NOTIZIE

14 Settembre 2022

Pensioni, niente domanda di cessazione entro il 21 ottobre per docente collocato a riposo d’ufficio. Quali sono gli adempimenti

Pensioni, niente domanda di cessazione entro il 21 ottobre per docente collocato a riposo d’ufficio. Quali sono gli adempimenti

14 September 2022

La domanda di cessazione dal servizio non va presentata da chi è collocato a riposo d’ufficio, la domanda di pensione si.

I dipendenti statali che devono accedere alla pensione il 1 settembre 2023, dovranno presentare domanda di cessazione dal servizio entro il 21 ottobre 2022, così come previsto dal DM 238 dello scorso 8 settembre. Ma cosa accade a chi è collocato a riposo d’ufficio? Scopriamolo rispondendo alla domanda di una nostra lettrice che ci chiede:

Buonasera, ho letto che è stato pubblicato il decreto ministeriale 238 dell’8 settembre scorso e la nota 31924 stessa data, in cui ci sono le indicazioni operative per le cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1 settembre 2023 e che è stata fissata la data al 21 ottobre 2022, il termine finale per la presentazione da parte del personale ATA della domanda di cessazione per raggiungimento del massimo di servizio. Tenendo presente che il 21 aprile 2023 raggiungerò i 67 anni di età, vorrei sapere se la data di termine presentazione domande del 21 ottobre 2022 vale anche per me  considerando che per me scatterà il collocamento a riposo d’ufficio.

Potete chiarirmi le idee al riguardo? Grazie.

Cordiali saluti

Domanda di cessazione o no?

Per chi raggiunge i requisiti per la pensione di vecchiaia entro il 31 agosto scatta il collocamento a riposo d’ufficio dal 1 settembre dello stesso anno. Per chi, quindi, sarà collocato a riposo il 1 settembre 2023 non è necessario presentare domanda di cessazione dal servizio entro il 21 ottobre 2022 poichè non deve presentare dimissioni volontarie.

In ogni caso le consiglio, con l’inizio del nuovo anno, di “ricordare” al dirigente scolastico il fatto che lei sarà collocata a riposo d’ufficio per far redigere quanto prima il decreto di collocamento. Così come previsto anche dal punto 3.1 della Circolare del Dip.to di Funzione Pubblica n. 2 del 2015 “Rimane invariato il termine di preavviso per il recesso, che anche la nuova disposizione stabilisce in 6 mesi. Il recesso può essere anche comunicato in anticipo rispetto alla realizzazione dei relativi presupposti.”.

La comunicazione, quindi, deve avvenire 6 mesi prima la data di collocamento a riposo (di fatto, quindi, entro il  28 febbraio) anche per dare modo al dipendente di presentare domanda di pensione all’INPS alla quale, ricordiamo, va allegato obbligatoriamente il decreto di collocamento a riposo. Anche per il dipendente collocato a riposo, infatti, pur non essendo necessaria la domanda di cessazione, è obbligatorio presentare domanda di pensione all’INPS con un certo anticipo.

Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Promuovere la cultura della prevenzione e della sicurezza, a partire dalla scuola. È questo l’obiettivo di “MI stai a cuore”, la campagna di informazione e sensibilizzazione del Ministero dell’Istruzione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Ivana Barbacci, Segretaria generale della CISL/Scuola, persona visionaria e capace di generare motivazione e senso di partecipazione, racconta a Tuttoscuola l’orizzonte degli interventi che possono contribuire… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Un gruppo di studenti del Collegium Aloisianum di Linz (Austria) farà visita nei prossimi giorni al Liceo Classico del Convitto Nazionale Paolo Diacono, i cui studenti saranno coinvolti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola italiana sembra davvero aver voltato pagina e, dopo due anni e mezzo di piani di emergenza, nella maggior parte dei casi è praticamente tornata… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Credo che chi verrà, chiunque verrà, sulla base delle considerazioni che farà il nuovo governo, potrà ripartire non da zero ma da tre”. Da questa considerazione… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 30 Settembre 2022

Concorso ordinario secondaria 2020: le graduatorie. Aggiornato con A049, molti gli idonei

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso ordinario per la scuola secondaria di cui al DD n.

Diventare docenti 30 Settembre 2022

GPS 2022/24: le graduatorie pubblicate, ripubblicate e rettifiche. AGGIORNATO

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Graduatorie GPS per gli anni scolastici 2022/23 e 2023/24: sono giorni molto importanti.

Guide e Vademecum 30 Settembre 2022

L’accesso ad atti endoprocedimentali o esoprocedimentali quali differenze nella legittimità della richiesta

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 30 Set 2022 – 06:00 Antonio Fundarò L’accesso ad atti endoprocedimentali o esoprocedimentali quali differenze nella legittimità della richiesta 30 September 2022 I soggetti di cui all’articolo 7 e quelli intervenuti ai sensi dell’articolo 9 della legge.

Guide e Vademecum 30 Settembre 2022

Informazioni che il Dirigente deve fornire al lavoratore: modifiche normative e sanzioni. Focus

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 30 Set 2022 – 05:42 Luciano Grasso Informazioni che il Dirigente deve fornire al lavoratore: modifiche normative e sanzioni.

torna all'inizio del contenuto