Tutto scuola

19 Luglio 2022

La matematica della maturità: i docenti autori delle tracce d’esame

La matematica della maturità: i docenti autori delle tracce d’esame

19 July 2022

Di Alessandra Silvestri, preside del liceo Gullace di Roma

In occasione degli Esami di Stato 2022, Matmedia ha proposto ai Licei scientifici di inviare le tracce della seconda prova scritta, al fine di analizzarle e creare un archivio che potesse essere utile ai docenti di matematica e fisica. Al di là dell’indubbio valore di documentare un Esame sui generis, svolto peraltro in un momento particolare della storia della scuola italiana, ci si domanda se tale proposta abbia incontrato favore o diffidenza da parte delle scuole e dei docenti protagonisti, se dall’iniziativa si sia tratta qualche conclusione circa l’omogeneità o disomogeneità delle prove somministrate e ancora se, riguardo a quest’ultimo aspetto, sia emersa l’importanza del lavoro cooperativo nelle prestazioni intellettuali dei docenti.

L’ annus horribilis 2021/22, che ha fatto seguito ad un anno altrettanto faticoso, ha portato in dote una novità che ha, almeno inizialmente, disorientato, per non dire spaventato, i docenti delle discipline oggetto della seconda prova scritta. Quest’ultima, infatti, avrebbe dovuto essere unica per ogni indirizzo di ciascun Istituto ed elaborata dai docenti della disciplina, coinvolti nell’Esame di Stato. A ben guardare si tratta di un cambio di passo di enormi dimensioni: ciò che fino a due anni fa era responsabilità dell’Amministrazione e garanzia di equivalenza dei diplomi diventa all’improvviso di competenza dei docenti interni e unico per singola scuola.

Gli eventuali “colpevoli” di una prova non adeguata, sarebbero stati, dunque, subito identificati, essendo gli stessi docenti interni all’Istituto, con conseguente danno all’immagine di quest’ultimo. Per non parlare, poi, dell’inevitabile polemica che sarebbe scaturita dal confronto dei risultati delle classi interne  alla scuola. Da ultimo, ma non in ordine di importanza, sorgeva il problema dell’elaborazione di tracce che andassero bene per tutte le classi.

Come è noto, la reazione di fronte al nuovo da parte dei professionisti della scuola è il disorientamento, la preoccupazione di non essere all’altezza e l’ansia di essere giudicati. L’iniziativa di Matmedia impattava su un terreno già fragile, per tutte le ragioni sopra esposte; ci si aspettava, quindi, grande diffidenza, da parte di Dirigenti e docenti e una comprensibile paura di esporsi, pubblicando le tracce con il nome della scuola.

Al contrario, le scuole hanno saputo sorprenderci, sia per la qualità delle tracce d’esame, sia nella disponibilità ad inviarle. Dall’analisi delle stesse, infatti, è emersa una generale e inaspettata omogeneità. A fronte di due anni passati ad erogare una didattica a singhiozzo, i docenti di matematica e fisica hanno nel complesso fornito agli studenti gli strumenti per affrontare una prova scritta basata su nuclei fondamentali della matematica: limiti, derivate, funzioni e loro grafici, integrali…

Le prove appaiono lineari, ma sostanziali e mettono in luce quegli elementi di cui deve essere munito uno studente che esca da un liceo scientifico e che, magari, voglia iscriversi ad una facoltà scientifica.

Contrariamente a quanto ci si aspettasse, inoltre, la risposta alla richiesta di Matmedia è stata positiva, se pur con qualche eccezione. La voglia dei docenti di confrontare le loro tracce con quelle elaborate dai colleghi di altre scuole e Regioni e di capire se il proprio operato fosse in linea con quello degli altri ha decisamente vinto sui timori generati dalla novità.

Le poche perplessità sono state espresse perlopiù da qualche presidente timoroso di svelare chissà quale segreto d’ufficio.

L’alacre impegno profuso dai docenti e la qualità delle prove elaborate rivelano senz’altro la loro capacità di cooperazione, quando si tratta di spendersi per lavori intellettuali, così come la disponibilità alla pubblicazione della tracce dimostra un’inclinazione alla condivisione. Del resto, anche in fase di pandemia, si è osservata una grande collaborazione da parte dei docenti, finalizzata, però, a superare l’emergenza.

Ma se nei momenti critici i docenti sono capaci di collaborare e condividere, lo sono altrettanto nel quotidiano? Così non pare e, forse, in questo senso, la formazione in servizio potrebbe essere d’ausilio.

Conclusioni

L’annus Horribilis 2021/22 ha portato con sé novità importanti che hanno costretto i docenti di matematica e fisica a misurarsi con l’elaborazione di una prova d’Esame di Stato. Dopo il comprensibile sconcerto iniziale, questi professionisti sono stati capaci di elaborare prove di qualità in sintonia con quelle dei loro colleghi, dimostrando, tra l’altro di aver erogato, negli ultimi due anni, una didattica che, se pur a corrente alternata, ha funzionato. In tale occasione hanno forse riscoperto il valore della collaborazione e condivisione tra pari, anche grazie all’iniziativa di Matmedia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 20 Agosto 2022

Finestre aperte contro il Covid, valutare possibili controindicazioni nell’uso degli aeratori. NOTA Ministero [PDF]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il Ministero dell’Istruzione, nella nota emanata nella giornata di venerdì, a firma del capo dipartimento Stefano Versari, ribadisce quanto già definito dalle linee guida per l’aerazione e la qualità dell’aria nelle scuole.

Diventare docenti 20 Agosto 2022

Supplenze 2022, ecco quali tipologie di aspettativa e congedo è possibile chiedere alla firma del contratto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze 2022, ecco quali tipologie di aspettativa e congedo è possibile chiedere alla firma del contratto 20 August 2022 Una volta ottenuta la supplenza, all’esito della presentazione della domanda (termine ultimo 16 agosto), l’interessato può fruire degli istituti di aspettativa e congedo previsti dalla normativa vigente.

NOTIZIE 19 Agosto 2022

Rinnovo contratto enti locali, Ancodis: “E se prendessimo spunto per il rinnovo del CCNL scuola?  

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Rinnovo contratto enti locali, Ancodis: “E se prendessimo spunto per il rinnovo del CCNL scuola?   19 August 2022 È stata sottoscritta l’ipotesi di contratto collettivo nazionale per le funzioni locali.

torna all'inizio del contenuto