Tutto scuola

18 Luglio 2022

PIANO SCUOLA 4.0: l’ambizione di un nuovo modello/1. Sarà la volta buona?

PIANO SCUOLA 4.0: l’ambizione di un nuovo modello/1. Sarà la volta buona?

18 July 2022

Tra i documenti del ministero dell’istruzione nell’ambito del PNRR il Piano Scuola 4.0 è quello che tenta una sintesi tra gli spazi, le tecnologie digitali e l’innovazione pedagogico-didattica. Dopo aver agito sui contenitori: strutture scolastiche, reclutamento del personale, programmazione della rete dei servizi, sugli aspetti sociali del contrasto alla dispersione e riduzione dei divari territoriali; in attesa che si completino gli aspetti ordinamentali soprattutto in merito all’istruzione tecnica e professionale e superiore, con il Piano Scuola 4.0 si vuole entrare non solo nella diffusione delle tecnologie digitali, ma più direttamente nella funzione di potenziamento alla formazione da parte di queste ultime nell’intreccio con la progettazione degli spazi, per la creazione di ambienti di apprendimento che portino alla realizzazione di scuole nuove.

L’obiettivo che si pongono gli estensori è che rappresenti il vero salto di qualità che dà significato e motiva all’uso del digitale, che non è semplicemente un complemento strumentale all’insegnamento, ma va ad incidere in profondità su di esso per adattarsi ad una società in cui l’esperienza tecnologica è sempre più parte della vita dei giovani e diventa un utile mediatore per lo sviluppo stesso della conoscenza, fino ad influenzare i rapporti tra pedagogia e architettura in una finora inedita capacità di costruzione di edifici che facilitano lo scambio tra ambienti  reali e virtuali.

Il piano dunque non configura la giustapposizione tra aule tradizionali e didattica a distanza, ma propone il ruolo dello spazio come “terzo educatore”. Un ambiente di apprendimento innovativo mette al centro dell’azione educativa le esigenze degli studenti, secondo un principio di flessibilità, molteplicità delle funzioni, collaborazione, inclusione, apertura verso l’esterno e utilizzo delle tecnologie. Ma per attuare la trasformazione degli attuali ambienti scolastici si richiede il coinvolgimento attivo dell’intera comunità per renderli sostenibili ed efficaci da un punto di vista educativo.

Il PNRR richiama il Piano Nazionale per la Scuola Digitale, introdotto a seguito della L.107 e le ricerche sulla progettazione innovativa presentate da INDIRE sulla scorta di esperienze europee, che avevano indotto il Ministero ad impartire già nel 2013 indirizzi progettuali di riferimento. In questi lunghi anni i risultati ottenuti sono stati mediamente lenti e piuttosto disomogenei. Per questo innanzitutto occorre promuovere un ampio programma di formazione alla transizione digitale per tutto il personale scolastico al fine, appunto, di fondere gli spazi fisici con gli ambienti digitali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Visitare monumenti, con bambini al seguito, in questa estate caldissima? Per aiutare le famiglie è stato inaugurato il 27 luglio, nel  Parco archeologico del Colosseo, un Baby… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso DS: aperte le funzioni POLIS per la scelta della regione di assunzione da parte dei candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito del concorso nazionale… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo L’ANCODIS (Associazione Nazionale Collaboratori Dirigenti Scolastici) in una nota dichiara che “pur condividendo le criticità relative alle modalità di individuazione del cosiddetto docente esperto (termine che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come è noto il termine bullismo deriva dall’inglese “bullying” e viene usato nella letteratura internazionale per connotare il fenomeno delle prepotenze tra pari in un contesto… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola #IOnonESISTO è un progetto di fotografia, esperienza sanitaria, clinica, racconti di vite e di persone che ha ha lo scopo di far conoscere i Disturbi Alimentari, che interessano… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 11 Agosto 2022

Supplenze da GaE e GPS docenti 2022: come funziona l’algoritmo. Da quale classe di concorso si parte? prima il sostegno? [VIDEO]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email L’algoritmo che gestisce le domande di supplenze per i docenti per l’anno scolastico 2022/23 come funziona in merito all’assegnazione della sede? inizia dal candidato che ha il punteggio più alto oppure da una classe di concorso specifica? E il sostegno quando viene trattato? L’articolo Supplenze da GaE e GPS docenti 2022: come funziona l’algoritmo.

Dirigenti scolastici 11 Agosto 2022

Immissioni in ruolo dirigenti scolastici, istanze dal 9 al 12 agosto: 317 posti disponibili. AVVISO

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dal 9 al 12 agosto i dirigenti scolastici potranno presentare l’istanza per l’immissione in ruolo: in palio ci sono 317 posti vacanti e disponibili.

Guide e Vademecum 11 Agosto 2022

Sicurezza, i ruoli previsti dalla normativa, con modello di nomina a preposto da scaricare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 11 Ago 2022 – 06:18 Luciano Grasso Sicurezza, i ruoli previsti dalla normativa, con modello di nomina a preposto da scaricare 11 August 2022 Forniamo una guida chiara e schematica sui ruoli riconosciuti e disciplinati dalla normativa sulla sicurezza contenuta nel DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n.

Guide e Vademecum 11 Agosto 2022

Un esempio di contratto integrativo i istituto. Modello da scaricare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 11 Ago 2022 – 06:06 Antonio Fundarò Un esempio di contratto integrativo i istituto.

torna all'inizio del contenuto