Tutto scuola

31 Agosto 2022

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: la situazione attuale

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: la situazione attuale

31 August 2022

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: prima di parlare della situazione attuale è importante fare una premessa. Nella pubblicazione “Compulsory Education in Europe 2021/22 Eurydice – Facts and figures” sono riportate le situazioni relative all’obbligo scolastico di tutti gli Stati europei e le eventuali regioni autonome interne, compresi anche quelle non facenti parte dell’Unione. È un quadro esaustivo che evidenzia come siano soltanto due gli Stati che hanno previsto l’attivazione dell’obbligo a cominciare dai tre anni di età: Ungheria e Francia (sperimentale); tre a cominciare dall’età di 4 anni e 15 dal quinto anno. 

Quanto costerebbe introdurre l’obbligo nella scuola dell’Infanzia? Qui i calcoli di Tuttoscuola

Complessivamente in Europa circa la metà degli Stati e Regioni autonome ha introdotto l’obbligo scolastico dalla scuola dell’infanzia, limitandosi, tuttavia, quasi tutti, a prevederlo a decorrere dal quinto anno di età. In Italia la proposta di introdurre l’obbligo scolastico dalla scuola dell’infanzia non è nuova.

Alla fine degli anni ‘90 il ministro dell’istruzione Luigi Berlinguer aveva ipotizzato di anticipare l’obbligo scolastico a 5 anni, come inizio del primo anno della scuola elementare, per consentire di concludere l’intero percorso scolastico a 18 anni, ponendo i diplomati italiani in una condizione di parità con i coetanei europei in vista anche dell’accesso al mercato del lavoro.

La scuola dell’infanzia avrebbe perso, però, l’ultimo anno con una “decapitazione” che l’avrebbe snaturata. La proposta venne decisamente respinta. L’idea di ridurre di un anno l’intero percorso scolastico rimase, e il ministro successivo, Letizia Moratti, dopo varie ipotesi, introdusse la facoltà dell’iscrizione anticipata alla scuola elementare per i nati entro il 30 aprile.

Temendo che masse di potenziali anticipatari potessero svuotare l’ultimo anno della scuola dell’infanzia, il ministro Moratti estese l’anticipo di iscrizione al primo anno della scuola dell’infanzia come compensazione.

Nelle rilevazioni Education and training monitor 2020 la scolarizzazione dei bambini italiani di 4 anni di età sfiorava nel 2009 il 100% (99,8%), ma è andata gradualmente scendendo, fino a posizionarsi al di sotto dell’obiettivo del 95% di scolarizzazione fissato dall’Europa.

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: la situazione attuale

Il calo demografico, con un andamento che sembra irreversibile, sta colpendo, prima di ogni altro, il settore dell’infanzia che negli ultimi dieci anni ha perso oltre 380 mila iscritti, di cui più di 200 mila nella sola scuola paritaria.

La situazione attuale, destinata ad un’ulteriore erosione di bambini iscritti, è la seguente:

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: la situazione attuale

31 August 2022

Il quadro d’insieme dei bambini iscritti in scuole statali e paritarie nelle aree del Paese rispecchia anche la storia di questo settore: preponderanza delle statali al sud e nelle Isole, maggioranza delle paritarie al nord.

Complessivamente, tra statali e paritarie, sono sostanzialmente di uguale entità gli iscritti del Nord Ovest e quelli del Sud.

La Campania è la regione con il maggior numero di iscritti in scuole statali, mentre è la Lombardia ad avere il numero maggiore di bambini in scuole paritarie; la stessa Lombardia, con oltre 214mila bambini iscritti nelle diverse tipologie di scuole dell’infanzia, è la regione con il maggior numero di bambini iscritti.

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: la situazione attuale

31 August 2022

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia. Gli anticipi

È opportuno ricordare che tra i bambini iscritti vi sono anche gli anticipatari, nati, cioè dopo il 31 dicembre dell’anno di riferimento e, comunque entro il successivo 30 aprile.

Nei dati qui registrati le annate regolari sono quelle dei nati entro il 31 dicembre negli anni 2018 (tre anni di età), 2017 (quattro anni) e 2016 (cinque anni), mentre i dati degli “anticipatari” sono relativi ai nati nel 2019 entro il 30 aprile. 

Mediamente nelle scuole statali sono il 4,8% con punte del 9% in Calabria e in Molise, e in complesso del 7,7% nelle regioni del Sud, mentre nelle regioni settentrionali non vanno oltre il 2,3%.

Nelle scuole paritarie mediamente gli anticipi sono il 5,2% con punte del 13,9% in Calabria, del 12,5% in Molise e di oltre il 9% nelle altre regioni del Mezzogiorno, con la Sardegna all’8%, mentre le regioni settentrionali non vanno oltre il 3,9%.

È di tutta evidenza che, in regime di calo demografico, gli anticipi servono a mantenere i livelli di occupazione nelle regioni e nelle gestioni maggiormente interessate al calo di iscrizioni.

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: la situazione attuale

31 August 2022

Leggi tutti gli approfondimenti sull’obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia:

– La scolarizzazione per Regione (rapporto tra bambini nati e iscritti alla scuola dell’infanzia)

– Gli effetti della scolarizzazione totale

– I costi dell’obbligo nella scuola dell’Infanzia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola L’inglese è la lingua internazionale più diffusa al mondo, quella del web, dei social media (circa l’80% dei siti d’informazione online, magazine e personaggi online la utilizza)… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola E‘ “Energia e Clima” il tema del premio Celommi 2022 – 2023 aperto a tutte le scuole d’Italia che vorranno cimentarsi in molteplici linguaggi espressivi. Lanciato dall’IC Rita… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso DSGA: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del 28 giugno 2022 contenente il regolamento del Concorso DSGA 2022, che detta le disposizioni concernenti le procedure di selezione per… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Riparte da Gragnano (Napoli), la più importante campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, nell’ambito del progetto Generazioni Connesse di sensibilizzazione e prevenzione dei… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, 5 ottobre 2022, è la Giornata degli insegnanti, in cui si commemora la sottoscrizione delle Raccomandazioni dell’UNESCO sullo status di insegnante, la principale struttura di riferimento per i… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Sport alla primaria con Scuola Attiva Kids, le domande dei tutor entro l’11 ottobre. I requisiti

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Entro le ore 16 del’11 ottobre è possibile presentare domanda per partecipare alla procedura di selezione per Scuola Attiva Kids, il progetto rivolto a tutte le classi di scuola primaria delle istituzioni scolastiche statali e paritari.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Il debito del 730 non va obbligatoriamente sottratto dalla busta paga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il debito derivante dal modello 730 può anche non essere saldato con la busta paga ma pagando con modello F24.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti. Risposte dal Ministero nelle prossime settimane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

LIM sì o LIM no? Qual è il vero contributo formativo delle tecnologie a scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email LIM sì o LIM no? Qual è il vero contributo formativo delle tecnologie a scuola? Lettera 6 October 2022 Inviata da Giuseppe D’Angelo – Il lungo periodo di lockdown che ha impedito la didattica in presenza costringendo la Scuola ad inventarsi quella a distanza (DAD) ci ha fatto capire immediatamente quanto importanti possano essere le tecnologie informatiche multimediali, anche nella prassi quotidiana dell’insegnamento.

torna all'inizio del contenuto