Tutto scuola

26 Agosto 2022

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia, FISM: ‘Parità e gratuità, diritti e non obblighi’

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia, FISM: ‘Parità e gratuità, diritti e non obblighi’

26 August 2022

“Il segretario del PD, Enrico Letta, dal palco del Meeting di Rimini ha rilanciato la proposta contenuta nel programma elettorale del partito volta all’obbligo scolastico dalla scuola dell’infanzia. Nel programma non si parla tuttavia del finanziamento delle scuole paritarie d’infanzia quale parte integrante e qualificante del sistema integrato nazionale di educazione ed istruzione e nemmeno della promozione della libertà di scelta educativa dei genitori”. Inizia così una nota diffusa oggi dall’Ufficio di Presidenza della FISM, la Federazione Italiana Scuole Materne – alla quale nel nostro Paese fanno riferimento 9000 realtà educative frequentate da quasi mezzo milione di bambine, dove lavorano oltre quarantamila persone.

La nota afferma che “la riforma centrale per il segmento 0-6 anni sia la gratuità della scuola d’infanzia che deve essere completamente finanziata dallo Stato mediante l’approvazione dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di educazione ed istruzione ed il convenzionamento con le scuole paritarie”.

E, dopo aver ricordato che: “Gestite da soggetti privati, esse sono espressione del mondo cattolico ma non solo, e svolgono, con modalità non profit, funzione pubblica di istruzione riconosciuta dalla legge“, così conclude il testo: “La gratuità del servizio – del resto attesa da anni come piena attuazione della Legge 62-2000 anche nella parte economica, consentirà la generalizzazione dello stesso a beneficio di tutte le bambine ed i bambini, l’effettiva parità e la conseguente libertà di scelta educativa da parte dei genitori”.

Ricordiamo che, secondo l’analisi di fattibilità di Tuttoscuola dei programmi elettorali di Tuttoscuola, attualmente sono iscritti nelle scuole dell’infanzia statali e paritarie in età regolare (dai tre ai cinque anni) poco più di 1.200.000 bambini, pari all’89% di tutti i bambini censiti dall’ISTAT. L’introduzione dell’obbligo a partire dalla scuola dell’infanzia determinerebbe l’ulteriore scolarizzazione di circa di 150mila bambini, di cui, tenendo conto dell’attuale rapporto degli iscritti nelle scuole statali e paritarie, circa 96 mila verrebbero iscritti nelle scuole statali. Confermando l’attuale rapporto medio di bambini per sezione registrato nelle diverse regioni, verrebbero costituite più di 4.600 nuove sezioni nelle sole scuole statali. Tenendo conto della percentuale delle sezioni funzionanti a orario normale (con doppio organico) e di quelle funzionanti a orario ridotto (con un solo docente), l’organico degli insegnanti aumenterebbe di oltre 8.700 unità.

Il costo lordo a carico dello Stato ammonterebbe a circa 279 milioni all’annoMa la gratuità dei pasti a mensa, con la quale un’altra proposta del PD intende accompagnare l’obbligo scolastico nella scuola dell’infanzia, comporterebbe un onere aggiuntivo per tutti gli obbligati (oltre 902 mila) per tre miliardi e 337 milioni all’annoComplessivamente l’introduzione dell’obbligo con totale gratuità comporterebbe un onere di tre miliardi e 616 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Riparte da Gragnano (Napoli), la più importante campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, nell’ambito del progetto Generazioni Connesse di sensibilizzazione e prevenzione dei… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, 5 ottobre 2022, è la Giornata degli insegnanti, in cui si commemora la sottoscrizione delle Raccomandazioni dell’UNESCO sullo status di insegnante, la principale struttura di riferimento per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Contratto scuola: “E’ già successo: quasi 2 miliardi di euro destinati alla scuola scostati dai fondi del PNRR. E si prosegue: 300 milioni del budget a… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, serie generale, del 3 ottobre 2022, il decreto del 28 giugno 2022 contenente il regolamento del Concorso DSGA 2022, che detta le disposizioni concernenti le… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola di Elena Cappai “Riscopriamo il senso della scuola per contribuire alla rinascita del Paese”. E’ il titolo della XXII Conferenza della scuola in Piemonte, che si è… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 5 Ottobre 2022

Supplenze docenti 2022, le NOMINE: ancora nuovi turni, l’algoritmo continua. Bollettini provinciali

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Mobility manager: gratis e senza esonero all’insegnamento per il docente interessato. Ministero presenta nuovo testo

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Mobility manager: gratis e senza esonero all’insegnamento per il docente interessato.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Rinnovo contratto scuola, Aran “gela” i sindacati: la trattativa è ancora lunga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Rinnovo contratto scuola, Aran “gela” i sindacati: la trattativa è ancora lunga 5 October 2022 Se da una parte i sindacati della scuola “esultano” per i fondi stanziati per il salario accessorio (pari a 300 milioni di euro, l’Aran, invece, “frena”.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Covid, in caso di nuova ondata tornano le mascherine e lo smart-working. BOZZA Circolare Ministero

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Covid, in caso di nuova ondata tornano le mascherine e lo smart-working.

torna all'inizio del contenuto