NOTIZIE

2 Settembre 2022

Ore di sostegno, Miceli: “Il Parlamento voleva 5000 insegnanti di sostegno in meno ogni anno. Si voleva risparmiare sulle pelle degli alunni con disabilità” [VIDEO]

Ore di sostegno, Miceli: “Il Parlamento voleva 5000 insegnanti di sostegno in meno ogni anno. Si voleva risparmiare sulle pelle degli alunni con disabilità” [VIDEO]

2 September 2022

“Quello della quantificazione delle ore di sostegno è sempre stato un problema. Questa era inizialmente basata su alcuni documenti, la diagnosi funzionale, il profilo dinamico funzionale e una valutazione del gruppo di lavoro operativo. Tutto partita, dunque da un accertamento sanitario”, spiega Walter Miceli.

I tecnici ministeriali – prosegue l’avvocato – hanno ben pensato di sganciare l’attribuzione delle ore di sostegno dall’accertamento sanitario e basare la quantificazione delle ore di sostegno su un debito di funzionamento. Questo debito di funzionamento si doveva basare su un un profilo di funzionamento che però ad oggi non esiste“.

Pertanto, “non possiamo determinare le ore di sostegno se non utilizzando l’accertamento sanitario. Tutte le determinazione delle ore di sostengo basate sul debito di funzionamento sono illegittime, da impugnare“.

Miceli poi attacca: “Bisogna ricordare l’obiettivo del Parlamento era la riduzione degli insegnanti di sostegno, 5 mila in meno ogni anno“.

Alla fine -conclude – l’intento era di risparmiare sulla pelle degli alunni con disabilità. Per questo motivo, il Consiglio di Stato ha detto che sono le famiglie a dover reagire, insorgere contro il tentativo di ridurre le ore di sostegno”.

RIVEDI LA DIRETTA

Ore di sostegno, Miceli: “Il Parlamento voleva 5000 insegnanti di sostegno in meno ogni anno. Si voleva risparmiare sulle pelle degli alunni con disabilità” [VIDEO]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Favorire lo sviluppo di un ecosistema nazionale per la formazione delle nuove competenze digitali, supportare la valorizzazione delle migliori esperienze, anche in ambito Cloud Computing e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Da cardine del sistema educativo a categoria sottovalutata e costantemente sotto esame. Nel giro di qualche decennio lo status dei docenti italiani, specie di quelli della… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Scuola e PNRR. Il ministro dell’Istruzione uscente, Patrizio Bianchi, ha iniziato l’opera, ma sarà il prossimo inquilino di Viale Trastevere a doverla completare. Il PNRR destina… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola L’inglese è la lingua internazionale più diffusa al mondo, quella del web, dei social media (circa l’80% dei siti d’informazione online, magazine e personaggi online la utilizza)… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola E‘ “Energia e Clima” il tema del premio Celommi 2022 – 2023 aperto a tutte le scuole d’Italia che vorranno cimentarsi in molteplici linguaggi espressivi. Lanciato dall’IC Rita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Sport alla primaria con Scuola Attiva Kids, le domande dei tutor entro l’11 ottobre. I requisiti

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Entro le ore 16 del’11 ottobre è possibile presentare domanda per partecipare alla procedura di selezione per Scuola Attiva Kids, il progetto rivolto a tutte le classi di scuola primaria delle istituzioni scolastiche statali e paritari.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Il debito del 730 non va obbligatoriamente sottratto dalla busta paga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il debito derivante dal modello 730 può anche non essere saldato con la busta paga ma pagando con modello F24.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti. Risposte dal Ministero nelle prossime settimane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze GPS e algoritmo: riserve, precedenze, completamenti.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

LIM sì o LIM no? Qual è il vero contributo formativo delle tecnologie a scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email LIM sì o LIM no? Qual è il vero contributo formativo delle tecnologie a scuola? Lettera 6 October 2022 Inviata da Giuseppe D’Angelo – Il lungo periodo di lockdown che ha impedito la didattica in presenza costringendo la Scuola ad inventarsi quella a distanza (DAD) ci ha fatto capire immediatamente quanto importanti possano essere le tecnologie informatiche multimediali, anche nella prassi quotidiana dell’insegnamento.

torna all'inizio del contenuto