Notizie e comunicati

21 Novembre 2017

La sanzione viola la dignità Il risarcimento è salato

La sanzione viola la dignità Il risarcimento è salato

21 November 2017

Cassazione condanna il Miur: 50 mila euro al prof

di Giuseppe Mantica* * avvocato cassazionista 

Conto salato per il Miur in caso di sanzione disciplinare illegittima emessa dall’ufficio scolastico periferico e comunicata «in modo ingiurioso». Con la sentenza n. 24373/17, riferita da ItaliaOggi nell’edizione del 14 novembre scorso, la Corte di cassazione ha dato torto al Ministero che tentava di ribaltare l’esito di una sentenza della Corte di appello di Palermo che aveva riconosciuto un risarcimento di circa 50 mila euro ad un docente -preside incaricato- per cinque giorni di sospensione dal servizio.

La somma ha raggiunto dimensioni cospicue per l’eccesso di presunzione nel decidere e le ostentate modalità di notifica del provvedimento amministrativo. La magistratura, in particolare la Corte d’appello (sentenza n. 1136/2011), ha fatto buon governo del principio di parità e uguaglianza delle parti in causa riconoscendo colposo il comportamento del provveditore ed assegnando danni anche non-patrimoniali al preside sanzionato. Premesso che la sospensione, prontamente impugnata, era stata già annullata da altra decisione giudiziaria, i giudici hanno censurato la laconicità del provvedimento, che mancante di elementi idonei quali la precisa e necessaria contestazione degli addebiti, aveva dato luogo ad una deduzione congetturale, e solo presuntiva sui fatti, quindi non adeguata a giustificare l’uso del potere disciplinare.

Trattandosi, in specie di pubblica amministrazione, il provvedimento era stato assunto con quella colpa che il codice civile implica per l’azione negligente e imperita, e che come tale comporta il risarcimento, ivi compresi il maggior reddito che il docente avrebbe percepito nell’accedere all’incarico di preside, di fatto compromesso per la risultanza (all’epoca) della sanzione. Quanto ai danni non-patrimoniali, la Corte ha definito ingiurioso il carattere dell’azione amministrativa perché lesiva di decoro, dignità e onore del dipendente che si è visto privare dell’incarico di prestigio della presidenza di una scuola per una mancanza che non aveva però commesso. Opportuna valutazione è stata inoltre data al fatto, parimenti immeritato, che la sanzione aveva provocato nell’ambiente scolastico un diffuso giudizio negativo riferito al dipendente, anche perché comunicata proprio in presenza di altri colleghi noti e, per giunta, concorrenti. Tanto ha causato anche profondi turbamenti con sindrome ansiosa depressiva e turbe psichiche al docente. Elementi tutti che hanno meritato adeguato ristoro.

© Riproduzione riservata

Fonte dell’Articolo: http://www.italiaoggi.it

 




La sanzione viola la dignità Il risarcimento è salato

Pubblicato da Orazio Niceforo Dopo il clamoroso boom di ChatGPT-3, il software conversazionale basato sull’intelligenza artificiale lanciato da OpenAI nello scorso mese di novembre, la stessa società ne ha rilasciato… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Riportiamo in forma integrale gli “appunti di viaggio” di alcuni partecipanti della delegazione trentina, con le loro riflessioni sugli aspetti chiave del modello dell’IC Ungaretti di… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Una ampia delegazione della scuola della provincia di Trento torna, dopo la prima visita dello scorso ottobre, all’Istituto Comprensivo Statale G. Ungaretti di Melzo, scuola di riconosciuta eccellenza… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Nelle scorse settimane Tuttoscuola ha documentato in maniera esclusiva la situazione dei docenti precari (nonostante i funambolismi verbali da parte di qualche soggetto per cercare di… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Il netto successo di Elly Schlein nella sfida con Stefano Bonaccini per la guida del Partito Democratico è stato letto dalla maggioranza degli analisti politici come… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 20 Marzo 2023

Conte paladino di scuola e precari, i dubbi dei sindacati: perché ora e non quando governava? Sasso (Lega): con quale coraggio parla?

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email My mom says this plugin is smart!, Conte paladino di scuola e precari, i dubbi dei sindacati: perché ora e non quando governava? Sasso (Lega): con quale coraggio parla? 20 March 2023 Giuseppe Conte, leader M5s ed ex premier durante la pandemia da Covid-19 “Contrastare un progetto che apre alla prospettiva di un taglio di istituti scolastici, non fornisce rassicurazioni sul contrasto del precariato.

NOTIZIE 20 Marzo 2023

Parere del CSPI su disposizioni correttive del PEI previsto dal decreto n° 182/2020, prevedendo il passaggio dal PEI differenziato al PEI semplificato

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email This is another glamorous constituent!, Parere del CSPI su disposizioni correttive del PEI previsto dal decreto n° 182/2020, prevedendo il passaggio dal PEI differenziato al PEI semplificato 20 March 2023 Il CSPI, nella seduta plenaria del 20 marzo 2023 ha espresso il proprio parere sull’art.

NOTIZIE 20 Marzo 2023

Mobilità docenti 2023, come annullare la domanda inoltrata e inviarla nuovamente. Guida per immagini

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Una volta inoltrata, la domanda di mobilità può essere annullata tramite Istanze Online, a condizione che non sia stato superato il termine del 21 marzo 2023.

Diventare docenti 20 Marzo 2023

Abilitazione docenti 60 CFU, ci sarà accesso a numero chiuso? A breve il DPCM

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email This is another interesting WordPress plugin.

torna all'inizio del contenuto