Scuole paritarie

29 Dicembre 2019

La scuola paritaria cerca il rilancio

Lo scorso 8 novembre si è svolta a Milano, presso il liceo classico ‘Carducci’ di Milano, l’attesa tavola rotonda promossa dalla UIL scuola della Lombardia sul tema “Scuole pubbliche statali, scuole pubbliche paritarie, scuole del mercato. Tesi a confronto”.

Per la Uil, come ha subito sottolineato Pino Turi, segretario di un sindacato con forte tradizione laica e salveminiana, “la scuola è una funzione dello Stato e non può essere delegata al privato se non per consentire una sua convivenza alle condizioni della Costituzione che 70 anni fa già disponeva misure per garantire l’istruzione di tutti, al riparo dalle diatribe laici-cattolici”. 

Tra gli ospiti, insieme a Valeria Fedeli, Valentina Aprea, Camilla Sgambato, Francesco Schianchi e Paolo Ramazzotti, c’era anche suor Anna Monia Alfieri, la più combattiva e tenace sostenitrice della completa parità tra tutte le scuole pubbliche, statali e paritarie, recatasi in partibus infidelium per sostenere anche in quella sede la sua proposta di utilizzare a tal fine lo strumento del “costo standard di sostenibilità”.

Se ha ottenuto qualche apertura, o almeno attenzione, dagli altri interlocutori (soprattutto da Aprea ma anche da Sgambato, attuale responsabile scuola del PD, favorevole a riattivare la commissione di studio sul costo standard costituita dall’ex ministro Fedeli) la Alfieri è stata bistrattata da Pino Turi, che ha sostenuto che “la tesi di suor Anna Monia Alfieri non è particolarmente innovativa, né originale e tantomeno moderna perché cambia solo il nome e la rende più scientifica: costo standard di sostenibilità. Ma Calamandrei le definì sussidio alla famiglia, più di recente Berlusconi e Valentina Aprea l’hanno chiamato buono scuola. Si tratta di finanziamento pubblico alle scuole private, mentre la Costituzione dice chiaramente ‘senza oneri per lo Stato’”. In materia scolastica lo Stato italiano “non è uno Stato regolatore, quindi, ma uno Stato gestore diretto”.

Turi ha tuttavia dato atto alla Alfieri di aver sostenuto la sua tesi con chiarezza e anche con un certo coraggio, essendo nota la posizione della Uil scuola, organizzatrice del convegno, di totale contrarietà all’introduzione del costo standard.

Suor Alfieri ha sottolineato che ogni alunno della scuola pubblica statale “costa al contribuente 10.000 euro all’anno, con scuole che cadono a pezzi, docenti sottopagati e alunni dispersi o culturalmente azzerati… Tutto ciò, nonostante la sussidiarietà al contrario degli alunni delle paritarie” che consentono ogni anno allo Stato minori uscite per più di 6 miliardi di euro (senza le paritarie lo Stato dovrebbe approntare il servizio per 850 mila alunni in più).

L’individuazione del costo standard di sostenibilità per allievo comporterebbe – secondo la Alfieri – “una buona e necessaria concorrenza fra le scuole sotto lo sguardo garante dello Stato” e “la naturale fine dei diplomifici”.

Certamente la proposta della Alfieri sarà tenuta in maggiore considerazione in occasione del Seminario di Studio “Autonomia, parità e libertà di scelta educativa in Italia e in Europa”, che si terrà a Roma giovedì 14 Novembre 2019, nella Sala Convegni USMI-CISM presso la sede di Via Zanardelli, 32 (ore 15,30-18) con l’intervento della Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, del Cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della CEI, e della direzione CISM e USMI. Ma lì giocherà in casa…

La scuola paritaria cerca il rilancio

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da… [...]

Pubblicato da Anna Maria De Luca* Una “chiamata alle armi” per tutti coloro che lavorano, a qualsiasi titolo, nel mondo della scuola. È questo il senso delle poche righe che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Dal 13 al 22 aprile e dal 15 al 25 luglio del 2023. Sono le due sessioni in cui potranno essere effettuate le prove per il TOLC (acronimo… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sei un docente o un collaboratore scolastico? Sai che potresti avere una spada di Damocle sopra la testa?  Scopri perché, guarda il video La normativa vigente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Sul tema del dimensionamento scolastico vorrei precisare che le scelte del dicastero vanno nella doppia direzione di mitigare gli effetti delle normative precedenti e di osservare… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 2 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

La gestione amministrativa e contabile con riflessioni sull’attività negoziale per i PON

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Argomenti La Dirigenza scolastica This category can only be viewed by members.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

L’ossiuriasi, cos’è: un esempio di circolare con protocollo di intervento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 2 Dic 2022 – 06:21 Di Antonio Fundarò L’ossiuriasi, cos’è: un esempio di circolare con protocollo di intervento 2 December 2022 L’ossiuriasi è un’infezione abbastanza frequente e diffusa tra i bambini.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

Iscrizioni 2023/24 dal 9 al 30 gennaio: gli adempimenti delle scuole

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Argomenti Scadenze This category can only be viewed by members.

torna all'inizio del contenuto