NOTIZIE

20 Luglio 2022

Immissioni in ruolo docenti 2022: chi rinuncia al ruolo da concorso ordinario non perde l’abilitazione

Immissioni in ruolo docenti 2022: chi rinuncia al ruolo da concorso ordinario non perde l’abilitazione

20 July 2022

I docenti, che superano ovvero hanno superato le prove del concorso ordinario scuola secondaria 2020, conseguono l’abilitazione all’insegnamento. L’abilitazione si mantiene anche rinunciando all’eventuale immissione in ruolo?

Quesito

Una nostra lettrice chiede:

Sono una docente di sostegno di ruolo nella scuola secondaria di I grado. Ho superato il concorso ordinario 2020 per la A-23 e sono in posizione utile per l’immissione in ruolo (in tale classe di concorso): sono stata convocata dall’USR per la presentazione dell’istanza per la scelta della provincia-classe di concorso. Non sono interessata alla nuova immissione in ruolo, in quanto ho partecipato al concorso per la predetta A-23 per incrementare il mio punteggio e ottenere l’abilitazione. Cosa succede se rinuncio al ruolo? Posso rinunciare successivamente? Rinunciando al ruolo, perdo l’abilitazione?

Prima di rispondere alla nostra lettrice, ricordiamo sinteticamente come si svolge la procedura per le immissioni in ruolo ordinarie, le graduatorie di assunzione nella scuola secondaria, cosa devono fare gli interessati ai fini della rinuncia all’assunzione a tempo indeterminato e cosa prevede il bando del concorso ordinario 2020 in merito al conseguimento dell’abilitazione.

Procedura

La procedura per le immissioni in ruolo ordinarie, che avvengono attingendo da GaE e GM concorsuali, è informatizzata e prevede due fasi, nell’ambito delle quali gli interessati sono chiamati a presentare due distinte domande:

  1. Fase 1: domanda per la scelta, in ordine di preferenza, degli abbinamenti province-classe di concorso/tipo di posto; all’esito di tale istanza
  2. Fase 2: domanda per la scelta, in ordine di preferenza, delle sedi/scuole in cui essere assegnati, da parte degli aspiranti che hanno avuto assegnata la provincia-classe di concorso/tipo di posto.

Evidenziamo che:

  • per la prima istanza, è convocato un numero di aspiranti maggiore rispetto ai posti da assegnare, in modo da far fronte ad eventuali rinunce nell’ambito della stessa procedura informatizzata;
  • gli aspiranti chiamati a presentare la seconda domanda sono, in pratica, già individuati quali destinatari della nomina in ruolo, in quanto con tale istanza sceglieranno soltanto la sede/scuola.

Approfondisci

Graduatorie di assunzione

Le graduatorie di assunzione, ai fini delle immissioni in ruolo ordinarie, sono le GaE (da cui si attinge per il 50% dei posti da assegnare) e le GM concorsuali (da cui si attinge per il restante 50% dei posti da assegnare). Le GM da cui si attinge per la scuola secondaria, con le relative percentuali di posti ad esse spettanti, sono … Leggi qui (la parte relativa alle predette assunzioni ordinarie).

Rinuncia al ruolo

Gli aspiranti, in posizione utile per l’immissione in ruolo (quindi convocati per la presentazione della prima istanza) e non interessati alla medesima, devono presentare la prima delle due domande sopra riportate, al fine di esprimere la propria volontà di non voler partecipare alla procedura. Infatti, chi non presenta l’istanza ed è in posizione utile, avrà comunque assegnata la provincia-classe di concorso/tipo di posto.

Pertanto, per evitare di comunicare la propria rinuncia all’USR successivamente alla presentazione della domanda e sottrarre disponibilità agli aspiranti interessati al ruolo, è opportuno presentare la domanda e rinunciare tramite la medesima. 

La rinuncia, comunque, può essere effettuata:

  1. tramite la presentazione della domanda online (la prima o la seconda);
  2. successivamente all’assegnazione della provincia-classe di concorso/tipo posto, tramite comunicazione all’USR di riferimento;
  3. successivamente all’assegnazione della scuola, tramite comunicazione all’USR di riferimento.

Ricordiamo che la rinuncia al ruolo comporta la cancellazione dalla sola specifica graduatoria per cui si è rinunciato.

Approfondisci

Abilitazione concorso

Il DD n. 499/2020, come anche il decreto di modifica (DD n. 23/2022), prevedono che i partecipanti al concorso, che superano le prove con il punteggio minimo previsto, conseguono l’abilitazione all’insegnamento per la classe di concorso di partecipazione:

Il superamento di tutte le prove concorsuali, attraverso il conseguimento dei punteggi minimi di cui all’art. 6 del Decreto

Legislativo, costituisce ai sensi dell’art. 5, comma 4-ter del Decreto Legislativo, abilitazione all’insegnamento per le medesime classi di concorso.

La disposizione sopra riportata, dunque, prevede che l’abilitazione è conseguita in seguito al superamento delle prove concorsuali, senza porre nessun’altra condizione (quindi è riconosciuta non solo ai vincitori, ma anche agli idonei, che adesso devono entrare anche in graduatoria, in seguito alla disposizione di cui al DL 36/2022). Sarà l’USR responsabile della procedura ad attestarne il conseguimento.

Risposta al quesito

Alla luce di quanto sopra riportato, rispondiamo alle domande poste dalla nostra lettrice, docente già di ruolo e in posizione utile per una nuova assunzione dalle GM del concorso ordinario scuola secondaria 2020:

D. Cosa succede se rinuncio al ruolo?

R. Sarà cancellata dalla GM A-23, per la quale ha rinunciato.

D. Posso rinunciare successivamente?

R. La rinuncia, come detto sopra, può essere effettuata sia con la prima domanda che successivamente al di fuori della procedura online, tuttavia, per i docenti già di ruolo la situazione è diversa rispetto agli aspiranti non ancora di ruolo. I docenti già assunti a tempo indeterminato, come la nostra lettrice, che intendono mantenere l’attuale ruolo, devono esprimere la rinuncia già in fase di presentazione dell’istanza per la scelta delle province-classe di concorso/tipo di posto. Questo perché, qualora destinatari di una nuova nomina (tramite l’assegnazione della provincia-classe di concorso/tipo di posto), verrebbero cancellati dall’attuale ruolo, come indicato dall’USR Veneto nell’Avviso di convocazione degli aspiranti per la presentazione della predetta istanza:

Qualora tra gli aspiranti invitati ad esprimere le preferenze siano presenti docenti già in possesso di un contratto a tempo indeterminato, che intendano mantenere, essi dovranno comunque accedere alla procedura Polis e rinunciare espressamente all’eventuale proposta di individuazione riferita all’a.s. 2022/23. Si chiarisce a tal proposito che, se i docenti di cui sopra non esprimessero alcuna volontà rispetto alla procedura attualmente in corso e rientrassero nei numeri autorizzati alle assunzioni, sarebbero nominati d’ufficio, con successiva cancellazione dal ruolo già in possesso. Sulla base di quanto sopra esposto, si evidenzia la necessità che tutti i docenti coinvolti nella procedura manifestino espressamente la propria volontà attraverso la compilazione dell’istanza on-line. 

Dunque la nostra lettrice, deve accedere all’istanza ed esprimere la propria rinuncia, cliccando sull’icona rappresentante il cestino, in corrispondenza di tutte le province e classi di concorso di partecipazione. Al riguardo, leggi la nostra guida per immagini

D. Rinunciando al ruolo, perdo l’abilitazione?

R. No, una volta conseguita, l’abilitazione non si “perde”. Come detto sopra, infatti, l’unica condizione per conseguirla è il superamento delle prove concorsuali e non c’è alcun legame tra abilitazione e assunzione in ruolo.

Immissioni in ruolo docenti 2022: la procedura sarà su Istanze online. GUIDA alla scelta della provincia. Avvisi USR

Immissioni in ruolo docenti 2022, dal concorso 2016 a quello del 2020, dalla call veloce alla GPS sostegno: tutte le graduatorie da cui si può essere assunti

Immissioni in ruolo docenti 2022, su Istanze online la domanda per scegliere la provincia. GUIDA PER IMMAGINI

La consulenza

Per info sulle procedure è possibile scrivere all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale)

E’ possibile interagire nel forum di reciproco aiuto

E’ possibile seguire gli aggiornamenti tramite i tag Immissioni in ruolo  e Supplenze  – graduatorie di istituto

Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Pubblicato da Simone Consegnati La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni,… [...]

Pubblicato da Marco Braghero Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe… [...]

Pubblicato da Nicoletta Appignani Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi 12 August 2022 Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi) 12 August 2022 La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni, e i privati, che spesso sono congregazione religiose.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare 12 August 2022 Viaggio nella scuola finlandese.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Come scegliere e organizzare una gita scolastica

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Come scegliere e organizzare una gita scolastica 12 August 2022 Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di vita differenti, di visitare musei, città lontane, addirittura paesi stranieri? Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone, scriveva Steinbeck.

torna all'inizio del contenuto