NOTIZIE

5 Luglio 2022

Incentivo all’esodo, Naspi e poi contributi volontari per la pensione anticipata: cosa potrebbe cambiare prima del 2026?

Incentivo all’esodo, Naspi e poi contributi volontari per la pensione anticipata: cosa potrebbe cambiare prima del 2026?

5 July 2022

Cosa potrebbe cambiare in ambito previdenziale e quali possibilità ci sono che possa essere modificata la pensione anticipata ordinaria?

La preoccupazione di molti lavoratori prossimi alla pensione anticipata è che una qualsiasi prossima legge possa cambiare le condizioni di accesso. Cerchiamo di capire cosa potrebbe cambiare e come rispondendo alla domanda di un nostro lettore che ci scrive:

Buongiorno Ho fatto un accordo con l’azienda un incentivo all’esodo prenderò la naspi per due anni Dopodiché dovrò Versare due anni di contributi volontari per raggiungere il 2026 Data prevista agosto per poter andare in pensione con 42 anni e 10 mesi La mia domanda è se c’è possibilità che venga cambiata questa legge? Cioè prolungare i tempi? Ho fatto questo accordo avendo letto ed essendomi  informato su internet e vari CAAF che quella Data non verrà cambiata entro il 2026 mi pongo questa domanda perché in due CAAF diversi ho avuto informazioni diverse che mi hanno allarmato. Caf mi ha detto è confermato che la data di anzianità sono 42 anni e dieci mesi per l’uomo mentre in un altro CAAF mi ha detto di aspettare la nuova finanziaria che potrebbe cambiare qualcosa 

Pensione anticipata ordinaria e cambiamenti

Ovviamente su quello che accadrà alle pensioni in futuro non c’è alcuna certezza. Secondo il mio modesto parere, però, non dovrebbero esserci sostanziali cambiamenti e vado a spiegarle il perchè.

Le intenzioni dichiarate del Governo sono quelle di tornare “alla riforma Fornero”. E la pensione anticipata ordinaria è prevista proprio da questa legge. Non si tratta di una misura molto permissiva, richiedendo un gran numero di anni di contributi per accedere. Da aggiungere, poi, che i requisiti di accesso alla stessa sono stati congelati fino al 31 dicembre 2026, proprio a riprova che i requisiti sono già rigidi ora. Ma se anche nella peggiore delle ipotesi dovesse essere abolito questo congelamento dei requisiti quale sarebbe la peggiore delle ipotesi? Già si sa, infatti, che per il prossimo biennio  i requisiti non aumenteranno, visto che non è aumentato l’aspettativa di vita a causa del COVID, ed in ogni caso il prossimo scatto si dovrebbe avere a partire dal 1° gennaio 2025. Ma si tratterebbe di un aumento di 3 mesi e le basterebbe, quindi, versare contributi volontari per un trimestre in più per poter accedere.

Io non penso che possa essere attuato un cambiamento troppo peggiorativo perchè già gli anni attualmente richiesti per accedere sono molti. LA peggiore delle ipotesi sarebbe che la Legge Fornero venga abolita, ma piace troppo all’attuale governo e quindi sembra assai improbabile che ciò avvenga. Ma siamo in Italia, e qui le pensioni vengono cambiate spesso. Non avendo la sfera di cristallo per predire il futuro, quindi, non posso dirle con assoluta certezza che da qui al 2026 non cambi nulla, anche se, ripeto, mi sembra assai improbabile.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Pubblicato da Simone Consegnati La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni,… [...]

Pubblicato da Marco Braghero Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe… [...]

Pubblicato da Nicoletta Appignani Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi 12 August 2022 Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi) 12 August 2022 La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni, e i privati, che spesso sono congregazione religiose.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare 12 August 2022 Viaggio nella scuola finlandese.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Come scegliere e organizzare una gita scolastica

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Come scegliere e organizzare una gita scolastica 12 August 2022 Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di vita differenti, di visitare musei, città lontane, addirittura paesi stranieri? Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone, scriveva Steinbeck.

torna all'inizio del contenuto