Tutto scuola

28 Luglio 2022

Luca Serianni nel ricordo di Tuttoscuola

Luca Serianni nel ricordo di Tuttoscuola

28 July 2022

Qualche giorno fa ci ha lasciati Luca Serianni. Finalmente, quotidiani e media di ogni genere, in occasione della scomparsa di un grande rappresentante della cultura del nostro Paese, ne hanno dato la dovuta evidenza. Finalmente, gli interrogativi sugli accenti da porre sulle parole, i quesiti sul modo corretto o meno di usare queste ultime, per esprimere un pensiero o un sentimento hanno preso il posto sui raduni musicali estivi in corso in varie parti della penisola. Finalmente, un modello di docente, unanimamente apprezzato e, ancor più, amato da studenti e dagli stessi colleghi, ha cacciato dalle prime e seconde pagine dei giornali le foto e i titoli di uomini della politica e del mondo degli affari.

Che miracolo è questo? Ha un nome: Luca Serianni, professore emerito di storia della lingua italiana nella Sapienza, Università di Roma, Accademico della Crusca e dei Lincei, autore di numerosi libri, di grammatiche per le scuole e di approfondimento culturale della storia della lingua italiana e delle norme d’uso della stessa.

Si deve a T. S. Eliot l’affermazione secondo la quale “Ogni evoluzione vitale nel linguaggio è anche una evoluzione del sentimento”. Parole che rimandano al titolo di uno degli ultimi lavori di Luca Serianni, “Il Sentimento della lingua”, dal quale traggo una delle più significative e illuminanti risposte date al collega e suo antico “scolaro”, Giuseppe Antonelli, con il quale dialoga. Alla domanda che questi gli pone su cosa può fare un linguista per la scuola e per l’Università, Serianni risponde: “Nel caso della lingua italiana, avverto anche l’esigenza di un certo impegno civile: diffondere la padronanza della lingua e della sua storia è un modo per rafforzare il senso di appartenenza a una comunità”. Parole che suonano coerenti con quelle pronunciate circa cinque anni fa, quando alla Sapienza tenne la sua ultima lezione prima di andare in pensione. “Quando mi rivolgo a voi – disse agli studenti – è come mi rivolgessi allo Stato”.

Oltre gli accenti e la scelta delle parole e la costruzione di un periodo; oltre i dialetti, gli anglicismi, le norme linguistiche è forse la parola a rivendicare il suo primato. La scelta delle parole nell’uso di una lingua  manda la luce su quella che si può definire una visione del mondo e della vita.

Quando Luca Serianni parlava e si rivolgeva ad un amico o ad uno studente dava la sensazione di scegliere e di bilanciare con naturalezza le parole. Ho avuto la fortuna di essergli amico e di dialogare con lui intorno ai tavoli  del Ministero dell’istruzione, prima; successivamente, a quelli della Fondazione Bellonci e della Società Dante Alighieri, Istituzioni alle quali ha dedicato parte notevole dei suoi impegni culturali e scientifici.

La parola come modo nobile d’essere e di vivere con gli altri, la parola come moto dell’animo e della mente, la parola che non deve morire sotto la penna, a dispetto di ciò che ha sostenuto Goethe, ma deve dare e può dare libertà ed espressività compiuta, quando non è presa a caso. Credo che Luca Serianni, che ha dimostrato di interrogarsi non solo “da cosa deriva una certa parola, ma anche su come ci si arriva, attraverso quale trafila” condividerebbe queste notazioni. Ha meritato tanto Luca Serianni in ammirazione, onori e virtù civili, ma dal mio “dossier dell’amicizia” non escluderò quella gran voglia di vivere e abitare nei piani alti la cultura, indossandola come stile di vita e come ricerca continua della bellezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 20 Agosto 2022

Finestre aperte contro il Covid, valutare possibili controindicazioni nell’uso degli aeratori. NOTA Ministero [PDF]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il Ministero dell’Istruzione, nella nota emanata nella giornata di venerdì, a firma del capo dipartimento Stefano Versari, ribadisce quanto già definito dalle linee guida per l’aerazione e la qualità dell’aria nelle scuole.

Diventare docenti 20 Agosto 2022

Supplenze 2022, ecco quali tipologie di aspettativa e congedo è possibile chiedere alla firma del contratto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze 2022, ecco quali tipologie di aspettativa e congedo è possibile chiedere alla firma del contratto 20 August 2022 Una volta ottenuta la supplenza, all’esito della presentazione della domanda (termine ultimo 16 agosto), l’interessato può fruire degli istituti di aspettativa e congedo previsti dalla normativa vigente.

NOTIZIE 19 Agosto 2022

Rinnovo contratto enti locali, Ancodis: “E se prendessimo spunto per il rinnovo del CCNL scuola?  

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Rinnovo contratto enti locali, Ancodis: “E se prendessimo spunto per il rinnovo del CCNL scuola?   19 August 2022 È stata sottoscritta l’ipotesi di contratto collettivo nazionale per le funzioni locali.

torna all'inizio del contenuto