NOTIZIE

2 Agosto 2022

Personale non vaccinato sospeso, va riconosciuto l’assegno alimentare. Ordinanza tribunale

Personale non vaccinato sospeso, va riconosciuto l’assegno alimentare. Ordinanza tribunale

2 August 2022

La breve ordinanza in commento di un tribunale di merito, nell’attesa della decisione della Corte Costituzionale, si pronuncia sulla legittimità del riconoscimento dell’assegno alimentare al personale sospeso. Diritto che nel mondo della scuola come ben sappiamo è stato negato, ciò a prescindere da come la si possa pensare sulla questione dell’obbligo vaccinale che non è certamente messo in discussione. Si tratta di un caso che riguarda il personale sanitario ma si richiama una norma generale applicabile a tutti i dipendenti pubblici.

La questione

Il tribunale di Roma ricorda di aver rimesso, con separata ordinanza, gli atti alla Corte Costituzionale: a) per contrasto con gli articoli 3 e 4 della Costituzione dell’articolo 4 comma 7 del D.L.n.44/2021 conv. dalla legge 28 maggio 2021 n.76 richiamato dall’art. 4 ter comma 2 citato decreto, nella parte in cui limita ai soggetti esentati o differiti la possibilità di essere adibiti a “mansioni anche diverse, senza decurtazione della retribuzione, in modo da evitare il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2.”; b) per contrasto con gli articoli 2 e 3 della Costituzione dell’art. 4 ter comma 3 del D.L.n.44/2021 conv. dalla legge 28 maggio 2021 n.76 nella parte in cui recita “Per il periodo di sospensione, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati” escludendo, nel periodo di disposta sospensione in favore della odierna ricorrente ed in generale del personale di cui all’articolo 4 comma 1 lettera c) citata disposizione, l’erogazione dell’assegno alimentare previsto dall’art. 82 del D.P.R n. 3/1957 e dall’art. 68 CCNL del comparto sanità; ritenuto che per conciliare il carattere accentrato del sindacato di costituzionalità con il principio di effettività della tutela giurisdizionale (artt. 24 e 113 Cost.) occorre concedere una misura cautelare interinale fino alla successiva Camera di Consiglio da tenersi a seguito della restituzione degli atti da parte della Corte Costituzionale e quindi da ritenersi condizionata agli esti del giudizio di costituzionalità; rilevato che l’emanazione di tale misura non esaurisce la potestas judicandi in quanto non definisce la presente fase cautelare avanti a questo giudice monocratico avendo un effetto temporalmente limitato e subordinato al giudizio di costituzionalità (in tal senso vedi Corte Cost. n. 30 gennaio 2018 n.10); rilevato altresì che, in mancanza di detta misura interinale, nelle more dell’instaurazione e dello svolgimento del sindacato di costituzionalità la situazione giuridica dedotta potrebbe subire un pregiudizio grave ed irreparabile in considerazione: -della particolare durata della sospensione dal lavoro della ricorrente(…).

La mancata erogazione dell’assegno alimentare incide negativamente sulle primarie esigenze di vita

Rilevano, pertanto i giudici che la mancata erogazione dell’assegno alimentare, previsto invece per tutti i casi di sospensione cautelare dall’art. 82 DPR 3/1957, incide in maniera concreta ed attuale ed in via esponenziale con il passare del tempo, sulla possibilità di far fronte alle primarie esigenze di vita della ricorrente, ovvero di incidere in modo eccessivo sulle sua necessità di vita quotidiana come attestano la documentazione allegata (…)della circostanza che la disposizione in esame incide sui beni inerenti la dignità della persona la cui violazione non è ristorabile integralmente tramite l’eventuale diritto al risarcimento del danno;- della circostanza, evidenziata anche dalla giurisprudenza amministrativa (cfr. Tar Lombardia sez. I del 1° febbraio 2022, Tar Lazio del 2 febbraio 2022 n.726), che dalla privazione della retribuzione e quindi della fonte di sostegno delle esigenze fondamentali di vita derivano pregiudizi gravi ed irreparabili tali da non tollerare il differimento della misura cautelare sino all’esame della questione di costituzionalità; ritenuta quindi la sussistenza dei requisiti del fumus boni juris stante il rilevato contrasto della disciplina in esame con le disposizioni di cui agli articoli 2 e 3 e 4 della Costituzione e del periculum in mora per quanto sopra evidenziato; visto l’art. 82 del DPR n.3/1957 che recita “All’impiegato sospeso è concesso un assegno alimentare in misura non superiore alla metà dello stipendio, oltre gli assegni per carichi di famiglia”; il Tribunale di Roma, con Ordinanza 07 maggio 2022 ha ordinato provvisoriamente alla convenuta di corrispondere alla ricorrente l’assegno alimentare, pari al 50% dello stipendio da ultimo percepito.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro. E poi ancora: potenziamento insegnanti di sostegno, ius scholae, opportunità di crescita professionale per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola È difficile oggi, più di ieri, essere insegnanti. La società si è fatta più complessa, le trasformazioni continue ci mettono di fronte a problemi sempre nuovi… [...]

Di Diana Cipressi Un progetto di accoglienza, pensato come un momento di condivisione di attività laboratoriali ludico-didattiche destinate ad alunni di ordini diversi di scuola, sarà predisposto attraverso un ambiente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso dirigenti tecnici: parlare di Dirigenza tecnica significa comprendere la collocazione giuridica di questo profilo nel sistema scolastico italiano, ripercorrere le principali trasformazioni di questa funzione in relazione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Le prime ansie si sperimentano proprio tra i banchi di scuola. Ci si inizia a fare i conti dalla scuola primaria con le prime interrogazioni e… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Distributori bevande e snack, concessione del servizio. Una scheda di sintesi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 19 Ago 2022 – 06:33 Luciano Grasso Distributori bevande e snack, concessione del servizio.

Guide e Vademecum 19 Agosto 2022

Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Privacy relativa al trattamento di dati personali sito web istituzionale: scarica format di informativa alle famiglie 19 August 2022 Come vengono trattati i dati ad uso esclusivo dell’Istituto scolastico? Sul sito è stata pubblicata l’informativa? Quali dati possono essere portati a conoscenza dei soggetti interni alla scuola (e a quali categorie) e quali potranno essere portati a conoscenza di soggetti esterni operanti in qualità di addetti alla gestione o manutenzione di strumenti elettronici, oppure di altri soggetti esterni laddove la comunicazione sia prevista da norma di legge o di regolamento, oppure sia necessaria per lo svolgimento di compiti e finalità istituzionali? L’intervento suggerisce alcuni accorgimenti ad avvio di anno scolastico.

Diventare docenti 19 Agosto 2022

Concorso straordinario bis: pubblicate nuove GRADUATORIE. Data per le nomine. In aggiornamento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso straordinario bis di cui al comma 9bis del DL 73/2021: 14.

Tutto scuola 19 Agosto 2022

Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Verso le elezioni: tutte le proposte per la scuola 19 August 2022 Patti per la scuola, lezioni in presenza, miglioramento dell’alternanza scuola lavoro.

torna all'inizio del contenuto