Tutto scuola

25 Agosto 2022

La scuola al Meeting di Rimini occasione di scontro e divergenze

La scuola al Meeting di Rimini occasione di scontro e divergenze

25 August 2022

Slogan sulla scuola al Meeting di Rimini. L’applausometro che ha accompagnato gli interventi dei principali leader al Meeting di Rimini può dare la misura del gradimento dei giovani di CL per le proposte emerse. E, a quanto sembra, Giorgia Meloni sembra avere superato ai punti Enrico Letta.

Leggi l’analisi di fattibilità di Tuttoscuola dei programmi elettorale sulla scuola 

Scuola al Meeting di Rimini, Meloni: ritorno ai voti 

Probabilmente Meloni ha avuto buon gioco a toccare le corde della conservazione, soprattutto quando ha parlato di ritorno al voto nella scuola primaria, il sistema di valutazione proposto dal PD, accompagnato freddamente dalla stessa Amministrazione scolastica e recentemente introdotto a scuola con scarso entusiasmo tra i docenti, molti dei quali forse gradivano la soluzione più semplificata del voto.

Scuola al Meeting di Rimini, Letta propone obbligo scolastico alla scuola dell’Infanzia

Considerato l’antico slogan di Comunione e Liberazione secondo cui lo Stato non è un soggetto educativo, Letta ha avuto coraggio nell’esporre alla platea del meeting la proposta del PD dell’obbligo scolastico per la scuola dell’infanzia, incontrando freddezza e mugugni per quella che verrebbe ritenuta una violazione della libera scelta educativa delle famiglie. Inoltre, la totale gratuità della mensa che accompagnerebbe quell’obbligo metterebbe in obiettiva difficoltà le scuole paritarie, anch’esse molto care a CL.

L’avere aggiunto l’obbligo fino a 18 anni, un obiettivo non suo ma della Sinistra Italiana, partner della coalizione con il PD, è stato come mettere la ciliegina sulla torta per un’idea di un certo statalismo che sembra non avere trovato molti consensi in quel contesto più incline al privato sociale.

Scuola al Meeting di Rimini: aumentare gli stipendi degli insegnanti

Unico elemento d’intesa tra Letta e Meloni la proposta di considerevole aumento degli stipendi degli insegnanti che entrambi vorrebbero portare gradualmente a livello europeo.

Draghi: ‘Giovani speranza della politica’

A mettere d’accordo tutti, ben oltre la disputa sulla scuola, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, accolto da applausi continui e standing ovation, ha portato un messaggio di speranza, di incoraggiamento e di augurio a chi si prepara a governare il Paese.

“Mano tesa a chi prenderà il suo posto” ha detto. “I cambiamenti climatici – le sue parole – richiedono una risposta urgente. Le crisi geopolitiche, economiche e ambientali generano un passaggio storico drammatico. Le decisioni di oggi segneranno il futuro dell’Italia”.

Ha ricordato che quando il suo governo si è insediato, “l’Italia veniva guardata con scetticismo. Poi gli italiani hanno reagito. Insieme abbiamo dimostrato che l’Italia è un grande Paese. Il governo ha fatto del proprio meglio. Ringrazio il presidente Mattarella per la fiducia e i ministri”.

Gli applausi sono diventati ancora più intensi quando Draghi ha rivendicato “il ruolo dell’Italia al centro dell’Unione Europea. Protezionismo e isolazionismo non coincidono con i nostri interessi internazionali” Rivolgendosi ai tanti giovani presenti ha detto: “Voi giovani siete la speranza della politica”.

Draghi ha concluso il suo intervento, dicendo: “A settembre si torna alle urne. “Invito tutti ad andare a votare. Chi guiderà il Paese ne preservi lo spirito repubblicano. Sono convinto che il prossimo governo saprà portare fuori il Paese dalle difficoltà. L’Italia ce la farà anche stavolta”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Favorire lo sviluppo di un ecosistema nazionale per la formazione delle nuove competenze digitali, supportare la valorizzazione delle migliori esperienze, anche in ambito Cloud Computing e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Da cardine del sistema educativo a categoria sottovalutata e costantemente sotto esame. Nel giro di qualche decennio lo status dei docenti italiani, specie di quelli della… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Scuola e PNRR. Il ministro dell’Istruzione uscente, Patrizio Bianchi, ha iniziato l’opera, ma sarà il prossimo inquilino di Viale Trastevere a doverla completare. Il PNRR destina… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola L’inglese è la lingua internazionale più diffusa al mondo, quella del web, dei social media (circa l’80% dei siti d’informazione online, magazine e personaggi online la utilizza)… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola E‘ “Energia e Clima” il tema del premio Celommi 2022 – 2023 aperto a tutte le scuole d’Italia che vorranno cimentarsi in molteplici linguaggi espressivi. Lanciato dall’IC Rita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Sport alla primaria con Scuola Attiva Kids, le domande dei tutor entro l’11 ottobre. I requisiti

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Entro le ore 16 del’11 ottobre è possibile presentare domanda per partecipare alla procedura di selezione per Scuola Attiva Kids, il progetto rivolto a tutte le classi di scuola primaria delle istituzioni scolastiche statali e paritari.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Il debito del 730 non va obbligatoriamente sottratto dalla busta paga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il debito derivante dal modello 730 può anche non essere saldato con la busta paga ma pagando con modello F24.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti. Risposte dal Ministero nelle prossime settimane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

LIM sì o LIM no? Qual è il vero contributo formativo delle tecnologie a scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email LIM sì o LIM no? Qual è il vero contributo formativo delle tecnologie a scuola? Lettera 6 October 2022 Inviata da Giuseppe D’Angelo – Il lungo periodo di lockdown che ha impedito la didattica in presenza costringendo la Scuola ad inventarsi quella a distanza (DAD) ci ha fatto capire immediatamente quanto importanti possano essere le tecnologie informatiche multimediali, anche nella prassi quotidiana dell’insegnamento.

torna all'inizio del contenuto