Notizie e comunicati

27 Marzo 2018

Il M5S: la riforma della scuola va rivista ma non cancellata

Logo-tuttoscuola111

29 December 2019

Gli iscritti alla piattaforma Rousseau favorevoli alla revisione

Nel dettaglio, con quasi 11.000 preferenze (su oltre 18.000 votanti), è stata chiesta la cancellazione della card di 500 euro destinata ai docenti per la propria formazione, da sostituire con ore di formazione obbligatorie e retribuite, e quasi altrettanti voti hanno bocciato la chiamata diretta e il bonus per merito assegnato dal dirigente. Un minore numero di preferenze hanno raccolto altre proposte come l’eliminazione o modifica dei test Invalsi (5.514); l’aumento degli strumenti di partecipazione degli studenti e delle famiglie (5.269) e la riduzione delle ore di alternanza scuola-lavoro con miglioramento della loro qualità (4.101).

Con un numero di voti contenuto gli iscritti hanno anche votato la diffusione dei libri digitali (8.175), maggiori investimenti su ambienti di apprendimento innovativi (7.849) e la promozione di “maggiori esperienze all’esterno dell’ambiente scolastico con pieno protagonismo degli studenti” (7.764), qualcosa insomma di non lontanissimo dalle esperienze di alternanza scuola-lavoro.

Infine, come si legge nel documento pubblicato nel sitodel M5S (che non è più quello di Grillo), revisione (e non soppressione) dei test Invalsi e “una maggiore centralità dell’Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca innovativa (INDIRE) come organo di pianificazione e di impulso delle strategie di miglioramento della qualità didattica”.

Ritocchi insomma, anche importanti, alla Buona Scuola, ma non la sua soppressione né una organica riforma della riforma (mentre nel 2013 il Movimento aveva chiesto l’abrogazione della riforma Gelmini). Anche questa linea di relativa prudenza sulla legge 107 (confermata dalla designazione di un preside come Salvatore Giuliano come candidato ministro della PI) segnala, almeno per il momento, la prevalenza dell’anima istituzionalista e ‘governista’ delM5S, impersonata da Di Maio, su quella movimentista e programmaticamente antigovernativa che costituisce l’altra faccia dell’ambivalente soggetto politico creato da Beppe Grillo e Gian Roberto Casaleggio.

Fonte dell’articolo: Tuttoscuola.com

Il M5S: la riforma della scuola va rivista ma non cancellata

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Soltanto la metà delle scuole di Ischia dichiara di avere redatto il DVR, il Documento di Valutazione dei Rischi. E’ quanto risulta da un’elaborazione dati di… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, mercoledì 30 novembre, presso l’Aula della Commissione Politiche dell’Unione europea, al terzo piano di Palazzo Carpegna del Senato, le Commissioni riunite Cultura di Senato e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Il problema del contenzioso relativo al concorso dei dirigenti scolastici merita un’attenta riflessione, sia per coloro che sono in attesa di conoscere le determinazioni giurisdizionali, sia… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ody! Non ti avevo detto di aspettarmi fuori? – Lui mostrò un braccialetto lampeggiante e disse: – C’è una richiesta d’aiuto immediata da una scuola…”. Barbara… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come era stato annunciato dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, lo scorso 29 novembre è stato firmato il decreto di riparto di 500 milioni… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 1 Dicembre 2022

Dimensionamento: le ‘mega’ scuole sono il modello giusto?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dimensionamento: le ‘mega’ scuole sono il modello giusto? 1 December 2022 Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da 4,6 a 4,9 in media).

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 Aumento stipendi Invalsi 2023 Neoassunti Supplenze GI 24CFU Programmi estivi Intercultura: aperte le iscrizioni 1 December 2022 “Con Intercultura anche un soggiorno di 4 settimane può diventare un’esperienza interculturale.

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Asili nido, in Sicilia 4 milioni per investimenti in strutture per la prima infanzia. L’avviso

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Asili nido, in Sicilia 4 milioni per investimenti in strutture per la prima infanzia.

NOTIZIE 1 Dicembre 2022

Permanenza in servizio fino a 71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Permanenza in servizio fino a 71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva 1 December 2022 Perchè per i contributivi puri ci sono più possibilità di ottenere il trattenimento in servizio e in quali casi? Il dipendente pubblico può essere collocato a riposo d’ufficio solo se, al compimento dei 67 anni ha raggiunto il diritto alla pensione.

torna all'inizio del contenuto