NOTIZIE

6 Gennaio 2023

Permessi diritto allo studio: si possono utilizzare le ore anche per raggiungere la sede di esame o lezione

Permessi diritto allo studio: si possono utilizzare le ore anche per raggiungere la sede di esame o lezione

6 January 2023

Permessi diritto allo studio: dal 9 gennaio, data di ripresa delle lezioni dopo la pausa delle festività, i docenti e il personale ATA beneficiario nella singola provincia potrà usufruirne nella misura massima accordata. Il permesso potrà essere usufruito per il corso o percorso per cui è stato autorizzato, secondo una calendarizzazione di massima che consigliamo di presentare per tempo al Dirigente Scolastico.

Un nostro lettore chiede

sono una assistente tecnico, con contratto a t.d. fino al 30 giugno, lavoro per 36h a settimana. Ho chiesto le 150 ore per permessi studio e sono risultata idonea. Lavoro a Bologna ma studio a Palermo.  La mia Domanda è: per sostenere un esame a quanti giorni ho diritto? Sono considerate anche le tempistiche di spostamento?

La risposta è affermativa. Il contratto integrativo regionale dell’Emilia Romagna 2021 – 23 così dispone: “I permessi retribuiti sono concessi nella misura massima di 150 ore annue individuali per ciascun dipendente, sia a tempo indeterminato che a tempo determinato, coincidenti con l’orario di servizio, ivi compreso il tempo necessario per raggiungere la sede di svolgimento dei corsi/ esami. Essi decorrono dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno”.

Pertanto il tempo necessario per raggiungere la sede di esame o svolgimento del corso fa parte dei permessi.

Ricordiamo che i permessi possono essere fruiti con la seguente articolazione

  • permessi orario – utilizzando parte dell’orario giornaliero di servizio
  • permessi giornalieri – utilizzando l’intero orario giornaliero di servizio

Pertanto non c’è una regola che ci dica quanti giorni di permesso si possono utilizzare per un esame.

Si decide sulla base delle singole situazioni. Proponiamo un semplice esempio base: un dipendente potrebbe richiedere un giorno per il viaggio e uno per l’esame se ad es. il ritorno è previsto nella stessa giornata. Ma potrebbe anche verificarsi che non sia necessario usufruire di permessi per il viaggio perché questo si svolge in orario non coincidente con il servizio e che si renda invece necessario richiederlo per il giorno successivo all’esame non riuscendo ad organizzare diversamente il rientro.

In ogni caso si devono tenere presenti due situazioni

  • sarà interesse e cura del dipendente organizzare la fruizione dei permessi in modo da renderli sufficienti. Se ad es. so di dover svolgere più esami e ho un numero limitato di ore, ci si organizzerà in modo da economizzare il tutto.
  • il dipendente ha diritto  – nei limiti del possibile – ad una riformulazione dell’orario che salvaguardino sia il diritto alla formazione che lo svolgimento della propria mansione. Si pensi ad es. ad un docente che dovesse richiedere il permesso per diritto allo studio per più mesi sempre nella stessa ora della settimana. in questo modo verrebbe meno il diritto allo studio dei suoi studenti. Per questo motivo è consigliabile presentare per tempo un planning al Dirigente Scolastico in cui si esplicano giorni e tempi di richiesta delle ore, in modo da poter organizzare il servizio in maniera ottimale, nel pieno rispetto delle esigenze di tutti.

Diritto allo studio docenti e ATA: si possono già chiedere i permessi del 2023 se la graduatoria è definitiva. Cosa presentare a scuola

Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto