Tutto scuola

5 Gennaio 2023

Orientamento e iscrizioni superiori, a pochi giorni dal via 1 studente su 4 ancora totalmente indeciso

Orientamento e iscrizioni superiori, a pochi giorni dal via 1 studente su 4 ancora totalmente indeciso

5 January 2023

Andare o non andare al liceo? Questo il dilemma shakespeariano che attanaglia 1 studente su 4 tra coloro che, a brevissimo, saranno chiamati a scegliere l’indirizzo di studio e l’istituto dove passare – auspicabilmente – il prossimo lustro. A segnalarlo l’annuale Osservatorio sull’Orientamento scolastico del portale Skuola.net, costruito intervistando 1.800 alunni di terza media a tre settimane dal via della procedura di iscrizione. Infatti, solo il 50% degli intervistati pare aver “blindato” la decisione con largo anticipo, mentre un ulteriore 25% aveva sciolto la riserva sull’indirizzo di studi ma non sull’istituto in cui puntare al diploma

Come spesso accade, dunque, il momento di passaggio dalle medie alle superiori per molti studenti si trasforma in una situazione paradossale: da una parte sono invitati a fare una scelta che potrebbe incidere sul proprio futuro in maniera profonda, dall’altra sono costretti a prenderla senza un supporto efficace. Forse perché, ancora una volta, l’orientamento scolastico sembra essere un punto di debolezza del sistema scolastico: per 1 intervistato su 5 le attività organizzate dal proprio istituto sono state pressoché inesistenti. Relativamente più fortunato un ulteriore 50% per cui l’orientamento è avvenuto ma last minute, ovvero solo a partire dallo scorso settembre. Alla fine, solamente 3 su 10 hanno affrontato la questione per tempo, già dalla seconda media.

Oltre che sul tempismo, inoltre, si potrebbe questionare sull’efficacia di tali attività: solo il 40% ha trovato l’orientamento propostogli veramente utile a chiarirsi le idee. Mentre la restante parte lo ha bocciato parzialmente (44%) o totalmente (16%). Qualcosa di simile è avvenuto con il cosiddetto “consiglio orientativo”, che tutte le scuole sono tenute a fornire agli alunni: solo 1 su 3 dice di averlo preso come punto di partenza per capire dove iscriversi, mentre meno della metà (43%) lo ha giudicato inutilizzabile. Sempre meglio di quel 22% che non lo ha proprio ricevuto.

Non proprio la condizione ideale per una “classe” di studenti che sembra essere consapevole, anche più dei propri genitori, di quanto la decisione che prenderanno sia “pesante”. Oltre 3 intervistati su 4, infatti, sanno che il tipo di diploma superiore che andranno a ottenere condizionerà parecchio i propri sbocchi professionali. Cruciale, quindi, non sbagliare e non tralasciare alcun dettaglio. Per questo, circa un quarto (24%), nello scegliere l’indirizzo ha guardato soprattutto alla quantità di opportunità occupazionali o formative che potrebbe aprire dopo la Maturità.

Anche se, poi, la priorità – trasversale a tutte le ultime generazioni – rimane quella di far “incontrare” studi e inclinazioni personali: per 1 su 3 sarà questo l’aspetto fondamentale nel condurre verso un determinato percorso scolastico. Ma è corposa anche la rappresentanza di quanti chiedono alla scuola superiore di preparare al meglio all’università o di spianare la strada verso quanti più corsi di laurea differenti: la pensano così quasi 3 su 10.  Appena 1 su 10, invece, immagina di rivolgersi verso il mondo del lavoro con il solo diploma in tasca. Al contrario, sempre restando su questo tema, oltre 8 su 10 continuano a ritenere che l’università sia quasi un passaggio obbligato per avere un futuro di successo.

Ciò non vuol dire che si sottovaluti l’importanza che negli ultimi tempi stanno assumendo gli istituti tecnici e professionali, specie in ottica lavorativa. Infatti, gli studenti che al momento dell’indagine risultavano orientati verso un percorso liceale erano il 14% in meno rispetto a quanto si rilevava esattamente dodici mesi fa. Segno che, anche quest’anno, i licei potrebbero perdere qualche punto percentuale di gradimento? Presto per dirlo, ma gli indizi ci sono tutti.

Rispondendo, di fatto, agli appelli di tantissimi datori di lavoro. Una delle cause principali del mancato incontro tra la domanda e l’offerta sul mercato del lavoro nazionale risiede infatti nella carenza di figure tecnico-pratiche. E in questo senso non ha aiutato il trend dell’ultima decade che ha visto gli iscritti ai licei superare di netto quelli nell’istruzione tecnica e professionale. Un approccio che, guarda caso, sembra essere stato sostenuto più dalle convinzioni dei genitori che dei figli: solo il 28% di questi ultimi, infatti, considera l’istruzione liceale come la migliore in assoluto, laddove tra i grandi il dato schizza fino al 53%.

Per fortuna, però, oggi solamente per 1 su 7 il parere di mamma e papà sarà inevitabile ai fini dell’iscrizione. Almeno sulla carta. Infatti è impossibile non notare una correlazione fortissima tra i titoli di studio presenti in famiglia e l’orientamento. Tra coloro che hanno almeno un genitore laureato, solo il 15% al momento valuta una scelta diversa dal liceo. All’estremo opposto, se in casa il titolo di studio più elevato non supera la terza media, sempre il 15% valuta la possibilità di una carriera liceale. Inutile dire quanto questo possa condizionare la mobilità sociale.

La cosa che, invece, accomuna la maggior parte dei quasi 600.000 studenti chiamati a superare questo snodo fondamentale è la paura di non riuscire a trovare lavoro in futuro: già oggi è così per quasi 1 su 2. E oltre il 70% già mette in preventivo che la propria vita adulta potrebbe svilupparsi all’estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto