, i cui studenti saranno coinvolti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola italiana sembra davvero aver voltato pagina e, dopo due anni e mezzo di piani di emergenza, nella maggior parte dei casi è praticamente tornata… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Credo che chi verrà, chiunque verrà, sulla base delle considerazioni che farà il nuovo governo, potrà ripartire non da zero ma da tre”. Da questa considerazione… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 30 Settembre 2022

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie. Aggiornato con A049, molti gli idonei

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Diventare docenti 30 Settembre 2022

GPS 2022/24: le graduatorie pubblicate, ripubblicate e rettifiche. AGGIORNATO

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Graduatorie GPS per gli anni scolastici 2022/23 e 2023/24: sono giorni molto importanti.

Guide e Vademecum 30 Settembre 2022

L’accesso ad atti endoprocedimentali o esoprocedimentali quali differenze nella legittimità della richiesta

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 30 Set 2022 – 06:00 Antonio Fundarò L’accesso ad atti endoprocedimentali o esoprocedimentali quali differenze nella legittimità della richiesta 30 September 2022 I soggetti di cui all’articolo 7 e quelli intervenuti ai sensi dell’articolo 9 della legge.

Guide e Vademecum 30 Settembre 2022

Informazioni che il Dirigente deve fornire al lavoratore: modifiche normative e sanzioni. Focus

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 30 Set 2022 – 05:42 Luciano Grasso Informazioni che il Dirigente deve fornire al lavoratore: modifiche normative e sanzioni.

torna all'inizio del contenuto