Tutto scuola

9 Gennaio 2023

PNRR/2: soluzioni obbligate per tutti indipendentemente dalle esigenze di ciascuna scuola

PNRR/2: soluzioni obbligate per tutti indipendentemente dalle esigenze di ciascuna scuola

9 January 2023

Riguardo all’azione sulla dispersione scolastica e i divari territoriali, ciò che è stato emanato è il D.M. 170, firmato dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in data 24 giugno 2022. Poi sei mesi di blackout, fino alla frettolosa emanazione delle Linee guida e istruzioni operative, avvenuta a cavallo della fine dell’anno. Restano alle 3.198 scuole beneficiarie solo 7 settimane, per tutte le azioni successive per firmare un “Atto d’obbligo” con l’Unità di Missione.

Una ripartizione dei tempi – nel ritardo generale – decisamente sbilanciata a sfavore delle scuole.

Dopo la pausa elettorale si sperava che il nuovo Governo, oltre a farsi carico del gravoso ritardo nell’implementazione del Piano che lo mette oggettivamente in difficoltà, mettesse in discussione l’impostazione e i contenuti degli Orientamenti per l’attuazione degli interventi nelle scuole, di cui Tuttoscuola aveva tempestivamente denunciato i limiti e proposto alternative (PNRR e dispersione: non è che si sta pensando a un mega ‘corso di recupero’?, 10 ottobre 2022). Speranza rimasta delusa, a parte il meritorio sblocco dell’impasse con il Ministero dell’economia riguardo ai compensi per il personale, ottenuto da Valditara.

Rimandiamo all’articolo citato per l’analisi delle pecche di impostazione (che evidentemente al Ministero non hanno letto o non considerato, benché avesse raccolto una larga condivisione nel mondo della scuola), tutte purtroppo confermate “pari pari”.

Indipendentemente dalle caratteristiche delle scuole, dalle loro esigenze, dal modello di scuola a cui si ispirano, dalla fattibilità pratica, è stato deciso centralmente che le scuole dovranno attuare determinati tipi di interventi (mentoring, counseling, formazione e orientamento per studenti e genitori, percorsi di potenziamento delle competenze di base, di motivazione e ri-motivazione, percorsi formativi e laboratoriali extracurriculari), che si tradurranno di fatto in un mega “corso di recupero” pomeridiano.. Chi ha detto che siano queste le strade migliori per abbattere la dispersione? Sono in grado di rispondere alle numerose cause, endogene ed esogene che sono alla radice del fenomeno?

“Se non si prevede l’introduzione di nuovi modelli educativi più efficaci, i docenti di oggi otterranno gli stessi risultati di sempre: se non sono in grado di coinvolgere alcune fasce di studenti che poi abbandonano, come potranno farlo seguendoli pure in orario extra scolastico? Il pericolo è che proprio gli studenti fragili a cui ci si rivolge possano percepire tutto ciò come una forma di accanimento terapeutico o addirittura un “raddoppio della pena”…

La definizione delle modalità di gestione e di spesa determinerà gli spazi di azione delle scuole, e assume dunque un’importanza fondamentale, al punto da poter affondare le possibilità di successo: vincoli eccessivi potrebbero ingabbiare le progettualità e ridurre il programma del PNRR sulla  riduzione dei divari territoriali e il contrasto alla dispersione scolastica a una sorta di mega corso di recupero pomeridiano, peraltro condotto con mezzi e strategie analoghi a quelli già messi in atto nelle singole scuole, se non verrà data alle stesse la possibilità di formarsi e di essere accompagnate”.

Lo scrivevamo tre mesi fa, quando si poteva ancora correggere un’impostazione sbagliata impressa dal precedente Governo… (anche se va detto che il ministro Valditara si è trovato a ricevere una “patata bollente e avvelenata”: le azioni su dispersione e Scuola 4.0, al momento in cui ha assunto l’incarico erano in grande ritardo e impostate male: non era facile modificarle in corsa, ma era anche l’ultima speranza per rimettere nella giusta carreggiata investimenti cospicui).

Valutazioni analoghe si possono fare purtroppo per la linea di investimento su Scuola 4.0 (2,1 miliardi di euro). L’Unità di missione ha voluto gli stessi criteri di spesa obbligati per tutte le scuole, quando lo sanno anche i muri del Ministero che ciascuna scuola ha caratteristiche, condizioni ed esigenze diverse dalle altre: un’impostazione intrinsecamente sbagliata. Basti dire a riguardo che si impone alle scuole di spendere almeno il 60% dei fondi in spese per acquisto di dotazioni digitali (e zero per la formazione per l’utilizzo, se non su altro capitolo di finanziamento scollegato e di là da venire): anche alle scuole che ne sono già ampiamente provviste, specie dopo i tanti finanziamenti ottenuti durante la pandemia. Avete capito bene: si obbliga ad acquistare dotazioni anche quando già si dispone di quelle necessarie e allo stato dell’arte (per la gioia di produttori e distributori). In altri termini – spiace sottolinearlo – imponendo a tutte le scuole di investire le risorse (ricevute a loro insaputa) con gli stessi criteri, si prevede in taluni casi l’obbligo di sprecare risorse pubbliche (che in buona parte, se non completamente in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi, dovranno essere restituite). Sembrerebbe incredibile, se non fosse vero.

Per ora non diciamo altro (ma lo faremo con analisi approfondite).

Per approfondimenti riguardanti la gestione dei progetti del PNRR affidati alle scuole si rinvia al webinar gratuito organizzato da Tuttoscuola per mercoledì 11 alle ore 16. Iscrizione gratuita da qui: https://www.tuttoscuola.com/pnrr-istruzioni-operative-webinar/

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto