Tutto scuola

31 Agosto 2022

Piano delle arti, candidature dal 15 settembre. Tutto quello che bisogna sapere

Piano delle arti, candidature dal 15 settembre. Tutto quello che bisogna sapere

31 August 2022

Il Ministero ha emanato l’avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati con il Piano delle Arti che, lo ricordiamo,  mira a  promuovere “l’apprendimento, la pratica, la creazione, la conoscenza storico-critica e la fruizione consapevole dei linguaggi artistici, quali requisiti fondamentali del curricolo, nonché la conoscenza del patrimonio culturale del passato e di quello contemporaneo nelle sue diverse dimensioni” (è stato adottato ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 60, il 12 maggio 2021, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’istruzione). L’avviso emanato dal Ministero definisce ora le finalità, i requisiti e le specifiche caratteristiche richieste per le proposte progettuali che possono essere presentate dalle reti di scuole dell’infanzia e del primo ciclo e dalle reti del secondo ciclo di istruzione. Entro quando bisogna realizzare i progetti finanziati con il Piano delle Arti? L’avviso specifica che si svilupperanno nel corso dell’anno scolastico 2022/2023 ma che possono eventualmente proseguire e concludersi nell’anno scolastico 2023/2024. Ecco di seguito tutto quello che bisogna sapere.

Piano delle Arti: chi può partecipare?

Le reti di scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione e le reti di scuole del secondo ciclo di istruzione composte da almeno tre istituzioni scolastiche e costituite secondo le indicazioni di cui all’articolo 2 dell’Avviso. Ciascuna scuola può partecipare aderendo ad un’unica rete. Qualora la rete sia costituita da scuole di diverso ordine e grado, è necessario sia garantita la prevalenza di uno dei due cicli e che la scuola capofila appartenga allo stesso (es. candidatura al finanziamento previsto per le reti del I ciclo presentata da scuola capofila del I ciclo e altre quattro II.SS., due del I ciclo e due del II ciclo, per un numero complessivo pari a 5). Non è ammessa la partecipazione di singole scuole.

Piano delle Arti: a quanto ammonta il finanziamento? 

L’Avviso ripartisce lo stanziamento di ottocentomila euro secondo le seguenti percentuali: il 60% (pari a 480mila euro) da destinarsi ai progetti presentati dalle reti di scuole dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione; il  40% (pari a 320mila euro) da destinarsi ai progetti presentati dalle reti di scuole del secondo ciclo. Il valore di ogni proposta progettuale di rete non deve essere inferiore a dodicimila euro e non deve superare ventiquattromila euro. 

Piano delle Arti: chi deciderà quali progetti finanziare?

La Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione, sulla base della valutazione della commissione di cui all’articolo 6, comma 1, lettera b), dell’Avviso, assegnerà a ciascun progetto positivamente valutato una somma tra i 12 e i 24mila euro, modificabile nella misura massima del 10% in eccesso o in difetto (es. finanziamento per un importo minimo pari a € 10.800,00; finanziamento per un importo massimo pari a € 26.400,00). Eventuali somme residue alla fine del riparto dei fondi verranno assegnate ai progetti giudicati idonei anche se afferenti alle somme originariamente destinate alle scuole di altro ciclo di istruzione.

L’elenco dei progetti approvati sarà pubblicato nella pagina del sito istituzionale dedicata al Piano delle Arti (https://www.miur.gov.it/il-piano-delle-arti). L’intero importo del finanziamento verrà erogato prima dell’avvio dei progetti dalla Direzione generale per le risorse umane e finanziarie (DGRUF) alle scuole capofila delle reti individuate quali beneficiarie.

Piano delle Arti: quali proposte possono essere avanzate dalle reti di scuole?

Quelle rientranti nella “MISURA D” cioè la  “promozione da parte delle istituzioni scolastiche, delle reti di scuole, dei poli a orientamento artistico e performativo, di partenariati con i soggetti del Sistema coordinato per la promozione dei «temi della creatività», per la co-progettazione e lo sviluppo dei «temi della creatività» e per la condivisione di risorse laboratoriali, strumentali e professionali anche nell’ambito di accordi quadro preventivamente stipulati dal Ministero dell’istruzione, nonché dal Ministero della cultura, di concerto con il Ministero dell’istruzione”.  In particolare, protocolli di intesa  – di durata almeno annuale – volti a realizzare collaborazioni stabili tra soggetti del sistema coordinato per la promozione dei «temi della creatività» e reti di istituzioni scolastiche presenti sul territorio per la messa a disposizione, in favore delle scuole, di risorse laboratoriali, strumentali e professionali, non presenti nelle scuole, per lo sviluppo dei «temi della creatività»; attivazione di tirocini di studenti universitari e delle istituzioni AFAM, anche in collaborazione con i soggetti del sistema coordinato per la promozione dei «temi della creatività», da svolgersi presso le istituzioni scolastiche al fine di promuovere progetti di sviluppo dei temi della creatività e la co-progettazione di percorsi di ricerca. 

I progetti, quindi, sono realizzati prioritariamente valorizzando le collaborazioni tra le reti di istituzioni scolastiche e i soggetti del sistema coordinato per la promozione dei temi della creatività al fine di diffondere attività didattico – educative significative nelle scuole, nei territori e nei luoghi della produzione artistica e culturale quali, ad esempio, musei, teatri, biblioteche, archivi, sale da concerto.

Piano delle Arti: i tempi per presentare le candidature

Le schede progettuali dovranno essere compilate dalla scuola capofila di rete attraverso la piattaforma resa disponibile da INDIRE, a partire dal 15 settembre 2022, al seguente link: http://pianodellearti.indire.it/bandi. La scheda progettuale, dopo la compilazione, deve essere scaricata in formato .pdf, firmata dal dirigente della scuola capofila di rete e inviata all’indirizzo di posta elettronica certificata dgosv@postacert.istruzione.it tassativamente entro le ore 14.00 del 14 ottobre 2022. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Favorire lo sviluppo di un ecosistema nazionale per la formazione delle nuove competenze digitali, supportare la valorizzazione delle migliori esperienze, anche in ambito Cloud Computing e… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Da cardine del sistema educativo a categoria sottovalutata e costantemente sotto esame. Nel giro di qualche decennio lo status dei docenti italiani, specie di quelli della… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Scuola e PNRR. Il ministro dell’Istruzione uscente, Patrizio Bianchi, ha iniziato l’opera, ma sarà il prossimo inquilino di Viale Trastevere a doverla completare. Il PNRR destina… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola L’inglese è la lingua internazionale più diffusa al mondo, quella del web, dei social media (circa l’80% dei siti d’informazione online, magazine e personaggi online la utilizza)… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola E‘ “Energia e Clima” il tema del premio Celommi 2022 – 2023 aperto a tutte le scuole d’Italia che vorranno cimentarsi in molteplici linguaggi espressivi. Lanciato dall’IC Rita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Privacy tra i banchi di scuola e il “Garante per la protezione dei dati personali”: in allegato un esempio di circolare informativa

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il tema della Privacy entra a pieno titolo tra i banchi di scuola, come ha avuto modo di sottolineare il “Garante per la protezione dei dati personali” che in svariate occasioni si è soffermato su: trattamento dei dati personali; telecamere; retta e servizio mensa; questionari per attività di ricerca; voti, scrutini, esami di Stato; inserimento professionale; recite e gite scolastiche; cellulari e tablet; temi in classe L’articolo Privacy tra i banchi di scuola e il “Garante per la protezione dei dati personali”: in allegato un esempio di circolare informativa sembra essere il primo su Orizzonte Scuola Notizie.

Tutto scuola 6 Ottobre 2022

PNRR e scuola: i nodi che passeranno in eredità al nuovo Ministro

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola e PNRR.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Sport alla primaria con Scuola Attiva Kids, le domande dei tutor entro l’11 ottobre. I requisiti

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Entro le ore 16 del’11 ottobre è possibile presentare domanda per partecipare alla procedura di selezione per Scuola Attiva Kids, il progetto rivolto a tutte le classi di scuola primaria delle istituzioni scolastiche statali e paritari.

NOTIZIE 6 Ottobre 2022

Il debito del 730 non va obbligatoriamente sottratto dalla busta paga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Il debito derivante dal modello 730 può anche non essere saldato con la busta paga ma pagando con modello F24.

torna all'inizio del contenuto