Notizie e comunicati

20 Novembre 2018

Mobilità, tutti titolari su scuola E ritorna la fase comunale

Mobilità, tutti titolari su scuola E ritorna la fase comunale

Italia Oggi

7 November 2018

Le modifiche comunicate dal miur durante la  contrattazione

di Marco Nobilio

Titolarità su scuola per tutti e ripristino della fase comunale. È quanto emerso nel secondo incontro sulla contrattazione per la mobilità, che si è tenuto il 15 novembre scorso a viale Trastevere tra i rappresentanti del ministero dell’istruzione e dei sindacati firmatari del contratto, Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda-Unams. L’amministrazione ha informato i sindacati della propria disponibilità a ripristinare i diritti dei docenti in materia di mobilità, anche in vista della cancellazione definitiva della chiamata diretta e degli ambiti territoriali. Cancellazione che avverrà tramite un apposito provvedimento legislativo. In VII commissione al senato sono stati presentati due disegni di legge in tal senso: il 753, primo firmatario Mario Pittoni (Lega) e 763, prima firmataria Maria Laura Granato (M5S). Entrambi i disegni di legge sono in sede redigente. L’intenzione del governo di disporre la cancellazione della chiamata diretta e degli ambiti territoriali si evince proprio dal fatto che i disegni di legge sono stati assegnati in sede redigente. L’esito di tale procedura consisterà nel fatto che il provvedimento, quando sarà assegnato all’esame dell’aula, sarà votato in blocco, senza procedere articolo per articolo. E ciò accelererà notevolmente i tempi di approvazione.

Le due proposte di legge, peraltro, non sono identiche, ma sono comunque conciliabili tra loro: il disegno di legge Pittoni prevede, infatti, la cancellazione della chiamata diretta, il disegno di legge Granato prevede espressamente anche la cancellazione degli ambiti. È probabile, quindi, che l’inizio dell’esame da parte della commissione del solo ddl Granato comporti l’assorbimento del ddl Pittoni. Che peraltro è perfettamente conciliabile con le disposizioni previste dal ddl Granato. La cancellazione della chiamata diretta comporterà il ripristino del diritto di tutti i docenti alla sede di titolarità. E ciò avverrà sia all’atto dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni, sia all’esito delle procedure di mobilità. Pertanto, i docenti non titolari che non parteciperanno alle operazioni di mobilità oppure se parteciperanno ma non otterranno l’accoglimento della domanda, otterranno la titolarità sulla scuola dove sono titolari di incarico triennale non appena le nuove disposizioni entreranno in vigore. Mentre i docenti che presenteranno la domanda di mobilità e se la vedranno accogliere, otterranno la titolarità sulla scuola dove saranno trasferiti oppure su quella alla quale saranno assegnati per effetto di un passaggio di ruolo o di cattedra.

L’amministrazione ha anche intenzione di ripristinare la fase comunale dei movimenti. Ciò vuole dire che I trasferimenti e i passaggi all’interno del comune avranno nuovamente la precedenza sui trasferimenti e i passaggi dei docenti provenienti da altri comuni. L’amministrazione e sindacati stanno anche lavorando alla possibilità di prevedere, nel prossimo contratto, i trasferimenti anche per i docenti di musica dei licei musicali.

Fonte dell’articolo: Italia Oggi

Mobilità, tutti titolari su scuola E ritorna la fase comunale

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi a Catanzaro, presso la Cittadella della Regione Calabria, il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha presentato l’Agenda Sud: un progetto del MIM rivolto… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Seconda prova maturità 2023: l’esame di Stato torna a essere quello che era prima della pandemia e i maturandi non stanno più nella pelle per l’agitazione. Siamo… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Nel corso del convegno “A cosa serve la scuola?”, organizzato nei giorni scorsi a Milano dal network di associazioni “Ditelo sui tetti”, il ministro dell’Istruzione e… [...]

Pubblicato da Italo Fiorin Il tema della valutazione degli apprendimenti e della qualità dell’offerta formativa ha assunto una rilevanza come mai ne ha avuta in passato. Il suo oggetto (“che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La valutazione è solo una procedura a valle della didattica o è un processo utile a migliorare l’insegnamento e l’apprendimento? Rispondere a questa domanda richiede di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 9 Giugno 2023

Carta del docente ai precari, ecco come fare per richiedere i soldi in caso di sentenza favorevole

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Carta del docente ai precari, ecco come fare per richiedere i soldi in caso di sentenza favorevole 9 June 2023 Sul sito Carta del docente un avviso che spiega come fare per richiedere i soldi spettanti a seguito di sentenza favorevole del giudice.

NOTIZIE 9 Giugno 2023

Scuole superiori di 4 anni anziché 5 e accesso diretto agli Its, ecco il piano Valditara che rilancia gli istituti professionali in crisi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuole superiori di 4 anni anziché 5 e accesso diretto agli Its, ecco il piano Valditara che rilancia gli istituti professionali in crisi 9 June 2023 Mettere nelle condizioni gli studenti di fare proprie conoscenze e competenze di tipo anche professionale per renderli pronti ad essere collocati nel mondo del lavoro: è questo l’obiettivo di fondo che ha convinto il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara a dare il via libera al liceo Made in Italy, dal quale usciranno giovani esperti di materie produttive, a potenziare i percorsi di Pcto, ma anche ad introdurre una globale riforma dell’istruzione professionale.

NOTIZIE 9 Giugno 2023

Immissioni in ruolo nella scuola per il 2023. Presentato ai sindacati il nuovo sistema informatizzato

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Immissioni in ruolo nella scuola per il 2023.

NOTIZIE 9 Giugno 2023

Femminicidio, Meloni: “Portare a scuola vittime delle violenze per raccontare le loro storie”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne “mi piacerebbe portare le vittime o i parenti delle vittime a raccontare la loro vicenda nelle scuole.

torna all'inizio del contenuto