Tutto scuola

18 Luglio 2022

L’odio? È un fatto politico, si può contrastare

L’odio? È un fatto politico, si può contrastare

18 July 2022

Non è vero che il cervello umano sia irrimediabilmente programmato per l’odio. Anzi, i più recenti sviluppi delle neuroscienze mostrano la natura empatica della mente di ciascun individuo, che tende naturalmente a rispecchiarsi e a identificarsi con l’altro, anche se esistono meccanismi inconsci che spingono gli esseri umani a percepire con paura ogni diversità. Paura che degenera in odio individuale e collettivo, tuttavia, solo se è manipolata politicamente, se è cioè intenzionalmente orientata da chi gestisce il potere politico verso un soggetto esterno costruito come un nemico: “stranieri, ebrei, rom, musulmani, donne, omosessuali, persone fragili” è l’elenco che ne fa Milena Santerini – docente di pedagogia generale e interculturale all’Università Cattolica di Milano e coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo – nel suo ultimo libro, intitolato La mente ostile. Forme dell’odio contemporaneo (Raffaello Cortina editore, 2021).

Secondo l’autrice, che si è a lungo occupata del tema anche come parlamentare nella scorsa legislatura, e ha fatto parte della Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza ECRI (European Commission against Racism and Intolerance) del Consiglio d’Europa, va combattuta nel mondo contemporaneo una vasta battaglia politica e culturale per svelare e rimuovere, all’interno di ciascun Paese, le radici dell’odio verso i diversi: i pregiudizi, le strumentalizzazioni, l’ignoranza. Di qui l’importanza di una corretta informazione pubblica e di politiche educative che diano ai giovani il senso di un comune destino di tutti gli esseri umani, cui va riconosciuta pari dignità a prescindere dalla loro identità sociale (condizione economica, sesso, origine etnica, religione e così via).

A proposito dei violenti conflitti etnici aggravatisi negli ultimi anni negli Stati Uniti d’America, Santerini osserva che sarebbe sbagliato rispondere alle sopraffazioni dei poliziotti bianchi organizzando forme di contro-odio sociale a sfondo razziale: il riferimento è ai movimenti come Black Lives Matter e alla Cancel Culture, che finiscono per adottare, rovesciandola, la stessa logica discriminatoria, autoritaria e violenta dei loro avversari. In questo modo, anziché rimuovere le cause dell’odio, se ne raddoppiano gli effetti in una spirale montante senza fine e senza speranza.

È tutto ciò inevitabile? No, sostiene con convinzione Santerini, ma occorre studiare e comprendere le radici storiche e politiche dell’odio: “Quando facciamo parlare la storia si scoprono le differenze ma anche le costanti della mente ostile. La violenza appare non più inevitabile, ma frutto di un disimpegno morale che siamo ancora in tempo a contrastare”. Aggiungeremmo sommessamente: sempre che alla scuola, intesa deweyianamente come educazione alla democrazia, venga assegnata in modo chiaro e coerente questa mission.  Cosa che tra qualche difficoltà sta avvenendo in Europa e in Italia ma che incontra forti resistenze proprio negli USA, patria di Dewey. (O.N.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Visitare monumenti, con bambini al seguito, in questa estate caldissima? Per aiutare le famiglie è stato inaugurato il 27 luglio, nel  Parco archeologico del Colosseo, un Baby… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso DS: aperte le funzioni POLIS per la scelta della regione di assunzione da parte dei candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito del concorso nazionale… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo L’ANCODIS (Associazione Nazionale Collaboratori Dirigenti Scolastici) in una nota dichiara che “pur condividendo le criticità relative alle modalità di individuazione del cosiddetto docente esperto (termine che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come è noto il termine bullismo deriva dall’inglese “bullying” e viene usato nella letteratura internazionale per connotare il fenomeno delle prepotenze tra pari in un contesto… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola #IOnonESISTO è un progetto di fotografia, esperienza sanitaria, clinica, racconti di vite e di persone che ha ha lo scopo di far conoscere i Disturbi Alimentari, che interessano… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 11 Agosto 2022

Supplenze da GaE e GPS docenti 2022: come funziona l’algoritmo. Da quale classe di concorso si parte? prima il sostegno? [VIDEO]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email L’algoritmo che gestisce le domande di supplenze per i docenti per l’anno scolastico 2022/23 come funziona in merito all’assegnazione della sede? inizia dal candidato che ha il punteggio più alto oppure da una classe di concorso specifica? E il sostegno quando viene trattato? L’articolo Supplenze da GaE e GPS docenti 2022: come funziona l’algoritmo.

Dirigenti scolastici 11 Agosto 2022

Immissioni in ruolo dirigenti scolastici, istanze dal 9 al 12 agosto: 317 posti disponibili. AVVISO

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dal 9 al 12 agosto i dirigenti scolastici potranno presentare l’istanza per l’immissione in ruolo: in palio ci sono 317 posti vacanti e disponibili.

Guide e Vademecum 11 Agosto 2022

Sicurezza, i ruoli previsti dalla normativa, con modello di nomina a preposto da scaricare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 11 Ago 2022 – 06:18 Luciano Grasso Sicurezza, i ruoli previsti dalla normativa, con modello di nomina a preposto da scaricare 11 August 2022 Forniamo una guida chiara e schematica sui ruoli riconosciuti e disciplinati dalla normativa sulla sicurezza contenuta nel DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n.

Guide e Vademecum 11 Agosto 2022

Un esempio di contratto integrativo i istituto. Modello da scaricare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 11 Ago 2022 – 06:06 Antonio Fundarò Un esempio di contratto integrativo i istituto.

torna all'inizio del contenuto