NOTIZIE

24 Luglio 2022

Lo confesso, sono del Sud e ho assegnato molte lodi ai miei studenti in questi anni. Lettera

Lo confesso, sono del Sud e ho assegnato molte lodi ai miei studenti in questi anni. Lettera

24 July 2022

Inviato da Gennaro De Crescenzo – Lo confesso: insegno a Scampia, sono del Sud e in questi anni ho assegnato molte lodi agli esami di Stato! Anche quest’anno, come tutti gli anni, è partita la caccia alle lodi del Sud tra politici, media e opinionisti vari.

Il grido è “troppe lodi al Sud mentre i test dell’Invalsi attestavano che i meridionali sono ignoranti”. È così, però, da 160 anni, tutte le volte che qualcosa o qualcuno al Sud “vince”: deve esserci per forza un imbroglio e la cosa assume i contorni di una strana sorta di “razzismo” anche se nessuno, ovviamente, ha il coraggio di ammetterlo. Nessuno, però, in questo caso, si fa delle domande sulla reale utilità dei test Invalsi con una premessa: a che servono, dandoli per buoni e giusti, se da tanti anni certificano una situazione che non cambia? Nessuno applica un un pizzico di logica per capire: non esistono, forse, criteri più oggettivi di quelli previsti per l’attribuzione delle lodi. Decine di docenti delle più svariate materie, infatti, dovrebbero mettersi truffaldinamente d’accordo per tre anni (!) per assegnare ad un ragazzo 9-10 in tutte le materie e il massimo dei voti alle prove d’esame: perché mai dovrebbero farlo? E con quale tornaconto personale?

Forse qualcuno, allora, dovrebbe iniziare a leggere i saggi di diversi esperti di scuola (non solo italiani) e a chiedersi se i test Invalsi siano adeguati o meno per capire la reale preparazione di uno studente magari senza analizzare livelli di partenza, capacità critica, contesti economici e sociali, diritti più o meno calpestati (se pensiamo anche a diversi e recenti finanziamenti).

Più facile offendere, allora, i nostri meravigliosi ragazzi di Scampia che quest’anno hanno avuto la lode. Evidentemente, però, chi li offende non ha mai visto gli occhi tristi ma fieri di Anna. Anna non ha il padre e non avrebbe potuto permettersi di continuare a coltivare la sua passione ma era talmente brava che i suoi docenti le hanno offerto la possibilità di insegnare la danza ai bambini e di pagarsi da sola la retta. Evidentemente chi li offende anche dalle pagine dei grandi quotidiani nazionali non ha mai visto le mani di Maria su quel pianoforte al suo esame: quelle mani volavano e Maria sorrideva come sa fare ogni giorno nonostante i giorni tristi che ha vissuto e che non ha raccontato a nessuno. Evidentemente qualcuno deve smetterla di offendere i ragazzi del Sud e deve smetterla anche di offendere i loro insegnanti, gente che, oltre a Leopardi, spesso deve spiegare ai propri ragazzi che cosa sono le discriminazioni e i preconcetti, perché una parte del Paese ha la metà dei diritti dell’altra e come mai deve continuare a sopportare di essere offesa da politici, media e opinionisti.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Distributori bevande e snack, concessione del servizio. Una scheda di sintesi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 19 Ago 2022 – 06:33 Luciano Grasso Distributori bevande e snack, concessione del servizio.

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie 19 August 2022 Come vengono trattati i dati ad uso esclusivo dell’Istituto scolastico? Sul sito è stata pubblicata l’informativa? Quali dati possono essere portati a conoscenza dei soggetti interni alla scuola (e a quali categorie) e quali potranno essere portati a conoscenza di soggetti esterni operanti in qualità di addetti alla gestione o manutenzione di strumenti elettronici, oppure di altri soggetti esterni laddove la comunicazione sia prevista da norma di legge o di regolamento, oppure sia necessaria per lo svolgimento di compiti e finalità istituzionali? L’intervento suggerisce alcuni accorgimenti ad avvio di anno scolastico.

Diventare docenti 19 Agosto 2022

Concorso straordinario bis: pubblicate nuove GRADUATORIE. Data per le nomine. In aggiornamento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso straordinario bis di cui al comma 9bis del DL 73/2021: 14.

Tutto scuola 19 Agosto 2022

Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola 19 August 2022 Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro.

torna all'inizio del contenuto