NOTIZIE

6 Gennaio 2023

Nel 2023 TUTTI coloro che superano la Quota 103 sono già in pensione o possono chiedere l’anticipo, tranne i nati nel 1957

Nel 2023 TUTTI coloro che superano la Quota 103 sono già in pensione o possono chiedere l’anticipo, tranne i nati nel 1957

6 January 2023

Chi supera la quota 103 e raggiunge la quota 104 nel 2023 o è già in pensione o ha la possibilità di andarci, tranne chi è nato nel 1957. Ecco la mancanza di equità della quota 103.

Un nostro lettore, da una risposta che abbiamo fornito, ci ha dato uno spunto di riflessione molto interessante. La Quota 103 richiede determinati requisiti per l’accesso, ovvero almeno 62 anni di età e almeno 41 anni di contributi. Ma pur non rispettando questi requisiti, chi raggiunge la Quota 104, o è già in pensione o può richiedere l’anticipo pensionistico. Tutti, tranne coloro che sono nati nel 1957. E questo appare paradossale. E proprio per questo abbiamo voluto approfondire l’argomentazione che ci è stata proposta.

Lo strano caso dei nati nel 1957

Il nostro lettore ci scrive che “Nel 2023  TUTTI coloro, indipendentemente dall’anno di nascita,  che superano la Q103 e cioè vanno in Q104, sono già in pensione o possono chiedere l’anticipo, tranne i nati nel 1957″. Ed è vero.

Chi ha 67 anni e 37 anni raggiunge la Quota 104 e può accedere alla pensione di vecchiaia. Chi ha 65 anni e 39 (anche in questo caso si raggiunge la Quota 104) anni di contributi rientra nel pensionamento con la Quota 102 avendo cristallizzato il diritto, o è andato già in pensione nel 2022 o può farlo, comunque, anche nel 2023.

Chi ha 64 anni e 40 anni di contributi ha cristallizzato il diritto alla quota 100 nel 2021, e come per la quota 102, o è andato in pensione negli anni precedenti o, in ogni caso, può farlo anche nel 2023. Chi ha 63 anni e 41 anni di contributi, pur raggiungendo la quota 104, rientra nella quota 103 del 2023 e, quindi, può pensionarsi quest’anno.

Ma può accedere alla pensione quest’anno anche chi raggiunge la Quota 104 con 61 anni e 43 anni di contributi, grazie alla pensione anticipata ordinaria. In questo caso tutti i nati dal 1962 o anni successivi che hanno maturato almeno 43 anni di servizio (42 se donne) possono accedere al pensionamento anche senza la quota 103.

Gli unici che, pur raggiungendo la Quota 104 non hanno diritto alla pensione nel 2023 sono i nati nel 1957 poichè si troverebbero nella condizione di avere 66 anni di età e 38 anni di contributi. E l’unico modo di accedere alla pensione è quello di attendere il prossimo anno con la misura di vecchiaia. Il nostro lettore conclude la sua analisi scrivendo:

“Questa particolare discriminazione dà noia anche se capisco che è dovuta a superficialità dei legislatori che avrebbero dovuto affiancare ai Q103 (62+41) tutti i Q104 in questo modo i numeri non sarebbero variati di molto (si sarebbero aggiunti solo i nati nel 57 con 66+38=104) ma si sarebbe evitata una mancanza di equità di diritti.”.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto